Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Hai dei rimpianti per la tua vita finora?
Avrei voluto vivere la vita secondo le mie inclinazioni e non secondo le aspettative degli altri.
Ho fatto l'amore meno di quanto mi sarebbe piaciuto.
Non avrei voluto lavorare così duramente.
Ho viaggiato meno di quello che avrei voluto.
Avrei voluto avere il coraggio di esprimere di più alcuni miei sentimenti.
Avrei voluto restare di più in contatto con i miei amici e di chi mi ha voluto bene.
Ho guadagnato meno soldi di quanto avrei desiderato.
Avrei voluto consentirmi di essere più felice.

Mostra i risultati (1573 voti)
Settembre 2014
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Chiavi stampate 3D, un business per i topi d'appartamento
Eee PC, Asus ci riprova
Le false antenne cellulari che intercettano chiamate e messaggi
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Come ti buco l'app di Gmail (e non solo)
Tutti gli Arretrati

Zshare scompare dal web

Del cyberlocker, diventato popolare dopo la chiusura di Megaupload, non c'è più traccia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-04-2012]

Zshare scompare web
Foto via Fotolia

È semplicemente scomparso dal web: di ZShare non si trova praricamente più traccia nel web; anche Google riporta solo un link a un file che era ospitato dal servizio e i siti che lo citano.

Dopo la caduta di Megaupload, ZShare aveva conosciuto come altri servizi analoghi un improvviso aumento di popolarità. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale di questi grandi trend dominerà maggiormente il mercato dell'Information & Communication Technology nei prossimi due anni?
Cloud Computing
Mobility
Virtualizzazione
Sicurezza e Risk Management
Energy Efficiency
Business Intelligence
Big Data

Mostra i risultati (1013 voti)
Leggi i commenti (4)
Ciò era durato per un paio di settimane; in seguito, verso la metà di febbraio, il traffico era tornato ai livelli consueti; quindi, ad aprile, il crollo.

Non è noto che cosa sia successo a ZShare, ma i precedenti non lasciano ben sperare per il destino del cyberlocker.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (4)

{Qwerty}
C'è ancora, .ma ma c'è...
15-5-2012 19:11

dany88
c'è sempre l'intramontabile p2p, questi cyberlocker erano servizi che "semplificavano" e "velocizzavano", ma alla fine lo facevano per lucro. Direi che il p2p è migliore sotto tutti i punti di vista (etico, tecnico, etc...) Leggi tutto
30-4-2012 11:20


ioSOLOio
consividere o mettere nel cloud può essere utile/comodo.. ma una copia (più d'una) in locale è d'uopo Leggi tutto
30-4-2012 11:12


al_pacino
ennesima dimostrazione che il file sharing pubblico è ormai morto. decine di miei amici condividevano set da discoteca molto vecchi, introvabili, centinaia di ore andate in fumo... sperando che li abbiano ancora sul loro pc! :(
29-4-2012 11:14

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics