Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1222 voti)
Maggio 2015
Occhio alla pornotruffa che blocca il computer
La Tv da attaccare come un magnete al frigo
Navigazione più privata e sicura con Freedome
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
Tutti gli Arretrati

Flame, dal Medio Oriente un malware pericolosissimo

Considerato una minaccia peggiore di Stuxnet, sottrae tutti i dati dai computer infetti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-05-2012]

flame virus peggiore stuxnet
Foto di Gina Sanders

Secondo Kaspersky, che per prima ha individuato il trojan, si tratta di «una delle minacce più complesse mai scoperte» ed è peggiore persino del già temuto Stuxnet.

Il malware di cui stiamo parlando si chiama Flame e sta infettando molti computer con Windows in Medio Oriente; come Stuxnet, può diffondersi tramite chiavette USB, ma rispetto al collega dispone di un arsenale molto più vario.

È stato scoperto quasi per caso durante la ricerca di un altro malware - chiamato Wiper - compiuta da Kaspersky su richiesta della ITU; ulteriori indagini hanno portato a pensare che Flame sia attivo sin dal 2010, ma le sue capacità di sfuggire ai software di rilevamento gli avrebbero permesso di operare indisturbato sino a oggi.

Una volta installatosi su un computer inizia a raccogliere informazioni scattando screenshot dello schermo a intervalli regolari: più di frequente se è in esecuzione un programma interessante (come un client di posta, o un software di messaggistica istantanea), soltanto una volta al minuto se non c'è nulla di importante da fotografare.

Inoltre registra le conversazioni che passano attraverso il microfono del PC, è in grado di infettare i drive USB collegati, carpisce informazioni tramite i dispositivi connessi via Bluetooth e tenta di diffondersi attraverso la stessa falla nello spooler di stampa di Windows già sfruttata da Stuxnet (e per la quale è disponibile da tempo una patch).

Flame è strutturato in moduli che si possono installare, attivare e aggiornare indipendentemente; tutte le possibilità che offre ai suoi creatori fanno sì che il malware non sia un software piccolo: la versione completa si aggira intorno ai 20 Mbyte (Stuxnet, per fare un confronto, pesa soltanto 500 Kbyte).

Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilità
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalità politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (4232 voti)
Leggi i commenti (25)

Curiosamente, Flame è impostato per non replicarsi automaticamente: Kaspersky ipotizza che questa caratteristica sia stata "spenta" dopo che la minaccia di Stuxnet divenne pubblica, per cercare di mantenere segreta l'esistenza di Flame il più a lungo possibile evitandone la diffusione incontrollata.

Quanto alle origine di questo pericolo, le ipotesi sono al momento tre: criminali informatici, attivisti e Stati. Considerando tuttavia la complessità del software (gli attivisti di solito usano strumenti piuttosto semplici) e gli obiettivi presi di mira (non conti correnti bancari, ma computer delle nazioni mediorientali), la possibilità che dietro a Flame vi sia la sponsorizzazione di qualche nazione è più che un'ipotesi.

Kaspersky stima che al momento ci siano circa 1.000 computer infettati da Flame.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 23)

No si chiama non scaricare_cavolate.exe e soprattutto non inoltrare catene_di sant'antonio.eml e similari.- Tanta paura del virus e gli apri la strada? Poi ci sono i superprudenti che si mettono tre antivirus assieme in funzione, e si lamentano che il pc diventa lento e i virus ci sono lo stesso....:lol: :lol: E poi cosa fa... Leggi tutto
25-6-2012 00:56

Considerato il livello di OT che abbiamo raggiunto fra Admin e Supervisor direi che il terrificante Malware descritto nell'articolo si è già impadronito di noi. :incupito:
2-6-2012 00:25

Quindi versione Beta? :roll:
1-6-2012 22:50

Daniel, mda, io mi riferivo a UNaBottaEvia.exe! Leggi tutto
1-6-2012 15:09

Basta non istallare moglie.exe pensando di upgradare da fidanzata.exe . :lol: :lol: :lol: Ciao
1-6-2012 01:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics