** Scopre un baco nel software del Bancomat: condannato **
[ZEUS News - http://www.zeusnews.com - 28 febbraio 2000]

Serge Humpich, l'ingegnere che aveva scoperto la falla nei Bancomat 
francesi (cfr. ZEUS News n. 20 del 26 gennaio 2000), e' stato condannato lo 
scorso venerdi' a dieci mesi di reclusione e al pagamento delle spese 
legali. La pena e' stata sospesa, ma rimane la condanna per tentata frode e 
per accesso non autorizzato a sistemi informatici.

Humpich non si era mai servito della sua scoperta per prelevare denaro dai 
Bancomat illegalmente, anche se avrebbe potuto farlo con estrema facilita'; 
viceversa, aveva cercato di "rivendere" le proprie conoscenze alle stesse 
banche francesi che, pero', l'hanno denunciato: Humpich era stato arrestato 
nei mesi scorsi e aveva perso il proprio lavoro. La colpa di Humpich e' 
quella di esser riuscito a riprogrammare una smart card che rispondesse 
affermativamente alla richiesta di avvenuta autenticazione del "Pin" (cioe' 
il codice segreto).

Un mese fa e' iniziato il processo, conclusosi venerdi': a nulla sono valsi 
gli sforzi della difesa per convincere i giudici che l'ingegnere aveva 
agito in buona fede. Non e' valso a nulla nemmeno il fatto che gia' dieci 
anni fa gli esperti di crittografia consideravano insicuro il sistema 
utilizzato dai Bancomat francesi (per la cronaca: crittografia con chiave 
di 340 bit): si veda a questo proposito la pagina 
http://www.parodie.com/shop/SmartCard19900810.jpg

Gli avvocati hanno gia' annunciato che presenteranno ricorso in appello. 
Per ulteriori informazioni consultate il sito http://altern.org/humpich.

Dario Meoli

-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-

** Il processo antitrust e le incompatibilita' di Windows 2000 **
[ZEUS News - http://www.zeusnews.com - 28 febbraio 2000]

Terminato definitivamente il dibattimento del processo antitrust, la 
Microsoft sembra intenzionata ad affrontare la decisione del Giudice 
Jackson ed eventualmente ricorrere in appello, piuttosto che giungere a un 
accordo stragiudiziale.

Favorite dal probabile esito della sentenza, sono salite a 100 le cause 
civili promosse dai consumatori che sostengono di essere stati danneggiati 
dalle attivita' monopolistiche della Microsoft. I consumatori (ma l'azione 
puo' essere intentata anche dai singoli Stati dell'Unione in loro nome) 
sono stimolati dal fatto che in caso di vittoria sarebbero risarciti con il 
triplo del danno subito.

Secondo alcuni studiosi una sentenza di condanna potrebbe coinvolgere anche 
Windows 2000, in quanto evoluzione di Windows 95 e 98 attualmente sotto 
esame. La Microsoft ha finora negato questa eventualita', sostenendo che si 
tratti di un prodotto completamente diverso, ma gli eventi sembrano 
smentirla. Infatti e' stata rilevata l'assoluta incompatibilita' di Windows 
2000 Professional con pcAnywhere della Symantec: l'installazione di 
quest'ultimo porta inevitabilmente ad un crash di sistema (un'accusa piu' o 
meno analoga riguardava Windows 95 e Netscape).

Edoardo Dezani

-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-

** In Spagna supermulta da 116 milioni per spam **
[ZEUS News - http://www.zeusnews.com - 28 febbraio 2000]

E' noto agli utenti di Internet il fenomeno dello spamming: chi ne e' 
colpito si vede recapitare nella sua casella di posta elettronica messaggi 
pubblicitari non richiesti che, in alto numero, possono intasare la sua 
mailbox.

In Spagna, un attivita' di questo tipo e' costata cara ad una ditta che, 
andando contro il volere di un suo cliente, gli ha mandato numerose e-mail 
indesiderate. Il garante spagnolo per la protezione dei dati ha cosi' 
sanzionato la ditta con una sanzione di 10 milioni di pesetas, circa 116 
milioni di lire, accusandola di aver violato la privacy di un cittadino 
attraverso Internet. E' la prima volta che in Spagna viene comminata una 
multa per un tale reato.

Cosa sarebbe successo se il fatto fosse avvenuto in Italia? Il decreto 
legislativo n. 185/99, entrato in vigore il 19/10/1999, regolamenta i 
contratti di acquisto che vengono stipulati in rete. L'art. 10 recita 
testualmente che "l'impiego da parte di un fornitore della posta 
elettronica richiede il consenso preventivo del consumatore" ed e' quindi 
vietato l'invio di e-mail *commerciali* non richieste. Le sanzioni vanno da 
1 a 10 milioni di lire.

Stefano Bussolino

-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-

** Attaccato dagli hacker il sito dell'Unesco in Brasile **
[ZEUS News - http://www.zeusnews.com - 28 febbraio 2000]

La scorsa settimana il sito dell'Unesco in Brasile e' stato oggetti di 
attacchi per ben due volte. Gli hacker hanno sostituito le pagine del sito 
con dichiarazioni contro il Fondo Monetario Internazionale e la politica 
economica del governo brasiliano; sono state inoltre criticate 
le  privatizzazioni fatte dal governo negli ultimi 6 anni.

Nessun file e' stato cancellato e nessuna informazione danneggiata; il 
rappresentante dell'Unesco in Brasile ha dichiarato che non si tratta di 
danneggiamento: "Questi hacker volevano solo protestare, non hanno rubato 
nulla". Una ricerca della Internet Security Systems in Brasile ha mostrato 
che il 67,5% delle aziende brasiliane su internet sono state colpite dagli 
hacker almeno una volta nel 1999.

Vinicius Ximenes Provenzano

-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-

** FBI: i pirati hanno colpito anche noi **
[ZEUS News - http://www.zeusnews.com - 28 febbraio 2000]

Dopo gli atti di pirateria informatica avvenuti le scorse settimane, lo 
stesso Bill Clinton aveva chiesto al "Bureau" di usare tutte le sue forze 
per scoprire i colpevoli. Mentre tutti i maggiori esperti informatici erano 
alla ricerca degli hacker, questi hanno colpito di nuovo: non piu' un sito 
commerciale, ma direttamente il server dell'FBI, che ha cosi' subito un 
disservizio durato alcune ore.

L'ammissione di avere subito un attacco non c'e' stata subito, ma la 
notizia e' trapelata a una settimana di distanza. L'attacco e' stato 
eseguito con le stesse modalita' con cui erano stati bloccati i siti di 
yahoo, eBay, Amazon e Cnn. Per l'FBI, che aveva promesso di trovare i 
colpevoli, diventa ora un vera battaglia, perche' c'e' in gioco anche il 
proprio onore.

Stefano Bussolino

-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-

** Yahoo! ha fatto scuola, gli attacchi proseguono in Brasile **
[ZEUS News - http://www.zeusnews.com - 28 febbraio 2000]

Il sito del portale Universo On Line (http://www.uol.com.br) e del motore 
di ricerca CadÍ (http://www.cade.com.br) sono stati oggetto di un attacco 
di "denial of service" simile a quello portato a Yahoo! ed eBay.

Attraverso un link, milioni di hits sono stati inviati dalla rete UUNet, 
causando difficolta' di accesso agli utenti per tutta la giornata di venerdi'.

Edoardo Dezani

-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-

** A Genova e' gia' tempo di uova di Pasqua **
[ZEUS News - http://www.zeusnews.com - 28 febbraio 2000]

La passione per gli Easter Eggs (programmini divertenti nascosti 
all'interno del software) sta contagiando anche i siti internet.

Provate infatti a inserire come parola da cercare kgzy2k nel sito della 
provincia di Genova (http://www.provincia.genova.it/prono/index.asp): nella 
pagina seguente la parolina ricompare come piccolo link, seguitelo e avrete 
una visione speciale della citta'.

Edoardo Dezani

-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-

** Le mani sul Festival di Sanremo **
[ZEUS News - http://www.zeusnews.com - 28 febbraio 2000]

Al culmine della kermesse sanremese il network 
audio-sperimentale/plagiarista dei FerrariStationWagon annuncia 
ufficialmente l'avvio del progetto Sanremo2000Remix, ovvero una 
esplorazione pratica delle nuove attitudini musicali scaturite 
dall'interazione dinamica tra estetiche ricombinative, software per il 
trattamento sonoro e tecnologie di rete.

Da sabato notte e' infatti possibile scaricare da internet, all'indirizzo 
http://www.technomusic.org/fsw/index.html alcune tracce musicali composte 
esclusivamente mediante campionamenti, remix e cut-up dei brani eseguiti 
durante la cinquantesima edizione del Festival della Canzone Italiana.

Il risultato di questa jam-session in tempo reale e' un esilarante 
detournamento sonoro a base di easy-listening industriale, nella miglior 
tradizione del do-it-yourself, che raggiunge l'acme in una illuminante 
re-interpretazione della discussa performance di Jovanotti sul palco del 
Teatro Ariston. Altre tracce sono annunciate per i prossimi giorni.

Operazioni simili non sono nuove nel panorama della musica sperimentale e 
d'avanguardia: recente e' il caso di "Deconstructing Beck", compilation 
edita dell'etichetta statunitense Illegal Art e realizzata usando numerosi 
samples del celebre autore di "Loser" e "MTV makes me want to smoke crack". 
Altri esempi noti sono quelli di John Oswald, teorico della plunderphonia, 
e dei Negativland, passati alla storia per essere incappati nelle ire 
legali degli U2 a seguito di un remix irriverente di un loro brano. Ne' 
mancano precedenti anche in Italia, con i collage plagiaristi di Lieutenant 
Murnau. Tuttavia questa sembra essere la prima performance del genere 
centrata esclusivamente sulla rete.

FerrariStationWagon Ť un ensemble musicale formatosi allíinizio del 1998 
come semplice collettivo di "operatori culturali". Nel 1999 si trasforma in 
un progetto audio sperimentale i cui membri adottano tutti lo pseudonimo 
"Sandro Satie".

FerrariStationWagon

-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-

** Cisco annuncia un miglioramento di WAN e MAN **
[ZEUS News - http://www.zeusnews.com - 28 febbraio 2000]

Per supportare servizi di rete intelligente sempre piu' richiesti dal 
mercato internazionale, Cisco Systems, in occasione del Worldwide Partner 
Summit 2000, tenutosi a Las Vegas, il 23 febbraio, ha annunciato un 
miglioramento nell'efficienza di WAN (Wide Area Network) e di MAN 
(Metropolitan Area Network) per il Catalyst 6000, famiglia di switch 
multilayer ad alte prestazioni, con l'introduzione del nuovo modulo FlexWAN.

L'ultimo prodotto offerto dall'azienda californiana fornisce ai clienti una 
banda "scalabile", adattabile cioe' alle condizioni di traffico e alle 
applicazioni che la utilizzano, e servizi di rete intelligente "end-to-end" 
con una migrazione indolore verso networking in tecnologia ottica. Il 
FlexWAN, supportando 10 Gigabit Ethernet, rappresenta un significativo 
passo nell'evoluzione del Catalyst 6000 a diventare una delle piu' 
efficienti e versatili piattaforme di rete nel mercato futuro.

Esperti del settore quali Quan Nguyen, networking manager alla McGill 
University, dichiarano il nuovo modulo particolarmente adatto alle piu' 
moderne applicazioni Internet e Intranet (inclusi e-commerce ed 
e-learning), fornendo inoltre feature piu' robuste nella sicurezza del 
traffico, nella minimizzazione delle congestioni della rete, nelle 
politiche di priorita' e accodamento del traffico trasmesso tra i segmenti 
LAN/WAN che consentono di trasportare in modo efficiente voce e video da 
estremo ad estremo della rete.

Elisa Caredio
  
Italia HyperBanner Network