Sondaggio
In che anno hai comprato il tuo primo tablet?
2010
2011
2012
2013
2014
Non ho mai comprato un tablet.
Lo comprerò quest'anno.

Mostra i risultati (1455 voti)
Marzo 2015
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
100 trucchi per Windows 7 e Windows 8
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Samsung Galaxy S6, ecco come pagarlo meno
La casa di Fazio dovrà rimanere segreta
Abilitare il God Mode, cancellare dati in modo sicuro e login automatico
Vulnerabilità nelle BMW, le auto in balia dei malintenzionati
Facebook adesso ti pedina ovunque su Internet
Galaxy S6, le immagini in anteprima
Arriva LibreOffice 4.4, più bello e più snello
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Tutti gli Arretrati

Google, class action contro i cookie traccianti

Anche Internet Explorer sarebbe vittima dello stesso trucco usato per aggirare le protezioni di Safari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-02-2012]

XL google cookie traccianti
Foto di Marin Stefan

C'era da aspettarselo: la vicenda poco chiara dei cookie di Google in grado di aggirare le protezioni di Safari è sfociata in una class action negli USA.

Secondo l'accusa, con questo comportamento Google avrebbe violato tre leggi federali statunitensi: il Federal Wiretap Act, lo Stored Electronic Communication Act e il Federal Computer Fraud and Abuse Act.

Nonostante Google abbia subito affermato che il codice incriminato era frutto di un errore e che in ogni caso non venivano raccolte informazioni personali, la vicenda si è subito ulteriormente complicata.

Microsoft, infatti, ha accusato Google di aver aggirato anche le protezioni di Internet Explorer, sempre al fine di installare dei cookie traccianti sui computer degli utenti.

La risposta da Mountain View è stata rapida: Microsoft - sostiene Google - utilizza un protocollo ormai troppo vecchio e inutilizzabile cui nessuno, a partire da Facebook e Amazon, dà più alcun credito.

Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (4803 voti)
Leggi i commenti (12)

Tutto ciò è stato però sufficiente a mettere sul chi vive i gruppi in difesa della privacy, che hanno per l'appunto dato vita alla class action e anche presentato un reclamo alla Federal Trade Commission.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (3)


Gladiator
Già, ha perso un'ottima occasione per tacere. :lol: :lol: :lol:
26-2-2012 17:09


mda
Che autogol da parte Microsoft! :lol: Ciao
23-2-2012 07:17


mda
Che autogol da parte Microsoft! :lol: Ciao
23-2-2012 06:59


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics