Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
S, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
S, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente attento: non c' motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. S, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (1148 voti)
Novembre 2014
Licenziato per un Like su Facebook
E-book, il governo vuole l'IVA al 4%
Il tablet low cost di Nokia
Pwn2own, cadono tutti gli smartphone tranne Windows Phone
Il sottomarino supersonico che va a 5.800 km/h
Il sito dei guardoni: 73mila telecamere private hackerate
In fuga da WhatsApp, ma verso dove?
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Garante Privacy autorizza controllo dipendenti via Gps
Curriculum vitae, indicare solo l'essenziale
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Tutti gli Arretrati

Correzioni a proposito dell'analisi del messaggio BR

Il 30 marzo abbiamo pubblicato un articolo intitolato "Una curiosa analisi del messaggio delle Brigate Rosse". Ecco alcune precisazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-04-2002]

L'articolo contiene alcuni errori causati dalla mia disattenzione, che non ne invalidano il senso fondamentale ma mi fanno fare la figura del cioccolataio.

In particolare, ho scritto che il messaggio delle BR analizzato si riferisce al delitto Biagi, ma in realtà si riferisce a un altro assassinio rivendicato dalle Brigate Rosse, quello di Massimo D'Antona, di circa tre anni prima.

Inoltre la fonte originale dell'analisi che ho tanto bastonato è presso il sito di Oikos; Indymedia si è semplicemente limitato a riportarla.

Se posso invocare un'attenuante per il mio errore, dico solo che l'analisi ha preso a circolare in Rete subito dopo il delitto Biagi e quindi sembrava riferirsi a quest'ultimo. E' triste constatare che i delitti politici, in Italia, sono talmente tanti che è facile confondere l'uno con l'altro.

Ringrazio Giatru, il lettore che mi ha avvisato dei miei sbagli, e chiedo scusa per il pasticcio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics