Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (1486 voti)
Maggio 2015
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
Tutti gli Arretrati

Greenpeace vuole un Facebook più verde con 50.000 commenti

L'associazione invita il social network ad alimentare i data center con energia pulita. E tenta la scalata al record.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-04-2011]

Facebook Greenpeace rinnovabili sfida 22 aprile
Il datacenter di Facebook nell'Oregon

Greenpeace non ama Facebook: le ragioni non sono però da cercare in perplessità sulla gestione della privacy degli utenti, ma nell'inquinamento prodotto dal social network.

Anche se è un sito web - e dunque immateriale per definizione - Facebook ha dietro di sé concretissimi server che svolgono tutto il lavoro: tali server, radunati nei datacenter della società, richiedono molta energia.

Secondo i dati di Greenpeace, il 55% dell'elettricità consumata da Facebook è stata generata dal carbone; Yahoo e Google, tanto per fare un confronto, si affidano allo stesso combustibile solo per il 12,7% e per il 34% rispettivamente.

"Alimentando i suoi computer con energia sporca, Facebook si piazza dietro a Google e Yahoo, che stanno dando la priorità alle rinnovabili" spiega Andrea Boraschi, di Greenpeace Italia.

Così, l'associazione ha deciso di sfidare il social network ad annunciare un piano di transizione all'energia pulita entro il 22 aprile 2011, Giornata Mondiale della Terra.

Per sottolineare la serietà del proprio intento, Greenpeace ha dato il via a due serie di iniziative: reali e virtuali.

Tra le prime s'iscrive anche quella che ha avuto luogo in Italia, a Milano, dove la piazza del Duomo ha ospitato una manifestazione organizzata all'insegna del motto Facebook, ci piaci verde.

Tra le seconde c'è invece il tentativo di stabilire un record mondiale raggiungendo i 50.000 commenti lasciati dagli utenti in 24 ore sulla pagina Facebook dedicata alla sfida, dal significativo titolo Unfriend Coal (come dire: revoca l'amicizia al carbone).

I commenti saranno poi proiettati su un mega schermo posto di fronte al quartier generale di Facebook, a Palo Alto, in California.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La miniera abbandonata è il luogo perfetto per un datacenter
La moda italiana dice addio alle sostanze tossiche

Commenti all'articolo (2)


PuppinoCbr
Un altro motivo in più!! Non avrò pace fin quando non vedrò fare la stessa fine di 2°life a sto giocattolo assurdo e madaiolo di FB. Posso capire i barocchi americani.. ma basta sempre con sto XXXXX di FB. Oggi giorno se non ci sta FB da un pizzo all'altro, pare che non si possa far notte. Abbiamo vissuto migliaia di anni senza sto... Leggi tutto
14-4-2011 01:17

{dasthatehaedthweshd}
fatto! in questo momento i commenti sono 55000!!! ☺
13-4-2011 18:56


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics