Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
In che anno hai comprato il tuo primo tablet?
2010
2011
2012
2013
2014
Non ho mai comprato un tablet.
Lo comprerò quest'anno.

Mostra i risultati (1208 voti)
Ottobre 2014
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Windows 10, torna il menu Start
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
Tutti gli Arretrati

Hadopi fa le prime vittime

Alcuni utenti sono stati convocati per discolparsi davanti alla Commissione per la Protezione dei Diritti. La Rete si ribella.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-07-2011]

cpd

In attesa dell'evoluzione in peggio che una simile normativa potrà avere in Italia, in Francia la cosiddetta risposta graduale minaccia di fare le prime vittime.

Una decina di utenti, per altro già diffidati a mezzo della raccomandata prevista dalla normativa, dovranno presentarsi alla Commissione per la Protezione dei Diritti (CPD) sia pure assistiti da un legale per spiegare la propria condotta.

Tutto sommato questo sarebbe il minor danno, poiché la procedura prevede soltanto la possibilità, e non l'obbligo, dell'audizione davanti alla CPD, che può avvenire a richiesta di una delle parti in causa.

Pare che altri quindici malcapitati siano stati colti nella rete stesa da TMG, la società incaricata di identificare che scarica illegalmente in peer-to-peer. Tuttavia per essi non è scattata la convocazione perché sono state ritenute valide le "giustificazioni" addotte, tra cui primeggerebbe la mancanza di dolo nel commettere l'infrazione.

Il magistrato responsabile della Commissione, Mireille Imbert-Quaretta, ha ribadito davanti alla Commissione ministeriale per la cultura e l'educazione che le convocazioni sono precedute da numerose intercettazioni e diffide anche oltre a quanto previsto dalla normativa.

Tra l'altro è emerso che la maggior parte di chi effettua download illegali in peer-to-peer non si rende conto di ridistribuire in rete quanto scaricato.

A seguito dell'audizione, la CPD dovrà decidere, con la maggioranza assoluta dei voti, se trasmettere il fascicolo al Giudice che potrebbe irrogare la sanzione della sospensione dell'accesso alla Rete o una contravvenzione di 1500 euro (o ambedue le cose).

Benché la signora Imbert-Quaretta si affanni a richiamare "l'intento pedagogico e dissuasivo" della Hadopi, respingendo l'accusa di un qualsivoglia automatismo, restano molti dubbi sulla validità dell'intero impianto repressivo.

Inoltre molti blogger lamentano le poco simpatiche esternazioni della responsabile della commissione, accusata di pesanti sfottò nei confronti dei colti in flagrante e di scarsa deontologia professionale nella sua qualità di magistrato.

E' forse per questo che dalla CPD arriva un segnale distensivo, con l'assicurazione che verranno vagliati accuratamente i dati riportati dagli aventi diritto alla tutela, per trasmetterli al giudice soltanto a seguito dell'identificazione certa dell'autore dell'infrazione.

Ma il popolo della rete insiste sul carattere repressivo della Hadopi, citando persino il contestatore per eccellenza tra i Padri dell'Académie Fracaise:

"Je t'ai saisi. J'ai mis l'écriteau sur ton front;
Et maintenant la foule accourt, et te bafoue.
[...] Mais je tiens le fer rouge et vois ta chair fumer"
Ovvero: t'ho colto infine e t'ho marchiato in fronte; ed ora accorre la folla e ti sbeffeggia, ma io ho il ferro rovente e vedo fumar le tue carni (Victor Hugo - L'homme a ri)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{paolo_del_bene}
@silent runner: " Liberté Egalité Fraternité " è corretto, tu invece hai scritto:" Liberté Fraternité Egalité "
14-1-2012 22:55


Silent Runner
Ghigliottina. Sia chiaro: io adoro le persone di genere femminile, principalmente a causa delle loro caratteristiche umane e non solo perché hanno delle belle tette da esporre. Senza una donna vera dietro, un paio di tette sono solo cuscini caldi. Qui mi riferivo in termini ironici al bel risultato che Liberté, fraternité, egalité... Leggi tutto
5-7-2011 20:23


Zorro
nel senso della ghigliottina? O intendevi parlare di quel particolare modo delle donne di portare in giro le loro tette? :old: Leggi tutto
5-7-2011 20:00


Silent Runner
Liberté Fraternité Egalité ...e Décolletée!
4-7-2011 16:15


Zorro
ma sono domande da farsi? :old: Leggi tutto
4-7-2011 12:06

Leggi gli altri 1 commenti nel forum Ribelli digitali
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics