Sondaggio
Qual è tra questi l'evento che attendi di più?
CES, gennaio, Las Vegas
Mobile World, febbraio, Barcellona
CeBIT, marzo, Hannover
E3, giugno, Los Angeles
Computex, giugno, Taipei
IFA, settembre, Berlino
Smau, ottobre, Milano

Mostra i risultati (820 voti)
Maggio 2015
Occhio alla pornotruffa che blocca il computer
La Tv da attaccare come un magnete al frigo
Navigazione più privata e sicura con Freedome
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
Tutti gli Arretrati

Francia, non c'è solo l'HADOPI a denunciare gli utenti

Le associazioni a tutela del copyright dicono di voler colpire solo i grandi condivisori ma non esitano a portare in tribunale anche i piccoli.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-05-2012]

La francese ALPA - Association de Lutte Contre la Piraterie Audiovisuelle (Associazione di Lotta Contro la Pirateria Audiovisiva) - ha denunciato un quarantenne "pescato" nel 2011 a condividere tramite eMule poco meno di una ventina di film nel giro di ventiquattr'ore.

Nonostante l'associazione si vanti di perseguire soprattutto i capifila della diffusione illegale e l'uomo in questione non sia un downloader professionale, l'ALPA ha fatto in modo che questi debba ora vedersela con il tribunale di Bordeaux.

Pur avvenendo in terra francese, la performance è indipendente dalla normativa HADOPI 2, che colpisce chi condivide le opere protette dal diritto d'autore con sanzioni che possono arrivare sino alla disconnessione da Internet.

«Sorvegliamo in continuazione diverse centinaia di opere audiovisive» - si vantano quelli dell'ALPA - "e abbiamo ricevuto dalla Commissione Nazionale Informatica e Libertà (CNIL) il permesso di estrarre dal nostro database la connessione che ha messo online la maggior parte delle opere protette».

L'associazione puntualizza di non aver nulla a che vedere con le procedure dell'HADOPI ma di essere autorizzata ad avvalersi dei risultati delle indagini messe in opera dalla Trident Media Guardian (TMG).

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (5790 voti)
Leggi i commenti (10)

Vien da chiedersi a questo punto quale sia il marchingegno tecnico/giuridico posto in essere con successo dalla ALPA, anche perché questa ha affermato di non aver richiesto in questo caso i servizi della TMG, che nel 2010 ricevette una "menzione speciale" ai Big Brother Award per «aver fatto quanto di meglio si possa per minacciare la privacy».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Macchè galera! Sono costati già troppo. L'unica, imho, è la ghigliottina. :evil:
21-6-2012 15:02

Troppo vero! Non mi stancherò mai di ripeterlo usano i nostri soldi per difendere i loro interessi. In galera dovremmo metterli! :twisted: :twisted: :twisted:
26-5-2012 17:26

Una montagna di associazioni che costano agli utenti! Miliardi sprecati. Ciao
25-5-2012 15:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics