Licenziato dalla Provincia perché si prostituiva su Internet

La Provincia di Verbania licenzia un suo dipendente: si sarebbe prostituito su un sito gay.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-01-2012]

california dream men

A Verbania l'amministrazione provinciale del Verbano-Cusio-Ossola ha licenziato un suo dipendente, con decorrenza dal 6 febbraio: in seguito a una segnalazione ha scoperto su un sito gay un profilo attribuito al dipendente in cui questo offriva la propria disponibilità a incontri sessuali a pagamento. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Hai mai incontrato persone conosciute online?
Non è mai capitato, ma vorrei.
Non è mai capitato e non ne ho intenzione.
E' capitato, ma continuiamo a tenerci in contatto prevalentemente attraverso Internet.
E' capitato e ora la relazione è prevalentemente telefonica o dal vivo.
E' capitato, ma la delusione è stata tale che non ci sentiamo più.

Mostra i risultati (2291 voti)
Leggi i commenti (60)
Il dipendente ha presentato ricorso al giudice del lavoro contro il licenziamento e il caso verrà discusso a luglio, mentre la richiesta del suo avvocato di sospendere il licenziamento fino al giudizio è stata respinta.

Secondo il licenziato, che contesta anche l'attribuzione del profilo, non si tratterebbe comunque di un reato ma di una condotta lecita all'interno della propria sfera privata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Cassazione: ingiusto licenziare chi si prostituisce online
Facebook e dipendenti pubblici, è lecito criticare?

Commenti all'articolo (4)

Quoto: sono anch'io per la legalizzazione della prostituzione, vorrei che chi si prostituisce paghi LE TASSE!! :sparo: Cmq questo che ha perso il posto di lavoro e' un pirla non perche' gay ne' perche' si prostituiva. E' un pirla perche' si e' fatto riconoscere. Ovviamente Facebook (per una volta) non c'entra nulla. Leggi tutto
26-1-2012 15:50

La prostituzione NON è reato in nessun caso: é reato indurre o favorire o sfruttare chi si prostituisce ( Legge Merlin n. 75 del 1958). In questo Paese ultracattolico l'apparato di potere governativo e poliziesco perseguita chi si prostituisce (illegalmente, come i buoni benpensanti capoccia della Provincia di Verbania) Ciao
26-1-2012 11:54

{Michele}
Ma fammi il piacere.La prostituzione è un reato se non sbaglio , tanto per gli etero quanto per i non.Altrimenti le donne che si prostituiscono (e suppongo anche i gigolo (o come si scrive) anche se non ne ho notizia) vengono fermati dalla polizia e se non erro schedati...(nota : dopo una ricerca più approfondita ho scoperto... Leggi tutto
26-1-2012 09:34

Se fosse stato eterosessuale nn avrebbe fatto nessuna notizia..
25-1-2012 16:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (1761 voti)
Dicembre 2016
Aiuto, il mio Android è in bianco e nero!
Aggiornate Firefox e Tor
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Novembre 2016
Il display coi pixel di grafene
Android, malware in Google Play scaricato un milione di volte
Secondo Apple la malattia del touch è colpa degli utenti
Gli smartphone low-cost con backdoor incorporata
Tim ci riprova con l'operatore mobile low cost
La GdF sequestra 152 siti di streaming: l'elenco completo
BSA "beccata" a usare software pirata
La stampante che intercetta i cellulari
Il tetto solare invisibile
Ottobre 2016
Come dirottare qualsiasi drone in volo
Antibufala: trovata la soluzione al Triangolo delle Bermude
Il Pc con Linux e Wi-Fi, micro anche nel prezzo: 4 euro
Tutti gli Arretrati


web metrics