Modifiche legge Urbani, sempre peggio

Il Governo non rispetta l'accordo che aveva raggiunto per la modifica della legge Urbani: non intende più eliminare il reato penale per chi condivide musica e film, ma solo ridurre le pene.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-02-2005]

giuliano

Ormai la vicenda dell'iter di modifica della Legge Urbani, che criminalizza chi pratica il P2P per condividere file musicali e di film, sta assumendo dei caratteri grotteschi, con un nuovo voltafaccia da parte del Governo.

Il Ministro Urbani e il Ministro Stanca si erano assunti l'impegno davanti al Parlamento di modificare la legge, così come avevano fatto importanti esponenti della maggioranza come i deputati Gabriella Carlucci e Nando Adornato, presidente della Commissione Cultura della Camera; anche una commissione interministeriale su copyright e Internet aveva lavorato in questo senso.

Era stato raggiunto anche un accordo per approvare le modifiche all'interno della commissione parlamentare senza andare in aula plenaria; ora il Governo ritorna indietro sulla decisione di depenalizzare il P2P e si limita a una riduzione delle pene. Si tratta dell'ennesimo vergognoso voltafaccia che fa indignare anche quanti, come il senatore Fiorello Cortiana, avevano cercato il dialogo con il Governo e il raggiungimento di un compromesso.

Lo stesso Cortiana, che aveva sempre tenuto toni rispettosi, ha affermato: "Il Ministro Urbani è un ministro commissariato incapace di dare seguito agli impegni presi al Senato, non al bar sotto casa".

A questo punto l'unica strada aperta sembra quella di un forte rilanciio dell'opposizione alla legge anti-P2P nella Rete e fuori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

andrea
Affinche' ci sara' il 21% degli italiani che votano per il Berlusca dovremo accettare il tutto.Almeno noi, popolo della rete, cerchiamo di non votare chi ci vuole in galera come esempio per le future generazioni.Intanto chi corrompe giudici e si autoassolve per scadenza di termini (vedi salvaPreviti) e' capo del governo.
31-3-2005 10:51

vanessa
A che serve la SIAE???????????? Leggi tutto
3-3-2005 21:20

Paolo
Urbani, da che pulpito... Leggi tutto
24-2-2005 18:19

Muttley
alla fine è meglio cosi! Leggi tutto
21-2-2005 16:30

gaetano
buffonate italiote... ragazzi, tutti in galera Leggi tutto
20-2-2005 01:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (356 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics