Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni concordi maggiormente?
Il cloud computing può migliorare il contributo della funzione IT alla strategia aziendale.
Il cloud computing può aumentare la capacità di innovazione dei dipartimenti IT.
La mia azienda ha già implementato servizi cloud o progetta di farlo.
I servizi cloud sarà una componente importante per il successo della mia azienda nei prossimi 12 mesi.
Il cloud computing consente una riduzione dei costi di manutenzione dell'IT.
Il cloud computing consente una diminuzione dei costi IT e di gestione e miglioramento nell'efficienza dei processi.
Il cloud computing offre maggiori vantaggi per il business rispetto all'outsourcing tradizionale.

Mostra i risultati (452 voti)
Settembre 2014
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Come ti buco l'app di Gmail (e non solo)
Il video dell' ''alieno'' sulla Luna
Microsoft accelera e toglie i veli a Windows 9 a settembre
Curriculum vitae per aziende hi-tech
Google offre un milione a chi creerà un piccolo inverter
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
Ripulire l'isola di plastica del Pacifico
Si fotografa nuda nel palazzo del governo
L'estensione per gli ebook di Amazon in versione pirata
Il robot-origami è il primo vero transformer
Napoli lascia il Pinguino e ritorna con Microsoft
Tutti gli Arretrati

Google, class action contro i cookie traccianti

Anche Internet Explorer sarebbe vittima dello stesso trucco usato per aggirare le protezioni di Safari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-02-2012]

XL google cookie traccianti
Foto di Marin Stefan

C'era da aspettarselo: la vicenda poco chiara dei cookie di Google in grado di aggirare le protezioni di Safari è sfociata in una class action negli USA.

Secondo l'accusa, con questo comportamento Google avrebbe violato tre leggi federali statunitensi: il Federal Wiretap Act, lo Stored Electronic Communication Act e il Federal Computer Fraud and Abuse Act.

Nonostante Google abbia subito affermato che il codice incriminato era frutto di un errore e che in ogni caso non venivano raccolte informazioni personali, la vicenda si è subito ulteriormente complicata.

Microsoft, infatti, ha accusato Google di aver aggirato anche le protezioni di Internet Explorer, sempre al fine di installare dei cookie traccianti sui computer degli utenti.

La risposta da Mountain View è stata rapida: Microsoft - sostiene Google - utilizza un protocollo ormai troppo vecchio e inutilizzabile cui nessuno, a partire da Facebook e Amazon, dà più alcun credito.

Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (4751 voti)
Leggi i commenti (12)

Tutto ciò è stato però sufficiente a mettere sul chi vive i gruppi in difesa della privacy, che hanno per l'appunto dato vita alla class action e anche presentato un reclamo alla Federal Trade Commission.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (3)


Gladiator
Già, ha perso un'ottima occasione per tacere. :lol: :lol: :lol:
26-2-2012 17:09


mda
Che autogol da parte Microsoft! :lol: Ciao
23-2-2012 07:17


mda
Che autogol da parte Microsoft! :lol: Ciao
23-2-2012 06:59

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics