Facebook blocca l'accesso ai dati personali

In seguito alle proteste degli utenti, le applicazioni non potranno più accedere a indirizzi e numeri di telefono.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-01-2011]

Facebook indirizzi numeri applicazioni terze parti

A pochi giorni dall'introduzione, Facebook ha sospeso una caratteristica che rischiava di rappresentare un serio problema per la privacy degli utenti.

La novità era rappresentata da un'aggiunta alla richiesta di permesso che si presenta quando si scarica un'applicazione di terze parti: oltre all'accesso a nome, avatar, lista degli amici e via di seguito, Facebook aveva concesso la possibilità di accedere anche all'indirizzo di casa e al numero di cellulare.

Il problema è che molti utenti nemmeno si sono accorti dell'aggiunta e hanno continuato a dare il proprio assenso, senza notare che consegnavano in questo modo alcuni dati legati alla loro vita "reale".

Considerando il fatto che alcuni produttori di applicazioni sono stati accusati di vendere i dati ottenuti da Facebook, il rischio per la privacy era più che concreto. L'articolo continua sotto

Così il social network ha deciso di "disabilitare temporaneamente" l'accesso all'indirizzo e al numero di cellulare, anche a causa dell'elevato numero di reazioni negative ricevuto.

Un portavoce di Facebook ha aggiunto che un'applicazione può chiedere soltanto quelle informazioni che poi utilizza: se quindi, per esempio, non ha nulla a che fare con i cellulari, non potrà chiedere il numero.

Al momento il personale del social network sta lavorando per migliorare la consapevolezza degli utenti circa i dati che condividono quando danno il proprio consenso alle applicazioni: l'accesso ai dati ora sospeso tornerà dunque ben presto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi grandi portali visiti pių frequentemente?
Libero
Blogspot
YouTube
Virgilio
Facebook
Wikipedia
Live (MSN)
eBay
Google
Yahoo!

Mostra i risultati (4417 voti)
Aprile 2024
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Il piano Merlyn, ovvero la liquidazione di Tim
Falla nelle serrature elettroniche, milioni di stanze d'hotel a rischio
L'antenato di ChatGPT in un foglio Excel
La valle inquietante
La crisi di Tim e la divisione sindacale
La fine del mondo, virtuale
WhatsApp e Messenger aprono agli altri servizi di chat
Permainformatica
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 aprile


web metrics