L'app che ti dice quanto è "smart" il tuo smartphone



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-07-2018]

ai benchmark

Tutti sanno, o dovrebbero sapere, che lo smart in smartphone sta per furbo, intelligente. L'idea è che, rispetto ai vecchi cellulari, uno smartphone abbia una marcia in più.

Di questi tempi, parlare di intelligenza relativa ai dispositivi elettronici significa parlare di Intelligenza Artificiale, tanto che tutti i maggiori produttori fanno a gara per affermare che i propri dispositivi sono i maggiormente dotati in fatto di IA.

Come fa però un semplice utente a sapere se le dichiarazioni dei produttori corrispondano al vero? Usando l'app AI-Benchmark creata dai ricercatori del Politecnico di Zurigo.

Lo scopo, come si può intuire dal nome, è mettere alla prova gli smartphone e i tablet sul mercato, assegnare loro un punteggio sottoponendoli a compiti per i quali gli strumenti più adatti sono le funzioni di intelligenza artificiale, e stilare così una classifica.

Sono nove i lavori che l'app prende in considerazione: si tratta di compiti che vanno dalla classificazione delle immagini al riconoscimento facciale, dalla capacità di eliminare le sfocature in una fotografia al miglioramento delle immagini.

Sondaggio
Quale è il motivo principale della tua scelta di cambiare fornitore di ADSL o di fibra ottica?
Maggiore velocità
Tariffe più convenienti
Tv in aggiunta
Telefonia mobile in aggiunta
Altro

Mostra i risultati (1451 voti)
Leggi i commenti (8)

I risultati dei primi test condotti dai creatori dell'app sono interessanti.

Per esempio, si apprende così che il miglior dispositivi in assoluto per quanto riguarda la IA è lo Huawei P20 Pro, che ha ottenuto ben 6379 punti.

I dispositivi che occupano la seconda e la terza posizione sono piuttosto lontani: a 1875 punti troviamo lo OnePlus 6, e a 1664 punti il Sony Xperia XZ2. Quindi ci sono il Razer Phone (1470 punti) e solo al quinto posto il primo Samsung: il Galaxy S9+ ha ottenuto 1494 punti.

Tutto ciò permette di farsi un'idea più precisa su ciò che davvero offono le varie alternative, al di là dei proclami: per esempio, chi si aspettava che il Kirin 970 di Huawei superasse i chip di Qualcomm, che non perde occasione di magnificare le capacitàd di intelligenza artificiale dei propri prodotti come lo Snapdragon 845 presente nello OnePlus 6?

Chi fosse curiosi di mettere alla prova il proprio smartphone può trovare AI-Benchmark disponibile gratuitamente su Google Play.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft: l'Intelligenza Artificiale eliminerà i riavvii fastidiosi di Windows Update
L'Assistente di Google spara e uccide una mela
Intelligenza artificiale e robotica: demo impressionanti
Riconoscere i video manipolati con l'Intelligenza artificiale
Photoshop riconosce i soggetti delle foto, grazie all'intelligenza artificiale

Commenti all'articolo (2)

Ho fatto qualche prova sul mio Nexus 6P che, ovviamente, non dovrebbe essere un fulmine dal momento che è già piuttosto datato e, in media, ciò è stato confermato. Quello che invece mi ha lasciato perplesso e non particolarmente fiducioso nella validità del benchmark è il fatto che, facendo diverse prove, il risultato peggiore ed il... Leggi tutto
4-8-2018 13:52

Pare che per Apple l'app non l'abbiano fatta, chissà perché? :-k
1-8-2018 19:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è tra questi il motivo più importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1148 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics