Smartphone come cocaina per i bambini, il sexting è normale per le ragazzine

La dipendenza dagli apparecchi elettronici non è diversa da quella da droga.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-06-2017]

smartphone ragazzi cocaina

«Io lo dico sempre: quando ai figli si danno tablet o smartphone, in realtà si sta dando loro una bottiglia di vino o un grammo di cocaina».

Non va tanto per il sottile Mandy Saligari, direttrice della Harley Street Clinic di Londra e una dei maggiori esperti di dipendenze, quando deve esprimere la propria opinione su quei genitori che danno apparecchi elettronici ai propri bambini.

La dipendenza generata nei giovanissimi da smartphone e tablet non è una fissazione della dottoressa: è comprovata da uno studio, recentemente pubblicato, dal quale emerge come ormai anche per bambini di tre o quattro anni sia normale passare in media, ogni settimana, sei ore e mezza collegati a Internet.

L'abitudine all'uso di quegli strumenti - spiega la dottoressa Saligari - fa sì che alcuni comportamenti pericolosi non siano percepiti come tali: per esempio il sexting, ossia l'invio di immagini e selfie a contenuto erotico o sessuale, per molte ragazzine di tredici anni è ormai una pratica comune, assolutamente normale, e diventa sempre più frequente con l'avanzare dell'adolescenza.

Il problema di fondo è che fin troppo spesso i genitori cedono alle richieste dei propri figli, i quali desiderano il telefonino. La dipendenza che si sviluppa, però, sarebbe del tutto analoga a quella generata da sostanza come la droga o l'alcol.

Sondaggio
Se fossi costretto a scegliere: un mese senza sesso o un mese senza smartphone, cosa sceglieresti?
Il problema non si pone: non faccio sesso.
Il problema non si pone: non ho uno smartphone.
Rinuncerei pi volentieri al sesso piuttosto che separarmi dallo smartphone.
Rinuncerei pi volentieri allo smartphone piuttosto che fare a meno del sesso.

Mostra i risultati (3830 voti)
Leggi i commenti (35)

«Perché poniamo meno attenzione a queste cose, rispetto a quanto facciamo per la droga o l'alcol, quando a livello di impulsi cerebrali il funzionamento è lo stesso?» si chiede la dottoressa.

Per questo motivo è importante limitare il tempo passato davanti allo schermo: maggiore è il tempo e più facilmente nel cervello dei giovani si genera il "bisogno" di continuare a servirsene.

Tutto ciò ha conseguenze nel mondo reale. Non soltanto l'eccessiva frequentazione del web ingenera nelle giovani menti un'idea distorta di come funzionino le relazioni interpersonali, ma spesso espone i ragazzi a comportamenti inappropriati che possono sfociare in vere e proprie molestie.

La dottoressa Saligari rileva come il numero dei suoi pazienti tra i 16 e i 20 anni che lamentano una vera dipendenza dallo smartphone (o dal tablet) è di molto aumentata negli ultimi dieci anni: ormai due terzi dei suoi pazienti in quella fascia d'età ne soffre.

Inoltre, «Tantissime mie pazienti sono ragazze di 13 e 14 anni coinvolte nel sexting, e lo descrivono come "completamente normale"». Diventa «sbagliato» soltanto se un genitore o un adulto lo scopre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Miniguida contro il sexting e le sue estorsioni

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Ci saranno bambini di 4 anni pi svegli di altri, mia figlia a 3 - 4 anni se mi prendeva il cellulare dovevo stare attenta che nello sfogliare le foto non me ne cancellasse qualcuna, o apriva la rubrica (e poteva lanciare chiamate), o la fotocamera, ma del resto sul mio telefono non ci sono giochi che attraggono un bambino con la loro... Leggi tutto
11-7-2017 09:36

Che ci sia l'adulto che lo favorisce per farlo distrarre con smartphone o simili ed evitare di doverlo seguire non ho dubbi. In quanto alla capacita di usare uno smartphone ho visto un pargolo di 4 anni che, dopo aver visto tutta una sequenza di azioni del genitore sul proprio smartphone, quando questi lo ha lasciato sul tavolo, se ne ... Leggi tutto
10-7-2017 17:30

Quello studio stato fatto da bambini di 6 anni? E' chiaro che non possibile, un bambino di 3 o 4 anni non sa ancora leggere e scrivere, mi dovrebbero spiegare come pu riuscire a navigare in internet... :shock: Cliccando a caso sulle immagini visualizzate in un browser? Forse. Ma sta di fatto che a quell'et ci deve essere un adulto... Leggi tutto
10-7-2017 09:46

Ok per le basi, ok per il fatto che a un preadolescente o a un adolescente non puoi negare uno smartphone (forse) ma arrivare a: Francamente mi sembra decisamente troppo. :shock: Inoltre anche i preadolescenti ed adolescenti dovrebbe utilizzare questi strumenti per periodi di tempo limitati e sotto la supervisione dei genitori che,... Leggi tutto
9-7-2017 18:56

Saranno 3 anni che lo scrivi, ma non ti sei mai chiesto se questa legge sia veramente applicabile? O se solo teoria? Non si tratta di fare i furbi. Hai figli? Conosci gente che ne ha? Prova a negare ad un preadolescente lo smartphone, dopo che tutti i compagni di classe e amici ce l'hanno, non puoi, non ci riuscirai. Figuriamoci ad... Leggi tutto
22-6-2017 22:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino generalmente personale, spesso il tablet condiviso in casa. E' cos?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1955 voti)
Marzo 2023
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 marzo


web metrics