Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (810 voti)
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Tutti gli Arretrati

La macchina che legge i sogni

Alcuni ricercatori giapponesi sono riusciti a visualizzare delle immagini partendo dalla sola analisi del cervello: è il primo passo verso la visualizzazione dei pensieri e dei sogni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-01-2009]

La macchina che legge i sogni dal cervello Neuron

"In futuro, diventerà possibile leggere i sentimenti e gli stati emotivi" e visualizzare i sogni "prelevandoli" direttamente dal cervello: è questo il traguardo che vede il dottor Yukiyasu Kamitani, ricercatore capo degli Atr Computational Neuroscience Laboratories giapponesi.

L'entusiasmo del dottor Kamitani deriva dal successo di un esperimento: partendo dall'analisi dell'attività cerebrale, i ricercatori sono riusciti a determinare quale immagine il soggetto in esame stesse guardando.

L'esperimento richiama per certi versi quello condotto in California nove mesi fa e che ha portato a risultati simili.

I soggetti sono stati sottoposti a risonanza magnetica funzionale per registrare i cambiamenti della circolazione del sangue nei loro cervelli mentre i ricercatori mostravano loro 400 immagini casuali (di 10 x 10 pixel) per 12 secondi ciascuna; durante questa operazione un computer raccoglieva i dati e associava i cambiamenti nell'attività del cervello con le diverse immagini.

Poi, ai soggetti è stato mostrato un nuovo set di immagini, tra cui le sei lettere della parola neuron (neurone): il computer, basandosi solo sull'attività cerebrale, è riuscito a ricostruire ciò che i soggetti stavano guardando.

Si tratta solo dell'inizio: per ora le immagini ottenute sono semplici e in bianco e nero, ma più le misurazioni diventeranno accurate, più facilmente si potrà costruire una macchina in grado di mostrare - analizzando l'attività del cervello - non solo quanto il soggetto sta vedendo con i propri occhi, ma anche quanto sta visualizzando nella propria mente. È la strada che porta alla visualizzazione dei sogni.

I ricercatori vedono poi un futuro in cui sarà possibile accedere alle immagini custodite direttamente all'interno della testa di un artista o, guardando la cosa da un punto di vista medico, aprire una finestra sulle menti dei pazienti affetti da allucinazioni.

Più concretamente, i risultati raccolti rappresentano un grande passo in avanti nella comprensione dell'attività cerebrale. In 10 anni, secondo il dottor Kamitani, i progressi in questo campo renderanno possibile leggere i pensieri di una persona con un discreto grado di accuratezza.

Possiamo solo immaginare le questioni etiche che questa tecnologia porterà con sé e sulle quali, al momento, i ricercatori giapponesi non sembrano volersi soffermare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 32)


chemicalbit
Bisogna vedere "di brutto" per chi. Anche chi internava gli ebrei, omosessuali, rom, ecc. ecc. nei campi di concentramento (anzi di lavoro "il lavoro rende liberi") diceva che lo faceva per prevenire che succedeva loro qualcoas di brutto, per proteggerli da possibli aggressioni da parte dela popolaizone cosiddetta... Leggi tutto
10-1-2009 19:24


panterarosa87
in quei casi si. leggere nel pensiero e buono perché se sta succedendo qualcosa di brutto previeni prima che succeda
10-1-2009 17:09


chemicalbit
Beh inquietante lo stesso, che qualcuno possa permetterti di darti del malato (sulla base di teorie provate mica tanto, e molto "maneggiabili" -la storia è piena di re, regine, ecc. ecc. scomodi fatti passare per pazzi, ad es. ), e in base a quello poi permettersi di leggerti il pensiero. :x 8-[ :incupito: :ipno: Leggi tutto
9-1-2009 23:42


panterarosa87
ma la macchina come distinguerebbe chi è malato?! è malato e quindi usi la macchina per curarlo? . E mia figlia la chiamo Lourdes Maria"? distingue chi e malato chi sta curando il paziente,che sta usando la macchina. tua figlia la puoi chiamare anche annunziata ma la medicina non fa miracoli
9-1-2009 21:22


chemicalbit
Usarla per dei (presunti) malati, ancora più inquietante Leggi tutto
8-1-2009 23:06

Leggi gli altri 27 commenti nel forum Scienze e nuove tecnologie
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics