Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (319 voti)
Aprile 2015
Computer bloccati, in Comune si lavora con le macchine da scrivere
Nuove tariffe, Agcom chiede più trasparenza a Telecom Italia
Eliminare le funzionalità di Windows indesiderate
Auto senza chiave troppo facili da aprire
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
Attenzione a Whatsappchiamate
Tutti gli Arretrati

Il Kindle Fire al debutto

Il tablet di Amazon arriva sul mercato e si propone come un serio concorrente per l'iPad.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-11-2011]

Kindle Fire

Sembra riscuotere un certo successo il Kindle Fire, il tablet di Amazon presentato alla fine di settembre e da un paio di giorni in vendita negli Stati Uniti.

Il prezzo contenuto - 199 dollari - lo rende un'alternativa molto interessante per chi non se la sente di sborsare i 499 dollari necessari per l'iPad 2 in versione base, specialmente se è possibile accettare alcuni compromessi, come la mancanza di microfono e fotocamera e uno schermo da 7 pollici.

Proprio la diagonale del display sembra essere la fortuna del Kindle Fire: i primi acquirenti lo trovano più maneggevole e pratico per usarlo come dispositivo di lettura, sebbene la batteria duri soltanto 7 o 8 ore (contro le 10 promesse dall'iPad).

Con l'avvicinarsi delle festività natalizie e delle vendite tipiche del periodo, il tablet di Amazon potrebbe quindi rappresentare un serio concorrente per quello di Apple e ancora più per le proposte degli altri produttori, che già faticano a imporsi contro l'iPad.

L'avversario più temibile del Fire potrebbe essere il Nook Tablet di Barnes & Noble, che è un po' più costoso (249 dollari) ed è egualmente arrivato sul mercato statunitense in questi giorni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

{paolo_del_bene}
@sacrire: ti chiedo gentilmente di leggere il mio thread del "{paolo_del_bene} [17-11-2011 14:45]" su http://forum.zeusnews.com/viewtopic.php?p=545589#545589 ed anche per quanto riguarda l'ipad la situazione è peggiore: url]http://www.defectivebydesign.org/search/node/ipad[/url] non c'è bisogno di esser esperti, ma di prendere... Leggi tutto
18-11-2011 17:00


Blind Guardian
Beh sì, puoi leggere lo stesso articolo sostituendo i nomi con quelli di praticamente tutti gli altri prodotti, iPad in testa con largo margine, ma mi sembra più un problema dell'editoria che non di questo e quel tablet. Oltretutto il cittadino responsabile continuerà ad usare e scambiare a proprio piacimento libri cartacei, libri... Leggi tutto
18-11-2011 09:32


Gummy Bear
Io Tarzan, tu Cita? :D
17-11-2011 17:37


sacrire
Non sono pratica nè di uno nè dell'altro ma ieri mi è capitato di utilizzare l'ipad della mia collega e tutto sommato mi è piaciuto e iniziavo a pensare di regalarmelo, non per natale perchè è troppo vicino, magari per il mio compleanno a marzo...leggo questo articolo e mi viene da pensare che magari potrebbe essere un'alternativa per... Leggi tutto
17-11-2011 16:52

{paolo_del_bene}
voi ne decantate i pregi i invece vi mostro la realtà ! il kindle è un device con tecnologia DRM, così come il 90% dei telefoni ed altri devices. in particolare il kindle: link Leggi tutto
17-11-2011 14:45


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics