HCL e il tablet indiano low cost

Dotato di Android 4 e processore a 1 GHz, è disponibile anche in versione dedicata alle scuole.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-04-2012]

hcl tablet india low cost
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

L'azienda indiana HCL ha presentato un tablet con Android 4.0.3 Ice Cream Sandwich venduto a prezzi decisamente bassi rispetto ai concorrenti più famosi.

Nella versione base, la più economica, il tablet prende il nome di ME U1; è dotato di schermo touch da 7 pollici con una risoluzione di 800x480 pixel; all'interno ospita un processore a 1 GHz (con 512 Mbyte di RAM) e 4 Gbyte di memoria.

Dispone poi di slot per microSD, porta miniUSB e USB, connettività Wi-Fi integrata e 3G tramite adattatore USB, fotocamera frontale da 0,3 megapixel; il tutto è disponibile in India a 7.999 rupie (circa 120 euro).

Le altre due varianti appartengono alla famiglia MyEduTab e, come il nome lascia intuire, sono principalmente dedicati agli studenti (infatti dispongono già di software per l'apprendimento e contenuti educativi).

Sondaggio
Come sarà il prossimo Pc che acquisterai?
Un desktop
Un notebook
Un netbook
Un tablet

Mostra i risultati (5575 voti)
Leggi i commenti (17)

Le specifiche tecniche sono le stesse del ME U1, mentre quello che cambia è la dotazione software: il MyEduTab K12 (venduto a 11.499 rupie, circa 170 euro) monta diverse applicazioni educative e ha già precaricati diversi e-book scelti dal NCERT; il MyEduTab Higher Education (9,999 rupie, circa 150 euro) dispone di contenuti educativi e di un online certification pack.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

{Paolo}
..ma non si parlava di 60-90 dollari?
19-4-2012 14:24

...azz! Alla faccia del "prezzo basso" Leggi tutto
12-4-2012 20:27

{osfor}
Non posso che esprimere simpatia per la giovane democrazia indiana, colosso in espansione dove una moltitudine enorme di persone vuole il suo pezzetto di benessere. Riguardo il prodotto, alcune perplessità Intanto arriverà da noi? ma se anche arrivasse, a che prezzo reale? Non arriverà, anche perché non basta venderlo, bisogna... Leggi tutto
12-4-2012 08:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (345 voti)
Dicembre 2016
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Novembre 2016
Il display coi pixel di grafene
Android, malware in Google Play scaricato un milione di volte
Secondo Apple la malattia del touch è colpa degli utenti
Gli smartphone low-cost con backdoor incorporata
Tim ci riprova con l'operatore mobile low cost
La GdF sequestra 152 siti di streaming: l'elenco completo
BSA "beccata" a usare software pirata
La stampante che intercetta i cellulari
Il tetto solare invisibile
Ottobre 2016
Come dirottare qualsiasi drone in volo
Antibufala: trovata la soluzione al Triangolo delle Bermude
Il Pc con Linux e Wi-Fi, micro anche nel prezzo: 4 euro
Hackerato l'iPhone 6S protetto da password e impronta digitale
Dodicenne riceve una fattura di 100.000 euro da Google: ha confuso AdWords e AdSense
Tutti gli Arretrati


web metrics