Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2234 voti)
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
L'auto che evita di prendere multe per eccesso di velocità
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
La falla FREAK è risolta
Chi ha inventato la correzione automatica?
Non ridete: i colori di quel vestito virale sono una cosa seria
Spostare la barra delle applicazioni, registrare ciò che avviene sul desktop
L'Europa vuole Internet a due velocità
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
Eliminare i file superflui, aprire il prompt ovunque e limitare l'UAC
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Tutti gli Arretrati

Copyright: l'ACTA giunto al capolinea?

Sconfessato l'Anti Counterfeiting Trade Agreement dal Commissario UE per la Digital Agenda e dal Garante Europeo per la privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-05-2012]

Il Commissario UE per la Digital Agenda, Neelie Kroes, ha espresso il proprio giudizio sfavorevole in merito all'ACTA, il trattato internazionale anti contraffazione, già criticato aspramente dallo stesso Garante Europeo per la privacy.

La Kroes, intervenendo alla conferenza The European public on the Net, tenutasi a Berlino all'inizio di maggio, ha rassicurato i presenti affermando che l'Anti Counterfeiting Trade Agreement "non sarà più una preoccupazione". Ha spiegato che si tratta di una "realtà politica" che ha preso piede nell'ambito di un'alleanza trasversale ormai consolidatasi contro il trattato internazionale.

Ha affermato il Commissario Kroes: "Internet deve restare aperto e libero; e vivremo probabilmente in un mondo senza SOPA e senza ACTA". Tuttavia è indispensabile trovare un compromesso affinchè Internet resti un luogo di "libertà, apertura e innovazione per tutti i cittadini, non solo per la techno avant-garde".

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)

La nuova disciplina che l'ACTA vorrebbe introdurre e sulla quale il Parlamento Europeo dovrebbe pronunciarsi nel prossimo mese di giugno (non prima, comunque, del parere che sta per emettere la Corte di Giustizia UE) sta suscitando un vivo malcontento non solo tra il popolo della rete, ma anche tra varie università e gruppi parlamentari europei (in prima linea vi è il gruppo dei liberali ALDE). Come previsto, i maggiori problemi sono stati riscontrati con riguardo alla sezione sui farmaci generici e sui diritti d'autore online.

A conti fatti, però, la Commissione Europea resta, comunque, il più strenuo sostenitore dell'ACTA, oltre ovviamente a tutti i titolari di marchi, brevetti e diritti d'autore in genere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Angelo Greco

Commenti all'articolo (2)


Zievatron
La lotta è dura, ma prevarremo. :D
21-6-2012 01:30


mda
Speriamo bene! Anche nell'UE NON sono tutti concordi e si spera adesso nelle nuove elezioni (pare che sarà favorita la sinistra e indipendenti) per eliminare i favorevoli all ACTA. Ciao
23-5-2012 23:45


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics