L'e-paper flessibile a energia solare

Si arrotola come un foglio di carta e si alimenta tramite un pannello fotovoltaico pieghevole integrato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-10-2011]

e-paper flessibile au optronics

La taiwanese AU Optronics ha realizzato un prototipo funzionante di e-paper flessibile.

È composto da TFT organici, offre una risoluzione SVGA (800x600 pixel) ed è alimentato da un pannello fotovoltaico al silicio amorfo, che converte la luce del sole o quella artificiale in energia elettrica.

Lo schermo risultante offre una diagonale di 6 pollici e potrebbe rappresentare l'evoluzione definitiva dei tablet o degli e-book reader, trasformati in dispositivi che si possono davvero portare in tasca senza difficoltà o che permettono di leggere un giornale elettronico come si fa con quello cartaceo. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Considerando costi, tempi di realizzazione e possibili conseguenze, su quale fonte di energia alternativa ai combustibili fossili bisognerebbe maggiormente puntare?
Solare
Eolica
Geotermica
Biomasse
Idrogeno
Nucleare
Idroelettrica

Mostra i risultati (6030 voti)
Leggi i commenti (29)
AU Optronics ha battezzato il dispositivo Unplugged Flexible E-Paper Display; il peso del pannello è di 10 grammi mentre lo spessore è di 0,127 millimetri.

L'efficienza di conversione della luce solare è di circa il 3,6%; se esposto alla luce diretta del sole, il dispositivo di AU Optronics non necessita di una batteria ricaricabile, ma la luce artificiale degli ambienti interni non è sufficiente a fornire le diverse centinaia di milliwatt necessarie ad aggiornare lo schermo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La Tv da attaccare come un magnete al frigo
Samsung annuncia il cellulare col display curvo
LG, il display flessibile è realtà

Commenti all'articolo (3)

Questa potrebbe essere veramente la soluzione che, una volta commercializzata, mi farebbe giudicare un e-book interessante come sostituto di un libro o di un giornale... Attendiamo con fiducia gli sviluppi.
1-11-2011 15:31

Io mi ricordo che già verso il 2004/05 si parlava di e-paper flessibile, che addirittura si poteva arrotolare facendolo stare in cilindro con le dimensioni tipo sigarone. E si parlava di 4-5 anni di tempo per la commercializzazione, mi sembra di ricordare. Tanti prototipi, ma di concreto ancora nulla. Altro che i-pad e tablettazzi vari.... Leggi tutto
31-10-2011 20:18

Se non vado errato si parlò già di epaper oltre una decina di anni addietro. Sembrava fantascienza ed ecco che piano piano ci arriviamo! Evviva la tecnologia!!
31-10-2011 19:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (1736 voti)
Febbraio 2017
Google ha violato la crittografia SHA-1
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Tutti gli Arretrati


web metrics