Il Segway esce di produzione dopo 19 anni

Doveva rivoluzionare la mobilità personale, ma non ha mai avuto il successo sperato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-06-2020]

segway fine produzione

Prima ancora di venire presentato ufficialmente, quand'era noto come Ginger, aveva fatto parlare di sé suscitando enormi aspettative, tanto da far parlare di un'imminente rivoluzione nella mobilità individuale.

Poi, nel 2001, arrivò sul mercato con il probabilmente meno felice nome di Segway, ma il successo non fu pari alle attese.

A frenarne la diffusione furono diversi fattori, tra cui il prezzo alto (sui 5.000 euro) e i pericoli derivanti dai problemi di stabilità: nei primi modelli, quando la batteria era quasi scarica il giroscopio non faceva più il suo dovere e il proprietario rischiava di cadere.

Ci furono anche alcuni incidenti, alcuni buffi (un cameraman in Segway travolse Usain Bolt dopo che questi aveva appena vinto una gara) e altri tragici, come la morte del proprietario dell'azienda allora produttrice dei Segway, Jimi Heselden, precipitato in un dirupo proprio mentre era in giro a bordo di uno dei mezzi da lui prodotti.

Così, il prossimo 15 luglio Ninebot, l'azienda che dal 2015 produce e vende i Segway, cesserà la produzione: dopotutto, si tratta di un prodotto che genera appena l'1,5% del fatturato.

Nei 19 anni di vita del Segway sono stati complessivamente venduti circa 140.000 esemplari, ed è molto difficile che tale numero aumenti in maniera significativa da oggi al 15 luglio: decisamente pochi per un mezzo che doveva essere rivoluzionario.

Ninebot, dal canto proprio, sostiene che l'eredità del Segway resta comunque preziosa: altri mezzi per la mobilità personale, come il monopattino elettrico Ninebot S e il prototipo S-Pod (presentato all'ultimo Ces) cercheranno di far sopravvivere la nicchia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Monopattini elettrici e assicurazione obbligatoria
Monopattini elettrici, l'assicurazione è obbligatoria?
Chip, si prepara un autunno di rincari
Il CES sarà in presenza, non soltanto in streaming
Mobilità sostenibile per 6 italiani su 10
La bicicletta che sta in equilibrio da sola
Lo skateboard monoruota è come un Segway senza mani
Il segway che manda in pensione la sedia a rotelle
EweePT, il fratello tedesco del Segway
Milionario inglese compra Segway
Puma è il Segway a due posti di General Motors
Toyota Winglet, voleva essere il Segway

Commenti all'articolo (2)

Inoltre non mi pare abbia dimostrato una elevata sicurezza e semplicità d'uso, penso che non lascerà troppi rimpianti...
19-8-2020 14:51

{mnot}
Non si rivoluziona la mobilità personale con prezzi inverosimili. Direi che se la sono cercata.
27-6-2020 13:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2343 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 gennaio


web metrics