Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2210 voti)
Dicembre 2014
In prova: WinnerGear Montar
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Honor T1, il tablet economico di Huawei
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Treviso, ragazzini condividono filmato hard con Whatsapp
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
Serve davvero proteggere smartphone e tablet Android con un antivirus?
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''
Mandare in crash WhatsApp con un singolo messaggio di testo
Lo shopping online? Adesso si fa col Bancomat
Novembre 2014
TIM e Vodafone, LTE fino a 225 Mbit/s
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Malware nelle sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati

In prigione il gestore di un tracker Bittorrent

Il responsabile del sito francese Mamietracker dovrà pagare un risarcimento e passare sei mesi in prigione per aver indicizzato link a file protetti da copyright.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-06-2011]

mm

Già nell'aprile scorso la Corte d'appello di Aix-en-Provence aveva condannato i proprietari del sito TorrentNews a quattro mesi di prigione con la condizionale e 20 mila euro d'indennizzo ai titolari del copyright.

Ora un altro giudice penale fa il bis richiamando la sentenza - che evidentemente comincia a fare giurisprudenza - ma aggravando le pena.

Sei mesi di prigione è la pena detentiva inflitta, sia pure con la condizionale, oltre a un'ammenda di 1.000 euro al gestore di Mamietracker; e ben più pesante e quasi vessatoria è la somma stabilita per risarcimento e interessi alle parti ricorrenti, liquidata in ben 300.000 euro.

In un paio d'anni poco meno di 50.000 visitatori si sarebbero collegati a Mamietracker, sito gestito da un appassionato guascone residente in Anglet (FR); seguendo i link avrebbero scaricato circa 125.000 file protetti dal diritto d'autore.

In assoluto appare del tutto esagerato voler liquidare 2,5 euro di risarcimento a file, sia pure comprensivi di diritti e interessi; la sentenza ha quindi un chiaro intento dissuasivo nei confronti di tutto il mondo del download illegale.

Non si sa come, né con quali autorizzazioni, i dati siano stati filtrati e raccolti dai querelanti; neppure attraverso quale arzigogolo tecnico-giuridico il responsabile di un sito possa essere ritenuto l'unico responsabile dei link oppure di quanto i terzi possano avervi depositato e/o prelevato.

È infatti ben noto, nonostante l'impegno e la messa in opera di sistemi anche sofisticati, che solo una minima parte dell'attività può essere monitorata dai proprietari del portale, anche per intuibili questioni di riservatezza; e comunque il controllo avviene quasi sempre a posteriori, e cioè a bocce ormai ferme.

D'altra parte è notorio come in Francia la magistratura sia largamente sottomessa al potere esecutivo; ma se questi sono gli effetti della "cura Sarkozy" e la dimostrazione di quell'approccio "morbido" al problema più volte reclamizzato, vien da chiedersi cosa succederà quando il sistema dei tre schiaffi sarà pienamente applicato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (5)


Gladiator
Cosa vuoi che siano 4 omicidi in confronto al favoreggiamento per lo scaricamento illeggale di 125.000 files protetti dal diritto d'autore... :blackhumour: Leggi tutto
13-6-2011 19:32


Gladiator
Era solo troppo affacendato nel bunga-bunga e nelle leggi ad personam altrimenti avrebbe seguito Sarkò, anzi può ancora recuperare non temere... :wink: Leggi tutto
13-6-2011 19:29

{CarCarlo}
più di quanto abbia pagato Cesare Battisti pur passando venti anni in Francia con 2 ergastoli da scontare (per partecipazione o esecuzione in 4 omicidi). Leggi tutto
13-6-2011 13:40

ZaZa1210
Mha Leggi tutto
13-6-2011 12:26

Pictor
Prevedo fuoco e fiamme per le strade francesi entro i prossimi 2 anni :evil:
13-6-2011 12:11

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics