TomTom colpiti da una sorta di Millennium Bug, pronta la patch

Il produttore conferma il problema, verificatosi dopo il 31 marzo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-04-2012]

tomtom bug anno bisestile

Da qualche giorno in qua, numerosi utenti dei navigatori TomTom segnalano misteriosi malfunzionamenti.

Per la precisione, dal 31 marzo si registrano casi in cui il dispositivo non riesce a ricavare la posizione GPS, diventando così inutile. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual č il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessitā.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte č bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (2710 voti)
Leggi i commenti (21)
L'azienda olandese ha scoperto e dichiarato che tale comportamento è dovuto a un bug presente nel firmware e legato al fatto che l'anno in corso è bisestile.

Se il problema si presenta mentre si è in viaggio, una soluzione temporanea consiste nell'effettuare un reset del navigatore (tenendo premuto il tasto di accensione per 20 secondi) ma per liberarsi del problema occorre scaricare l'aggiornamento reso disponibile da TomTom, seguendo le istruzioni pubblicate nell'apposita pagina del sito ufficiale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il millennium bug di Twitter

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Una parte del test, il primo, č del programmatore, poi il test deve essere fatto sia come analisi di codice (spetta all'analista) che come "prova utonto" ossia si mette una persona non molto pratica (oppure specializzata nel testing) ad usare il prodotto. Poi esistono altre prove come quello di "occupazione risorse" e... Leggi tutto
7-4-2012 01:35

Beh dipende se certi test sono demandati al programmatore oppure no :)
6-4-2012 17:21

{programmatore pensionat}
La colpa non è dei programmatori che sono esseri umani e possono sbagliare. La colpa è di chi non testa il prodotto prima di metterlo in vendita!!!
6-4-2012 17:17

Chiedere? Sapessi quante volte mi hanno spedito fuori strada! :blackhumour: Ciao
6-4-2012 15:35

Troppo scomodo. O il navigatore, o chiedi a qualcuno: entrambi hanno sempre funzionato :mrgreen: Leggi tutto
6-4-2012 15:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitā di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitā e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1026 voti)
Agosto 2017
Accesso a reti Wi-Fi
I sospetti della FDA sull'hamburger vegano
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Il file sharing monouso di Mozilla
Antibufala: ''robot di Facebook'' che parlano fra loro una lingua sconosciuta
Video: perché questo uccellino sta a mezz'aria con le ali ferme?
Fondatore di Tor: il Dark Web non esiste
Luglio 2017
Windows 10, Creators Update per tutti
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Antibufala: il video delle ''scie chimiche'' giganti
Tutti gli Arretrati


web metrics