Falla in Internet Explorer, a rischio le credenziali di Facebook

Con il cookiejacking è possibile sottrarre il contenuto dei cookie e rubare l'identità agli utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-05-2011]

Internet Explorer Cookijeacking falla

L'ultima minaccia per gli utenti di Internet Explorer si chiama cookiejacking e consiste in una vulnerabilità che permette a chi la sfrutta di ottenere le informazioni contenute nei cookie.

Scoperta dal ricercatore Rosario Valotta, la falla è presente in tutte le versioni di Internet Explorer e permette di rubare le informazioni di qualsiasi cookie.

Per la dimostrazione, Valotta ha sottratto le credenziali di accesso a Facebook, Gmail e Twitter.

Il lato positivo è che lo sfruttamento richiede una certa interazione da parte dell'utente e il possesso di alcune informazioni da parte dei malintenzionati.

I criminali informatici devono preparare una pagina apposita che contenga uno speciale iframe, conoscere il nome dell'utente di Windows e sapere dove vengono memorizzati i cookie.

L'utente deve poi "collaborare" compiendo azioni che permettano di sfruttare alcune tecniche per sottrarre i dati, per esempio approfittando di una forma avanzata di clickjacking basata sul trascinamento di alcuni contenuti nella pagina web, come mostra il video che riportiamo qui sotto.

A causa di questa complessità, Microsoft non è particolarmente preoccupata: «Siamo consapevoli del problema che può condurre al furto di cookie di un utente se questi viene convinto a visitare un sito pericoloso e, una volta lì, ulteriormente convinto a cliccare e spostare oggetti sulla pagina. Dato il livello di interazione richiesto, non lo consideriamo un problema ad alto rischio".

Valotta ha avvisato Microsoft della propria scoperta in gennaio. L'azienda conta di risolvere il problema tra giugno e agosto.

Nell'attesa, è sempre valida la raccomandazione che invita a non cliccare su link sospetti, o a non usare Internet Explorer.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

:roll: Sono d'accordo con te che è una boiata. Ma i motivi esistono. Spesso è come dici tu per fare "l'effetto speciale" che tanto piace al cliente! Esiste il fatto che oramai devi dare del valore aggiunto al tuo programma se no quello dice che lo farebbe con dei mezzucci se non "carta e penna". Salvo il fatto... Leggi tutto
30-5-2011 20:16

Certo mda ma la questione è: "perchè fare una cosa del genere?". Va bene non reinventare sempre la ruota ma avere come provider excel, calc, word o altro software di questo tipo a me sembra una boita! Cioè, io scrivo un programma perchè, per esempio, excel non basta quindi: "perchè dovrei aver bisogno di excel?"
30-5-2011 18:43

La stessa cosa la puoi fare incorporando un collegamento con Calc (OpenOffice, in questo caso basta la sola libreria) dentro una form in C o C++ o Java o altro linguaggio SENZA OLE ! Il guaio che Excel è costruito malissimo (una volta era tutto in VisualBasic) e serviva un accrocchio per riutilizzarlo. Ciao Leggi tutto
28-5-2011 21:13

Il punto è: "perchè creare sistemi così complicati?". La risposta è: "così i programmatori possono sviluppare programmi pieni di minchiate e in fretta così da rendersi appetibili ai clienti!". Una roba che non ho mai capito è la tecnologia ole di microsoft: con questa è vero che si può al volo incorporare un... Leggi tutto
28-5-2011 13:23

Secondo me lo fanno apposta!!! Riparare i buchi costa soldi!!! :roll: Costa il tempo del programmatore e analista/progettista, supervisore, tester (che poi deve mettere il nuovo test in più nella serie dei test sulle nuove uscite), pacchettizzatori (quelli che fanno i pacchetti d'istallazione), spazio server, ecc. ecc. ecc... Fin... Leggi tutto
28-5-2011 02:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cosa peggiore per un programmatore?
La modifica delle specifiche
I clienti
Debuggare
Scrivere documentazione
Il codice scritto da altri
La fase di test

Mostra i risultati (3234 voti)
Agosto 2016
BlackBerry, causa contro Android per i brevetti
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google
Bug di Linux, a rischio un miliardo e mezzo di smartphone Android
Tutte le Volkswagen vendute dopo il 1995 si possono aprire con Arduino
10.000 titoli Amiga giocabili gratuitamente nel browser
Sì, le chiavette USB lasciate in giro come esca funzionano
Cambiare le password troppo spesso fa male alla sicurezza
I 10 siti torrent più popolari
Andate in vacanza? Usare una VPN per proteggervi può portarvi in carcere
Luglio 2016
Lo smartphone da 50 dollari di Amazon
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Tutti gli Arretrati


web metrics