Smartphone come cocaina per i bambini, il sexting è normale per le ragazzine

La dipendenza dagli apparecchi elettronici non è diversa da quella da droga.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-06-2017]

smartphone ragazzi cocaina

«Io lo dico sempre: quando ai figli si danno tablet o smartphone, in realtà si sta dando loro una bottiglia di vino o un grammo di cocaina».

Non va tanto per il sottile Mandy Saligari, direttrice della Harley Street Clinic di Londra e una dei maggiori esperti di dipendenze, quando deve esprimere la propria opinione su quei genitori che danno apparecchi elettronici ai propri bambini.

La dipendenza generata nei giovanissimi da smartphone e tablet non è una fissazione della dottoressa: è comprovata da uno studio, recentemente pubblicato, dal quale emerge come ormai anche per bambini di tre o quattro anni sia normale passare in media, ogni settimana, sei ore e mezza collegati a Internet.

L'abitudine all'uso di quegli strumenti - spiega la dottoressa Saligari - fa sì che alcuni comportamenti pericolosi non siano percepiti come tali: per esempio il sexting, ossia l'invio di immagini e selfie a contenuto erotico o sessuale, per molte ragazzine di tredici anni è ormai una pratica comune, assolutamente normale, e diventa sempre più frequente con l'avanzare dell'adolescenza.

Il problema di fondo è che fin troppo spesso i genitori cedono alle richieste dei propri figli, i quali desiderano il telefonino. La dipendenza che si sviluppa, però, sarebbe del tutto analoga a quella generata da sostanza come la droga o l'alcol.

Sondaggio
Se fossi costretto a scegliere: un mese senza sesso o un mese senza smartphone, cosa sceglieresti?
Il problema non si pone: non faccio sesso.
Il problema non si pone: non ho uno smartphone.
Rinuncerei più volentieri al sesso piuttosto che separarmi dallo smartphone.
Rinuncerei più volentieri allo smartphone piuttosto che fare a meno del sesso.

Mostra i risultati (3503 voti)
Leggi i commenti (35)

«Perché poniamo meno attenzione a queste cose, rispetto a quanto facciamo per la droga o l'alcol, quando a livello di impulsi cerebrali il funzionamento è lo stesso?» si chiede la dottoressa.

Per questo motivo è importante limitare il tempo passato davanti allo schermo: maggiore è il tempo e più facilmente nel cervello dei giovani si genera il "bisogno" di continuare a servirsene.

Tutto ciò ha conseguenze nel mondo reale. Non soltanto l'eccessiva frequentazione del web ingenera nelle giovani menti un'idea distorta di come funzionino le relazioni interpersonali, ma spesso espone i ragazzi a comportamenti inappropriati che possono sfociare in vere e proprie molestie.

La dottoressa Saligari rileva come il numero dei suoi pazienti tra i 16 e i 20 anni che lamentano una vera dipendenza dallo smartphone (o dal tablet) è di molto aumentata negli ultimi dieci anni: ormai due terzi dei suoi pazienti in quella fascia d'età ne soffre.

Inoltre, «Tantissime mie pazienti sono ragazze di 13 e 14 anni coinvolte nel sexting, e lo descrivono come "completamente normale"». Diventa «sbagliato» soltanto se un genitore o un adulto lo scopre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
WhatsApp, così le immagini imbarazzanti resteranno fuori dalla galleria
Facebook lancia la chat per bambini
La dipendenza da smartphone altera il cervello
Il telefonino finto che aiuta a liberarsi dalla dipendenza da smartphone
La donna resa cieca da un videogioco
Pubblica su Facebook un tutorial per suicidi e si butta dalla finestra
L'anti-smartphone non suona, non bippa, non distrae
I 4 motivi per cui Facebook crea dipendenza
Sexting e minori, facile finire nei guai
Pornodipendenza, a rischio i fumatori e i più giovani
Miniguida contro il sexting e le sue estorsioni

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Ci saranno bambini di 4 anni più svegli di altri, mia figlia a 3 - 4 anni se mi prendeva il cellulare dovevo stare attenta che nello sfogliare le foto non me ne cancellasse qualcuna, o apriva la rubrica (e poteva lanciare chiamate), o la fotocamera, ma del resto sul mio telefono non ci sono giochi che attraggono un bambino con la loro... Leggi tutto
11-7-2017 09:36

Che ci sia l'adulto che lo favorisce per farlo distrarre con smartphone o simili ed evitare di doverlo seguire non ho dubbi. In quanto alla capacita di usare uno smartphone ho visto un pargolo di 4 anni che, dopo aver visto tutta una sequenza di azioni del genitore sul proprio smartphone, quando questi lo ha lasciato sul tavolo, se ne è... Leggi tutto
10-7-2017 17:30

Quello studio è stato fatto da bambini di 6 anni? E' chiaro che non è possibile, un bambino di 3 o 4 anni non sa ancora leggere e scrivere, mi dovrebbero spiegare come può riuscire a navigare in internet... :shock: Cliccando a caso sulle immagini visualizzate in un browser? Forse. Ma sta di fatto che a quell'età ci deve essere un adulto... Leggi tutto
10-7-2017 09:46

Ok per le basi, ok per il fatto che a un preadolescente o a un adolescente non puoi negare uno smartphone (forse) ma arrivare a: Francamente mi sembra decisamente troppo. :shock: Inoltre anche i preadolescenti ed adolescenti dovrebbe utilizzare questi strumenti per periodi di tempo limitati e sotto la supervisione dei genitori che,... Leggi tutto
9-7-2017 18:56

Saranno 3 anni che lo scrivi, ma non ti sei mai chiesto se questa legge sia veramente applicabile? O se è solo teoria? Non si tratta di fare i furbi. Hai figli? Conosci gente che ne ha? Prova a negare ad un preadolescente lo smartphone, dopo che tutti i compagni di classe e amici ce l'hanno, non puoi, non ci riuscirai. Figuriamoci ad... Leggi tutto
22-6-2017 22:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1992 voti)
Aprile 2020
Il Dns di Cloudflare guadagna il parental control
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics