Sondaggio
Qual è la cifra complessiva che spendi ogni mese per il tuo smartphone? Comprende tutto: telefonate, piano dati, Sms, rata telefono e via dicendo.
Sotto i 10 euro
Tra i 10 e i 20 euro
Tra i 20 e i 30 euro
Tra i 30 e i 50 euro
Tra i 50 e i 100 euro
Oltre i 100 euro
Non ne ho idea

Mostra i risultati (4214 voti)
Agosto 2015
Windows 10 Mobile è troppo grasso
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Fusione Wind e 3, diventa primo gestore in Italia (ma russo-cinese)
Windows 10: come aggiornare il PC senza aspettare
Catturare una regione dello schermo
Tutti gli Arretrati

È Android il re dei sistemi per smartphone

Il sistema di Google continua a crescere, iOS pare ormai stabile mentre RIM e Windows Phone devono accontentarsi delle briciole.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-12-2011]

android smartphone os

La società di ricerche di mercato NPD Group ha rilasciato i dati relativi ai primi dieci mesi del 2011 e che riguardano la diffusione dei sistemi operativi per smartphone negli USA.

A un primo colpo d'occhio, si nota come Android abbia ormai conquistato la leadership dei sistemi, riuscendo a ottenere il 53% del mercato; in seconda posizione c'è iOS (29%) mentre i BlackBerry di RIM arrivano soltanto terzi e hanno il 10% degli utenti.

Sotto il 10% troviamo Windows Mobile, che con il proprio 3% ha ancora più utenti di Windows Phone 7 (2%), quindi Symbian e WebOS (entrambi all'1%). L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2347 voti)
Leggi i commenti (2)
Le cifre diventano ancora più interessanti per capire come si evolvono le preferenze degli utenti se confrontate con quelle relative al secondo trimestre del 2011: allora Android aveva il 52% (segno di una lenta ma progressiva crescita) mentre iOS era già arrivato al 29%, indice forse del fatto che si sta stabilizzando.

NPD Group ha però anche pubblicato un grafico che mostra la diffusione dei sistemi negli ultimi cinque anni, sin dal 2006: un tuffo in un passato che vedeva il mercato dominato da RIM e Windows Mobile a pari merito (37%), mentre PalmOS aveva il 17%, Symbian il 9% e né iOS né Android ancora esistevano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

{34567890}
non credo ci voglia una scienza per leggere un articolo in lingua inglese sul Guardian link
11-4-2014 02:50

All'inizio ci sono stati gli ordinativi aziendali per il nuovo modello come per RIM. Finiti quelli.... Ciao
16-12-2011 09:30

bhè, in realtà credo che wp7 sia andato qualcosina su da ottobre ad ora, forse un 1-2%.
16-12-2011 09:14

Notare che la tabella nell'ultimo riquadro NON è annuale ma da Gennaio-Ottobre!!! Symbian e Windows-Phone (RIM stabile, e Windows mobile morto) hanno ulteriormente perso nel frattempo ma i dati non sono (non hanno ancora una validità) ancora consolidati! Inoltre il momento di vendita migliore sono le vendite di Natale. Ma qui si guarda... Leggi tutto
16-12-2011 04:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics