Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Deep Internet: quello che i motori di ricerca non dicono

Chiunque di voi abbia mai trovato affascinanti i discorsi sull'antimateria (impossibile da vedere con mezzi normali, ma là fuori, forse più estesa della stessa materia) troverà interessante questa nota: c'è un'Internet "invisibile", o, meglio, "profonda", che i motori di ricerca ignorano, fonte di preziose informazioni e forse più grande, da 400 a 500 volte, delle pagine normalmente indicizzate e accessibili dai principali search engine.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-10-2001]

Questa parte di Internet ha un nome, deep Internet, e una causa per esistere: i motori di ricerca non riescono a indicizzare il contenuto di database i cui documento non siano direttamente collegati tramite link a pagine web. Questi database (che includono anche alcuni repertori arcinoti come i cataloghi di Amazon) sono appunto il cuore della deep Internet.

L'esistenza di una deep Internet fa sorgere alcune domande sulla natura dell'informazione disponibile on-line. In primo luogo, essa mette in discussione l'abilità dei motori di ricerca di fornire risultati sulla base di una conoscenza profonda dell'informazione su Internet (sarà anche per questo che di recente il motore di ricerca Google ha messo in secondo piano l'indicazione del numero di pagine contenute nel suo database).

In secondo luogo, essa ci spinge ad interrogarci su quante informazione ci sia on-line. A questa domanda ha cercato di rispondere un progetto dell'Università di Berkeley ("Cal") presentando una stima da brivido: 2 miliardi e mezzo di pagine all'inizio del 2000, con un tasso di crescita di 7,3 milioni di pagine al giorno. Secondo il progetto, la deep Internet conterrebbe non meno di 550 miliardi di documenti connessi on-line (il 95% dei quali accessibili gratuitamente).

In terzo luogo, la deep Internet ci pone davanti il problema di sviluppare nuove strategie e nuovi strumenti di ricerca. A questo hanno già pensato molte aziende produttrici di software che ci offrono i loro sistemi per navigare in questo nuovo oceano di informazione (peccato che questo software siano quasi tutti a pagamento). Tuttavia i software non bastano (anzi rischiano di complicare la vita restituendo troppi risultati): bisogna più che mai pensare a come discernere l'informazione essenziale, non solo da quella irrilevante, ma anche da quella importante o interessante.

Alcuni link:
- How much information project
- The Invisible Web (comprende elenco di tool per la ricerca)
- Bright Planet (prodotti e tutorial per la ricerca nel deep Internet)
- Dragon Deep Internet Search Engine Tool
- Accessibility and Distribution of Information on the Web by Steve Lawrence and Lee Giles

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita, di abbonarti al Feed RSS, di seguirci su Twitter o di visitare la nostra pagina su Facebook. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (699 voti)
Aprile 2014
Otto trucchi per risparmiare carburante
UPS, vietato svoltare a sinistra!
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Dal 1 aprile si pagano le commissioni sulla benzina
Tutti gli Arretrati

web metrics