La ricerca di Google diventa semantica

Il motore di ricerca, oltre ai soliti link ai siti web, inizia a fornire risposte.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-05-2012]

google semantico carter

Appena un paio di mesi fa, Google aveva promesso grossi cambiamenti - seppure graduali - nel proprio motore di ricerca, ideati per mimare sempre più precisamente «il modo in cui gli umani comprendono il mondo».

Ora tali cambiamenti - che porteranno Google a evolversi in un "motore semantico", ossia in grado di comprendere il senso delle richieste sottopostegli - stanno avendo luogo ma, com'è costume di Google, poco per volta e interessando soltanto alcuni utenti.

A rivelare il debutto dei primi servizi semantici è un frequentatore del sito web Engadget, il quale si è imbattuto, cliccando sul doodle realizzato in occasione del compleanno dell'egittologo Howard Carter, in una pagina dei risultati leggermente diversa dal solito.

In aggiunta alla normale lista dei risultati ha infatti notato, sul lato destro della pagina, un breve riassunto delle informazioni essenziali sulla vita di Carter, proprio come Google aveva promesso qualche tempo fa.

Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (4921 voti)
Leggi i commenti (12)

Come già accennato, tale risultato non è riproducibile ovunque: a quanto pare Google sta sperimentando questa nuova caratteristica, e l'annuncio seguirà quando tutto sarà pronto; si tratta comunque della conferma del fatto che qualcosa sta bollendo in pentola a Mountain View, e anzi è quasi pronto per essere servito in tavola.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google aggiunge i valori nutrizionali a 1000 cibi

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

@Squall Sì che la conosco! l'ho letta 32 hanni fa. Quando ero un lettore quasi abituale di Urania, Ormai, è un ricordo molto vago. In pratica, ricordo vagamente che era divertente. :D
14-5-2012 11:01

non c'è una spiegazione in realtà, nemmeno l'autore della Guida, Douglas Adams fornì mai una risposta vera, disse che gli venne così e la scrisse... i libri comunque è possibile reperirli, non gli originali ovviamente, gli ha in catalogo la mondadori vedi qui link Leggi tutto
14-5-2012 10:18

Deduco che non conosci la Guida galattica per autostoppisti... ;)
14-5-2012 01:39

Ma come fa la risposta ad essere 42? Da quale calcolo viene fuori che è 42? :? Oppure, è solo un numero messo così a caso, senza nessun significato di nessun tipo? Poi, per quale ragione la risposta viene data in base 13? La si poteva dare anche in base 8, oppure in base 20. Ancora una volta, c'è un significto, oppure è una tirata di... Leggi tutto
14-5-2012 01:38

Come da dove salta fuori? :mrgreen: 42 è la risposta alla Domanda...!
14-5-2012 01:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Qual è il prodotto più obsoleto tra questi?
Il lettore DVD da salotto: sta per fare la fine del videoregistratore VHS.
L'iPod: ormai la musica si ascolta con lo smartphone.
Il Blackberry: ha pochissime app, ormai ha fatto il suo tempo.
Angry Birds: ormai la moda è passata.
Un telefonino che non sia smartphone: esistono ancora?
L'auricolare Bluetooth: è bruttissimo a vedersi.
Lo smartwatch, per lo meno quelli di prima generazione: brutti e limitati.
Il Nintendo Wii: non può competere con l'Xbox One e la PS4.

Mostra i risultati (1437 voti)
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Netflix lancia l'HDR, Amazon il Prime Video con pagamento mensile
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Marzo 2016
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Romanzo scritto dal computer va in finale per premio letterario
Il phishing di Equitalia
Il campo magnetico della felicità
Chiavetta Usb con butt plug: i tuoi dati in un posto veramente sicuro
WhatsApp, arrivano le chiamate cifrate
Google svela Android N
Come rubare gli account di Facebook
La foto del ladro con lo scanner per carte di credito senza contatto
Tutti gli Arretrati


web metrics