Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Thailandia, Western Digital ripristina la produzione di hard disk

Uno degli impianti è stato rimesso in condizione di ricominciare a lavorare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-12-2011]

western digital hard disk

Dopo l'alluvione dello scorso ottobre, i produttori di hard disk che operano in Thailandia stanno ripristinando le fabbriche.

Western Digital, che in Thailandia produce il 60% dei propri dispositivi, ha annunciato il ritorno parziale all'operatività dell'impianto di Bang Pa-in. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Come sarà il prossimo Pc che acquisterai?
Un desktop
Un notebook
Un netbook
Un tablet

Mostra i risultati (5390 voti)
Leggi i commenti (17)
Ci vorrà tuttavia diverso tempo prima di un pieno ritorno alla normalità, considerato anche il fatto che altri impianti si trovano tuttora sott'acqua.

Western Digital ritiene che l'offerta di hard disk non potrà soddisfare la domanda almeno fino a marzo, e probabilmente anche oltre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (6)


Gladiator
Concordo con Silent, pur di risparmiare il più possibile, se ne sono fregati delle più elementari norme atte a garantire una continuità di produzione degli hard disk. Mi domando se il risparmio operato sarà sufficiente ad ammortizzare le perdite subite per mancata produzione in questi mesi anche se penso che, comunque, la risposta sia... Leggi tutto
8-12-2011 16:07


Silent Runner
Direi piuttosto per soddisfare il bisogno di risparmiare sulla mano d'opera.
7-12-2011 09:32


splarz
è impressionante che non abbiano nemmeno diviso la produzione con uno stabilimento per continente. no, hanno gli stabilimenti in una sola zona per soddisfare la domanda mondiale di hard disk :shock:
6-12-2011 17:43


Silent Runner
Concordo. Quello della concentrazione e del decentramento è un problema che andrà affrontato rapidamente.
6-12-2011 09:58


franz
@francescodue, come darti torto
5-12-2011 23:41

francescodue
Trovo sorprendente che tutti i produttori siano concentrati in un solo paese. Posso capire tante cose, ma quanto avvenuto di recente diostra che questa tendenza è troppo pericolosa. Che succede se invece di un disastro naturale fosse un fenomeno politico a bloccare le produzioni? Riterrei più saggio se le produzioni fossero sparpagliati... Leggi tutto
5-12-2011 16:57

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (314 voti)
Aprile 2014
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Dal 1 aprile si pagano le commissioni sulla benzina
Apple brevetta l'SMS anti-urto
Tredicenne costruisce reattore nucleare nel garage di casa
Marzo 2014
Parolacce nel codice dei primi Word e MS-DOS
iPhone 6 a settembre in due versioni da 4,7 e 5,5 pollici
Word sotto attacco, non aprite quel .RTF
Tutti gli Arretrati

web metrics