Licenziato dalla Provincia perché si prostituiva su Internet

La Provincia di Verbania licenzia un suo dipendente: si sarebbe prostituito su un sito gay.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-01-2012]

california dream men

A Verbania l'amministrazione provinciale del Verbano-Cusio-Ossola ha licenziato un suo dipendente, con decorrenza dal 6 febbraio: in seguito a una segnalazione ha scoperto su un sito gay un profilo attribuito al dipendente in cui questo offriva la propria disponibilità a incontri sessuali a pagamento. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Hai mai incontrato persone conosciute online?
Non è mai capitato, ma vorrei.
Non è mai capitato e non ne ho intenzione.
E' capitato, ma continuiamo a tenerci in contatto prevalentemente attraverso Internet.
E' capitato e ora la relazione è prevalentemente telefonica o dal vivo.
E' capitato, ma la delusione è stata tale che non ci sentiamo più.

Mostra i risultati (2365 voti)
Leggi i commenti (60)
Il dipendente ha presentato ricorso al giudice del lavoro contro il licenziamento e il caso verrà discusso a luglio, mentre la richiesta del suo avvocato di sospendere il licenziamento fino al giudizio è stata respinta.

Secondo il licenziato, che contesta anche l'attribuzione del profilo, non si tratterebbe comunque di un reato ma di una condotta lecita all'interno della propria sfera privata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Cassazione: ingiusto licenziare chi si prostituisce online
Facebook e dipendenti pubblici, è lecito criticare?

Commenti all'articolo (4)

Quoto: sono anch'io per la legalizzazione della prostituzione, vorrei che chi si prostituisce paghi LE TASSE!! :sparo: Cmq questo che ha perso il posto di lavoro e' un pirla non perche' gay ne' perche' si prostituiva. E' un pirla perche' si e' fatto riconoscere. Ovviamente Facebook (per una volta) non c'entra nulla. Leggi tutto
26-1-2012 15:50

La prostituzione NON è reato in nessun caso: é reato indurre o favorire o sfruttare chi si prostituisce ( Legge Merlin n. 75 del 1958). In questo Paese ultracattolico l'apparato di potere governativo e poliziesco perseguita chi si prostituisce (illegalmente, come i buoni benpensanti capoccia della Provincia di Verbania) Ciao
26-1-2012 11:54

{Michele}
Ma fammi il piacere.La prostituzione è un reato se non sbaglio , tanto per gli etero quanto per i non.Altrimenti le donne che si prostituiscono (e suppongo anche i gigolo (o come si scrive) anche se non ne ho notizia) vengono fermati dalla polizia e se non erro schedati...(nota : dopo una ricerca più approfondita ho scoperto... Leggi tutto
26-1-2012 09:34

Se fosse stato eterosessuale nn avrebbe fatto nessuna notizia..
25-1-2012 16:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (1703 voti)
Maggio 2017
Più di 2.000 dollari per un Bitcoin
Ubuntu, Fedora e OpenSUSE ora girano dentro Windows
Wannacry una settimana dopo: il punto della situazione
1250 modelli di telecamere di sicurezza vulnerabili da remoto
Come rubare le credenziali di Windows usando Chrome
Ma è credibile tutto questo?
Cosa posso fare per difendermi?
Il keylogger nascosto nei portatili di HP
Mozilla scarica Thunderbird
Prende l'iPhone per rispondere e gli esplode in mano
Google svela l'interfaccia di Fuchsia, il successore di Android
Tablet, sempre meno vendite: faranno la fine dei netbook?
Il viaggio nel tempo è matematicamente possibile
Arriva Windows 10 S, il sistema operativo per studenti
Regno Unito, 10 anni di galera ai pirati
Tutti gli Arretrati


web metrics