Apple e Nokia litigano per le nanoSIM

Due formati concorrenti e incompatibili: le aziende si sfidano per stabilire il nuovo standard.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-05-2012]

NanoSIM Apple Nokia

Le SIM - le piccole schede che identificano ogni singolo abbonato di telefonia mobile - non piacciono più: nonostante le già ridotte dimensioni (ulteriormente calate nelle microSIM), paiono ancora troppo grosse.

Così Apple, Nokia, RIM e Motorola hanno deciso che è ormai tempo di introdurre le nanoSIM: quanto a funzionalità sono identiche alle sorelle, ma occupano molto meno spazio.

Sarebbe sciocco ritenere che le quattro aziende stiano agendo d'accordo per trovare un formato comune: infatti Apple ha una propria variante di nanoSIM, mentre le altre tre ne propongono uno concorrente.

La rivalità è arrivata sino all'ETSI ma ancora non c'è una soluzione.

Anzi, di recente una delle obiezioni mosse da Nokia al formato di Apple - la nanoSIM della mela sarebbe di forma tale da poter essere inserita in uno slot microSIM senza possibilità di estrazione, creando problemi agli utenti - sono state ascoltate dai dirigenti di Cupertino, che hanno modificato il design della propria nanoSIM.

Sondaggio
Che cosa utilizzi per mandare messaggi dal cellulare?
biteSMS - 1.9%
BlackBerry Messenger - 2.2%
ChatON - 0.6%
Google Talk - 3.2%
iMessage - 4.6%
indoona - 4.6%
jaxtr - 0.4%
Msn - 0.9%
Skebby - 1.3%
Skype - 3.0%
Sms - 41.6%
WhatsApp - 35.8%
  Voti totali: 3611
 
Leggi i commenti (13)

Nokia continua d'altra parte a ritenere superiore la propria proposta, che tuttavia avrebbe il demerito di rendere incompatibili tutte le SIM precedenti.

Se non ci saranno rinvii (come già accaduto in passato), entro la fine del mese l'ETSI dovrà esprimere un parere.

Se la questione sembra oziosa è perché non si considerano i tentativi, da parte di tutte le aziende, di trattenere presso di sé gli utenti con ogni mezzo: già ora le microSIM - adottate da Apple negli ultimi prodotti - impediscono l'utilizzo di altri telefoni senza cambiare la scheda (gli adattatori non sempre funzionano come dovrebbero).

L'adozione di un formato consentirebbe inoltre all'ideatore di far leva sui brevetti e costringere i concorrenti ad adattarsi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

i produttori ne traebbero vantaggio (lo slot sim è sempre una bella bega), il problema è che comandano gli operatori :D cioè mi stai dicendo che user\pass sono scomodi da gestire per l'utente finale? Nel 2012, quando tutto funziona con user\pass, dalla gestione stipendi, alla gestione del conto, alla gestione della posta, a facebook,... Leggi tutto
14-5-2012 13:29

Gestire milioni di utenti con username univoche probabilmente rimarrebbe poco pratico, soprattutto per gli utenti che dovrebbero ricordarsi uno username equivalente all'attuale codice della SIM. Per esperienza so che gran parte degli utenti tendono ad impostare user e password e quindi dimenticarseli (perlomeno la password, cosa che... Leggi tutto
14-5-2012 09:36

Appunto ci sarebbero notevoli vantaggi per gli utenti e nessuno per i produttori e gli operatori, anzi, diminuirebbero le opzioni protezionistiche. E' per questo che non interessa a nessuno... Leggi tutto
13-5-2012 18:56

Quoto! Leggi tutto
13-5-2012 18:52

si, la cosa potrebbe essere risolta via software con qualche nuovo standard, ma sembra non interessare nessuno questa opzione. I vantaggi sarebbero notevoli: -niente più sim in giro per la casa o portafoglio, solo user e password -cambio operatore al volo via software -nessun problema per i produttori di telefoni a progettare lo slot... Leggi tutto
13-5-2012 10:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come passi maggiormente il tuo tempo online?
Sui social network
Leggendo e scrivendo email
Guardando filmati
Cercando e leggendo informazioni
Giocando online
Leggendo i blog
Sui forum
Ascoltando musica e radio online
Leggendo quotidiani e riviste
Altro (specificare nei commenti)

Mostra i risultati (1259 voti)
Settembre 2016
Google Car, grave scontro con un furgone
La stufetta a candele che non consuma elettricità
Come vedere tutto quello che avete mai cercato in Google
Hissgate, il fastidioso fischio dell'iPhone 7
Rubati sei milioni di username e password conservati in chiaro
iPhone 7, le cose realmente da sapere
Android nei guai: falle critiche e app infette
Truffatori online rubano 40 milioni di euro a un'azienda tedesca
Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi
UE: stop alle tariffe di roaming, ma col trucco
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
Tutti gli Arretrati


web metrics