Microsoft mette a disposizione 60.000 brevetti per difendere Linux e l'open source

Il gigante di Redmond entra nella Open Invention Network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-10-2018]

Microsoft Linux oin

Se vent'anni fa qualcuno avesse detto che Microsoft avrebbe usato i propri brevetti per aiutare, e non per affondare, Linux e il software libero, questi sarebbe stato preso per matto.

Nel 1998 venivano resi noti i cosiddetti Halloween Documents che dettagliavano le strategie di Microsoft in merito all'open source: in breve, l'idea era di farlo sparire tramite le collaudate tattiche FUD (la diffusione di «fear, uncertainty and doubt», ossia paura, incertezza e dubbio) o la strategia nota come Abbraccia, estendi ed estingui.

In particolare, i brevetti software sembravano poter essere un'arma potente: accusando Linux e l'open source di violare la proprietà intellettuale di Microsoft si sperava di riuscire a far desistere i suoi sviluppatori e difensori.

Ancora oggi molti produttori di smartphone Android, il cui cuore è Linux, pagano royalty a Microsoft per l'uso di certe tecnologie, come il filesystem ExFAT. Eppure questa situazione sta per mutare completamente.

Microsoft ha infatti annunciato la propria adesione alla Open Invention Network «per aiutare a proteggere Linux e l'open source».

La Open Invention Network raccoglie circa 2.400 aziende impegnate a fornire con una licenza royalty-free le proprie tecnologie brevettate per l'utilizzo con i «sistemi Linux», definizione ampia che comprende molti progetti, dal kernel Linux a diverse utilità fino a molte parti di Android.

Chi entra a far parte di questa associazione promette di non adoperare i propri brevetti per muovere guerra a Linux, permettendo quindi agli sviluppatori di lasciar perdere ogni remore nell'utilizzare le tecnologie protette da brevetto.

Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (686 voti)
Leggi i commenti (2)

Microsoft riconosce che «per qualcuno» questa mossa può essere sorprendente, eppure per il gigante di Redmond si tratta del «passo logico successivo per un'azienda che sa ascoltare gli utenti e gli sviluppatori ed è seriamente impegnata con Linux e altri programmi open source».

Più prosaicamente, l'utilizzo sempre più ampio di Linux nella piattaforma Azure ha reso cosciente Microsoft del fatto che non ostacolare il sistema del pinguino può essere un buon sistema per accattivarsi le simpatie di una parte dell'utenza, e in questa ottica si possono vedere tutte le azioni di apertura compiute nei confronti del software libero.

A questo punto spariranno anche quelle royalty pagate dai produttori di smartphone Android, e uno più citati dai sostenitori dell'open source per istigare alla diffidenza verso Microsoft - l'uso "aggressivo" dei brevetti - viene a cadere.

Dal punto di vista pratico, infatti, l'ingresso di Microsoft nella OIN comporta la possibilità di accedere senza dover pagare a oltre 60.000 brevetti, e potrebbe anche spingere altre aziende finora restie a compiere questo passo a fare lo stesso.

Certamente si può sempre sospettare che tutto ciò faccia parte di una nuova, lenta e progressiva versione della vecchia Abbraccia, estendi ed estingui ma le intenzioni di Microsoft, per lo meno a parole, sono più che oneste.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
C'è Linux su tutti e 500 i supercomputer più veloci al mondo
Azure Sphere OS, la prima versione di Linux targata Microsoft
Microsoft entra nella Linux Foundation
Microsoft abbassa la cresta

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Timeo Danaos, et dona ferentes. Laocoonte, Eneide II,49 (e se lo avessero ascoltato il cavallo di Ulisse non sarebbe mai entrato a Troia)
17-10-2018 22:26

Ecco, a parole, appunto... @Maary79 Questo non creto... :wink: Leggi tutto
15-10-2018 18:47

Se è vero che OIN acquista le licenze, il massimo che possa succedere in caso di abbandono è che il proprietario originale possa continuare ad usare (se si è mantenuto il diritto di utilizzarle) quelle che erano sue ma non più le altre. Il semplice regalarle causerebbe una situazione asimmetrica in quanto ad esempio l'azienda A... Leggi tutto
15-10-2018 12:16

Quindi Oracle si è impegnata a non perseguire chi utilizzi suoi brevetti nell'ambiente GNU/Linux ma continua a poter perseguire chi li utilizzi in altri ambiti (tipicamente software proprietari) Leggi tutto
15-10-2018 12:06

Tra un po' M$ dirà ai suoi utenti... problemi di aggiornamento W10, installate Linux, a W10 non piace il vostro PC, e a noi costerebbe troppo trovare una soluzione, adatta a pochi utenti...
15-10-2018 07:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (976 voti)
Ottobre 2018
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Finisce l'obbligo di installare Chrome su Android: Google piegata dalla multa UE
I robot giganti di Elon Musk
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Tutti gli Arretrati


web metrics