Sondaggio
Qual è l'invenzione che aspetti di più?
L'auto che si guida da sola, senza conducente
Un chip per migliorare la memoria e incrementare le capacità cognitive dell'uomo
La carne fabbricata in laboratorio
L'auto (o la bicicletta) volante
Un robot personale per i lavori pesanti o noiosi
La macchina per viaggiare nel tempo
La pillola per aumentare la longevità
Nessuna di queste
Non lo so

Mostra i risultati (1303 voti)
Marzo 2015
L'Europa vuole Internet a due velocità
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
100 trucchi per Windows 7 e Windows 8
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Samsung Galaxy S6, ecco come pagarlo meno
La casa di Fazio dovrà rimanere segreta
Abilitare il God Mode, cancellare dati in modo sicuro e login automatico
Vulnerabilità nelle BMW, le auto in balia dei malintenzionati
Facebook adesso ti pedina ovunque su Internet
Galaxy S6, le immagini in anteprima
Arriva LibreOffice 4.4, più bello e più snello
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Tutti gli Arretrati

Rivoluzione in Telecom, sedi 187 a rischio

L'amministratore delegato Marco Patuano riorganizza la struttura interna dell'azienda: rischiano la chiusura 11 sedi del 187 nelle maggiori città.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-04-2012]

call center telecom patuano

Marco Patuano, diventato amministratore delegato di Telecom Italia nel 2011 (lasciando a Franco Bernabè il posto di presidente, con poteri sulle strategie e la comunicazione), ha deciso di attuare un'autentica rivoluzione dell'assetto interno dell'azienda.

Tale cambiamento investirà l'intero fronte dei call center e, in pratica, si tradurrà nella specializzazione di ogni sede regionale su un unico numero di assistenza ai clienti.

Torino e Bologna avranno competenza sul 191, per la clientela business; Padova, Firenze e Palermo si occuperanno del 119, dedicato alla telefonia mobile; a Genova, Venezia, Ancora, Pescara, Cagliari e Bari toccherà invece il 187.

La situazione odierna prevede invece che ogni sede abbia al proprio interno tutti e tre i tipi di servizio.

La ristrutturazione avrà effetti su più di 15.000 addetti, e comporterà processi di riconversione professionale, organizzativa e di mobilità territoriale.

Sondaggio
Qual è secondo te il problema principale dei call center?
Tempi di attesa troppo lunghi
Mancanza di coordinamento tra settore tecnico e amministrativo
Personale scortese
Personale incapace
Personale capace, ma non addestrato adeguatamente

Mostra i risultati (2876 voti)
Leggi i commenti (13)

Per ora il sindacato non ha mostrato contrarietà, ma vuole garanzie sulla tenuta dei livelli occupazionali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (4)


Zeus
Più che "Internet", Zeus News ;-)
16-4-2012 08:37

{montoya}
Incredibile come "internet" sappia le cose prima dei diretti interessati. Che amarezza.
16-4-2012 08:34

{Giovanni}
Purtroppo la distruzione della SIP, ora TelecomItalia spa,non è ancora finita. Il risparmio per l'Azienda ( ovvero ulteriore guadagno per azionista) non sempre fa rima con fidelizzazione clientela. Ai " bei tempi " che sembravano brutti avevi sempre e comunque una interfaccia fisica e vicina con cui interaggire, ora... Leggi tutto
14-4-2012 18:12

{ice}
rifelssi occupazionali a parte, la restrutturazione è senz'altro sensata: permetterà di concentrare in ogni sede un maggior numero di livelli decisionali. si spera che questo si rispecchi su una miglior qualità del servizio e capacità dei call-center di scalare correttamente di livello alle segnalazioni... Leggi tutto
13-4-2012 14:23


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics