L'e-paper flessibile a energia solare

Si arrotola come un foglio di carta e si alimenta tramite un pannello fotovoltaico pieghevole integrato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-10-2011]

e-paper flessibile au optronics

La taiwanese AU Optronics ha realizzato un prototipo funzionante di e-paper flessibile.

È composto da TFT organici, offre una risoluzione SVGA (800x600 pixel) ed è alimentato da un pannello fotovoltaico al silicio amorfo, che converte la luce del sole o quella artificiale in energia elettrica.

Lo schermo risultante offre una diagonale di 6 pollici e potrebbe rappresentare l'evoluzione definitiva dei tablet o degli e-book reader, trasformati in dispositivi che si possono davvero portare in tasca senza difficoltà o che permettono di leggere un giornale elettronico come si fa con quello cartaceo. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Considerando costi, tempi di realizzazione e possibili conseguenze, su quale fonte di energia alternativa ai combustibili fossili bisognerebbe maggiormente puntare?
Solare
Eolica
Geotermica
Biomasse
Idrogeno
Nucleare
Idroelettrica

Mostra i risultati (5999 voti)
Leggi i commenti (29)
AU Optronics ha battezzato il dispositivo Unplugged Flexible E-Paper Display; il peso del pannello è di 10 grammi mentre lo spessore è di 0,127 millimetri.

L'efficienza di conversione della luce solare è di circa il 3,6%; se esposto alla luce diretta del sole, il dispositivo di AU Optronics non necessita di una batteria ricaricabile, ma la luce artificiale degli ambienti interni non è sufficiente a fornire le diverse centinaia di milliwatt necessarie ad aggiornare lo schermo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La Tv da attaccare come un magnete al frigo
Samsung annuncia il cellulare col display curvo
LG, il display flessibile è realtà

Commenti all'articolo (3)

Questa potrebbe essere veramente la soluzione che, una volta commercializzata, mi farebbe giudicare un e-book interessante come sostituto di un libro o di un giornale... Attendiamo con fiducia gli sviluppi.
1-11-2011 15:31

Io mi ricordo che già verso il 2004/05 si parlava di e-paper flessibile, che addirittura si poteva arrotolare facendolo stare in cilindro con le dimensioni tipo sigarone. E si parlava di 4-5 anni di tempo per la commercializzazione, mi sembra di ricordare. Tanti prototipi, ma di concreto ancora nulla. Altro che i-pad e tablettazzi vari.... Leggi tutto
31-10-2011 20:18

Se non vado errato si parlò già di epaper oltre una decina di anni addietro. Sembrava fantascienza ed ecco che piano piano ci arriviamo! Evviva la tecnologia!!
31-10-2011 19:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1382 voti)
Settembre 2016
La stufetta a candele che non consuma elettricità
Come vedere tutto quello che avete mai cercato in Google
Hissgate, il fastidioso fischio dell'iPhone 7
Rubati sei milioni di username e password conservati in chiaro
iPhone 7, le cose realmente da sapere
Android nei guai: falle critiche e app infette
Truffatori online rubano 40 milioni di euro a un'azienda tedesca
Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi
UE: stop alle tariffe di roaming, ma col trucco
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Tutti gli Arretrati


web metrics