Sondaggio
Qual è il primo dispositivo che utilizzi, la mattina?
Il cellulare
La Tv
La radio
Il computer
Il rasoio
La macchinetta del caffè
L'asciugacapelli

Mostra i risultati (2131 voti)
Maggio 2015
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
Tutti gli Arretrati

AgCom: l'Italia non è abbastanza digitale

Nella relazione annuale dell'Authority per le Comunicazioni, il nostro è un paese che rischia la retrocessione in "serie B".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-06-2011]

Corrado Calabrò

Il 2% di territorio nazionale è senza Adsl. Il 18% del Paese ha una copertura con velocità inferiore ai 2 Mbps.

In Francia e in Gran Bretagna il 100% è coperto, ma il nostro Governo ha cancellato gli investimenti contro il digital divide.

Questi sono alcuni dei dati più eclatanti della relazione annuale che il presidente dell'Authority per le Comunicazioni (Agcom) Calabrò ha evidenziato.

Il boom degli abbonamenti flat all'Internet mobile rischia di saturare e collassare le reti mobili, se presto non si concederanno ai gestori le frequenze televisive lasciate libere dalla Tv analogica (ma comunque, sempre secondo l'Authority, il digitale terrestre non ha messo in crisi il semimonopolio di Mediaset nella raccolta di pubblicità).

Calabrò è stato duro anche nei confronti dei gestori fissi - e in particolare di Telecom Italia - che esitano a investire nella Rete di nuova generazione cercando troppo un ritorno immediato degli investimenti.

Un altro dato significativo: meno del 50% degli italiani ha un collegamento alla Rete in banda larga, fisso o mobile, mentre la media europea è del 61%.

Per Calabrò 20 milioni di italiani sono registrati in Facebook e ci passano mediamente 9 ore a settimana: è un primato mondiale, non sappiamo se in positivo o in negativo.

Ma per informarsi - anche questo emerge dalla relazione dell'Agcom - gli italiani sono ancora largamente dipendenti dalla Tv.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

{Roberto}
Decidetevi signori dell'agcom, non potete sviluppare il digitale e mettere il bavaglio a internet per tutelare i diritti di pseudo autori che dovrebbero solo ringraziarmi se ogni tanto scarico le loro "opere" e perdo tempo per ascoltarle.Vigilate contro le truffe vere, quelle degli operatori che si mettono d'accordo per fotterci... Leggi tutto
30-6-2011 22:28


sigare
Leggi tutto
15-6-2011 13:01


merlin
Questa sì, che è una buona notizia! Leggi tutto
15-6-2011 09:00


Luko
- Leggi tutto
15-6-2011 01:02

{pippolo}
Buongiorno.Si e' svegliato anche il garante, piuttosto prenda delle decisioni, queste cose le viviamo e le sappiamo gia'
14-6-2011 20:17


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics