La legge contro il peer to peer dimezza il traffico Internet

Da quanto Ipred è entrata in vigore, il consumo di banda in Svezia è calato del 40%. Preoccupati i provider.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-04-2009]

Svezia Ipred traffico Internet dimezzato p2p
Foto via Fotolia

Da un lato è la conferma di quanto un po' tutti sospettavamo: buona parte del traffico di rete è generato dal peer to peer. Dall'altro lato è una notizia preoccupante per i provider che, se la tendenza continua, avranno a disposizione linee veloci ma inutilizzate.

Il centro della questione è la legge antipirateria recentemente entrata in vigore in Svezia, la Ipred (Intellectual Property Rights Enforcement Directive) che consente ai detentori dei diritti violati di farsi consegnare dagli Isp i dati dei titolari degli indirizzi Ip usati dei condivisori.

L'effetto immediato di questa legge è stato un calo del 40% del traffico Internet, passato da 160/180 Gbit al secondo a 90/100 Gbit al secondo.

"Se le cose andranno avanti così" commenta Jon Kerlung, Ceo di uno dei maggiori provider svedesi, "la costosa infrastruttura che abbiamo creato diventerà inutile".

In Svezia la maggior parte degli utenti dispone di connessioni a 8 Mbit al secondo e sono già in sperimentazione connessioni a 40 Gbit al secondo: di questo passo, saranno inutili.

Secondo un esponente del Partito dei Pirati, Christian Engstrom, si tratta però di una situazione momentanea: quando gli utenti scopriranno come aggirare Ipred (rendendo anonime e non rintracciabili le proprie attività) il consumo di banda tornerà sui livello consueti, con grande gioia degli Isp.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

Comunque se la dovevano aspettare, magari il calo non Ŕ dovuto solo al fatto che non si pu˛ usare programmi p2p ma la prima cosa che l'utente vuole, Ŕ sapere di essere libero di usare internet con tutte le sue possibilitÓ, p2p compreso e se tu mi togli questa possibilitÓ a me mi urta. Gli sta bene alla Svezia, voglio vedere cosa... Leggi tutto
8-4-2009 16:33

Grazie Zeross sempre gentile e competente ;) Leggi tutto
8-4-2009 05:45

La carenza delle infrastrutture, che parlando in parole povere vuol dire edifici troppo piccoli per contenere tutti gli armadi rack, concorrenti che non vogliono costruire nuovi edifici, nemmeno prefabbricati dove alloggiare i rack, condotte troppo piccole per infilare tutti i cavi necessari, con la conseguente necessita dei trucchi... Leggi tutto
7-4-2009 15:43

Qualche commento ufficiale Leggi tutto
7-4-2009 13:59

Credo ci sia un errore di battitura nell'articolo, dove si menzionano linee a 8 megabit ed esperimenti con linee a 40 gigabit... :S lo vedo ottimista come esperimento...
7-4-2009 11:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali tra queste informazioni ti piacerebbe che fossero rese pubbliche?
I provvedimenti sanitari relativi a bar, ristoranti e altri locali pubblici.
Il casellario giudiziale con le fedine penali dei cittadini.
Le valutazioni sulle performance degli insegnanti scolastici e dei professori universitari.
Le transazioni immobiliari effettuate da ciascun cittadino.
I mutui accesi da ciascun cittadino.
Le dichiarazioni dei redditi di ciascun cittadino.

Mostra i risultati (1294 voti)
Giugno 2017
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Qualche chicca nascosta di Google
Antivirus e installazioni
Tutti gli Arretrati


web metrics