Sondaggio
Utilizzi una VPN?
Sì, utilizzo un servizio gratuito.
Sì, utilizzo un servizio a pagamento.
No, ma mi piacerebbe risultare anonimo quando uso Internet.
No, non mi interessa essere anonimo.
Non so che cosa sia una VPN.

Mostra i risultati (712 voti)
Maggio 2015
La Tv da attaccare come un magnete al frigo
Navigazione più privata e sicura con Freedome
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Tutti gli Arretrati

È Android il re dei sistemi per smartphone

Il sistema di Google continua a crescere, iOS pare ormai stabile mentre RIM e Windows Phone devono accontentarsi delle briciole.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-12-2011]

android smartphone os

La società di ricerche di mercato NPD Group ha rilasciato i dati relativi ai primi dieci mesi del 2011 e che riguardano la diffusione dei sistemi operativi per smartphone negli USA.

A un primo colpo d'occhio, si nota come Android abbia ormai conquistato la leadership dei sistemi, riuscendo a ottenere il 53% del mercato; in seconda posizione c'è iOS (29%) mentre i BlackBerry di RIM arrivano soltanto terzi e hanno il 10% degli utenti.

Sotto il 10% troviamo Windows Mobile, che con il proprio 3% ha ancora più utenti di Windows Phone 7 (2%), quindi Symbian e WebOS (entrambi all'1%). L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2303 voti)
Leggi i commenti (2)
Le cifre diventano ancora più interessanti per capire come si evolvono le preferenze degli utenti se confrontate con quelle relative al secondo trimestre del 2011: allora Android aveva il 52% (segno di una lenta ma progressiva crescita) mentre iOS era già arrivato al 29%, indice forse del fatto che si sta stabilizzando.

NPD Group ha però anche pubblicato un grafico che mostra la diffusione dei sistemi negli ultimi cinque anni, sin dal 2006: un tuffo in un passato che vedeva il mercato dominato da RIM e Windows Mobile a pari merito (37%), mentre PalmOS aveva il 17%, Symbian il 9% e né iOS né Android ancora esistevano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

{34567890}
non credo ci voglia una scienza per leggere un articolo in lingua inglese sul Guardian link
11-4-2014 02:50


mda
All'inizio ci sono stati gli ordinativi aziendali per il nuovo modello come per RIM. Finiti quelli.... Ciao
16-12-2011 09:30

dany88
bhè, in realtà credo che wp7 sia andato qualcosina su da ottobre ad ora, forse un 1-2%.
16-12-2011 09:14


mda
Notare che la tabella nell'ultimo riquadro NON è annuale ma da Gennaio-Ottobre!!! Symbian e Windows-Phone (RIM stabile, e Windows mobile morto) hanno ulteriormente perso nel frattempo ma i dati non sono (non hanno ancora una validità) ancora consolidati! Inoltre il momento di vendita migliore sono le vendite di Natale. Ma qui si guarda... Leggi tutto
16-12-2011 04:43


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics