Bill Gates benedice l'acquisizione di Skype

Il fondatore di Microsoft predice "grandi innovazioni".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-05-2011]

Bill Gates in persona ha approvato l'acquisizione di Skype: il fondatore di Microsoft ha dichiarato di essere stato un fautore di questa mossa in Consiglio di Amministrazione, ritenendola «un ottimo affare per Microsoft».

C'è da sperarlo, visto che gli 8,5 miliardi spesi sono la cifra più alta mai sborsata dalla società per un'acquisizione.

Gates, in ogni caso, ritiene che Steve Ballmer abbia visto giusto perché «l'importanza del software oggi è più grande che mai» e quello di Skype «è un ottimo acquisto da cui deriveranno molte innovazioni».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Probabilmente per lo svago i sistemi si equivalgono tutti, nel senso che trovi sw per le varie piattaforme che possono sostituirsi (vedi videoscrittura, browsing, email, ecc). Ma ci sono alcuni ambiti lavorativi dove esistono sw che girano solo su win, e non esistono equivalenti per altre piattaforme... Leggi tutto
22-5-2011 16:56

In un certo senso hai ragione, però per il lavoro che faccio e per quello che mi ritrovo a fare tutti i giori un Mac al momento è la soluzione migliore.. Esempio, linux, devo fare una presentazione a una conferenza , e non mi rileva il proiettore, o ancora meglio , il proiettore non è compatibile con l'output che viene inviato da linux... Leggi tutto
20-5-2011 23:04

Qualcosa mi dice che la nuova e rivoluzionaria versione di skype sarà: Obbligatoria da installare altrimenti non si può accedere al servizio (e 'nculo ai vecchi abbonati). Facilmente tracciabile, ritracciabile, hackerabile, attaccabile [...] Compatibile solo con Windows Seven e superiori fregandosene di Linux, Mac & CO. Con un'... Leggi tutto
20-5-2011 21:48

Mi spiace ma.. QUESTA E' BELLA!! Come dire: "Odio Brusca.. mi accordo solo con Santapaola !! (da buon religioso :lol: ) " Linux, Android e... XXX Come dire.. Tutto e il contrario di TUTTO! Mah.. meglio Bill, a sto punto, che la setta religiosa dei Jobs http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=14924&numero=999 ... Leggi tutto
20-5-2011 16:15

Vero.. Anche se personalmente non escluderei qualche strano gioco sottobanco.. Non so perchè ma qualcosa mi dice che avesse provato Google ad acquistarlo, si sarebbe ritrovato l'antitrust dietro dietro in men che non si dica.. Btw, per quanto non convincerò il mondo ma solo i miei familiari,amici e gente che mi cerca, ho appena inviato... Leggi tutto
19-5-2011 17:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (910 voti)
Agosto 2016
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google
Bug di Linux, a rischio un miliardo e mezzo di smartphone Android
Tutte le Volkswagen vendute dopo il 1995 si possono aprire con Arduino
10.000 titoli Amiga giocabili gratuitamente nel browser
Sì, le chiavette USB lasciate in giro come esca funzionano
Cambiare le password troppo spesso fa male alla sicurezza
I 10 siti torrent più popolari
Andate in vacanza? Usare una VPN per proteggervi può portarvi in carcere
Luglio 2016
Lo smartphone da 50 dollari di Amazon
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
Tutti gli Arretrati


web metrics