Cofondatore di Facebook lascia gli USA per sfuggire alle tasse

Con l'IPO si troverà per le mani quasi 4 miliardi di dollari. Per evitare il fisco abbandonerà la cittadinanza americana.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-05-2012]

eduardo saverin tasse facebook
Eduardo Saverin

Il nome di Eduardo Saverin con buona probabilità non dirà nulla ai più, ma il suo ruolo nella creazione di Facebook è tutt'altro che secondario.

Fu lui, infatti, a finanziare il progetto quando ancora si chiamava The Facebook ed era soltanto la creazione di uno sconosciuto studente di Harvard; allora ne deteneva il 33%.

Poi, a causa delle divergenze con Mark Zuckerberg, lasciò la società, mantenendo però la proprietà del 4% (e l'onore di essere considerato tra i cofondatori del social network): una percentuale che, se l'imminente IPO andrà come si prevede, varrà circa 3,84 miliardi di dollari.

Se ora il nome di Saverin è tornato alla ribalta è perché questi ha deciso di rinunciare alla cittadinaza americana e di acquisire quella di Singapore.

Ufficialmente, la motivazione parla dell'intenzione, espressa da Saverin, di risiedere laggiù a tempo indeterminato, ma la concomitanza dell'annuncio con la quotazione in Borsa di Facebook lascia pensare che dietro ci sia altro: in particolare, il tentativo di sfuggire al fisco americano.

Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (1852 voti)
Leggi i commenti

Abbandonare il passaporto USA sarebbe infatti soltanto un modo per pagare meno tasse sul capitale che si troverà tra le mani di qui a pochi giorni (non che attualmente Eduardo Saverin sia povero, dato che a quanto scrive Bloomberg è già miliardario).

D'altra parte, la fuga - se di questo si tratta - riuscirà soltanto in parte: la legge americana prevede infatti che quanti rinunciano alla cittadinanza paghino una tassa sulle plusvalenze delle partecipazioni azionarie, anche se non vendono le proprie azioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

E per fortuna che in USA il fisco non è che sia poi così cattivo con i ricchi ai quali chiede molto di meno di quanto da noi si chieda ad un operaio... Comunque concordo con Merlin, se viene in Italia non dovrà proprio pagare nulla. :twisted:
17-5-2012 18:56

{apolide}
residenza o cittadinanza? attenzione: i tributi si pagano dove hai la residenza... non mi risulta che sia necessario rinunciale anche alla cittadinanza!
15-5-2012 14:15

Il nuovo Paperone sbaglia paradiso fiscale. Infatti avendo soldi da buttare, potrebbe venire da noi, dove i ricchi diventano nababbi e tutti gli altri sempre più poveri.
15-5-2012 10:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (706 voti)
Marzo 2017
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Wikileaks rivela il ''cacciavite sonico'' della CIA per colpire i Mac
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Il senatore Bartolomeo Pepe e le ''scie chimiche''
Inflazione e tassi bassi? Ecco perché dire addio al conto corrente
Tagliando assicurativo e dematerializzazione, difficoltà per gli anziani
Il malware che cancella l'hard disk
Quel crack per Mac fa un patatrac
L'altro ieri siete stati buttati fuori dal vostro account Google?
Febbraio 2017
Google ha violato la crittografia SHA-1
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Tutti gli Arretrati


web metrics