DDUniverse bloccato dalla GdF, ma è ancora online

La Guardia di Finanza blocca il popolare portale per la condivisione di file eDonkey e Torrent. I modi per raggiungerlo ugualmente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-06-2012]

gdf chiude dduniverse

A meno di due settimane dalla chiusura di KickassTorrents, la Guardia di Finanza ha portato a termine il blocco di un altro popolare sito legato al file sharing.

Questa volta nel mirino delle Fiamme Gialle è finito il portale DDUniverse, oggetto di un sequestro preventivo quale esito dell'operazione denominata Macchia Nera.

DDUniverse è considerato uno dei siti di file sharing italiani più popolari, nonché uno dei più longevi. Nato a fine 2004 come Drunken Donkey (ma la community era già attiva dal 2002 nello storico newsgroup free.it.enkey, poi nel sito enkeywebsite), era diventato in breve tempo il punto di riferimento per gli utenti italiani di eMule; a seguito di una prima chiusura nel 2007, "cacciato" dal provider, era risorto come DDGalaxy ("Drunken Donkey Galaxy"), e dopo un nuovo cambio di rotta era diventato DDUniverse.

Sul sito erano ospitati link a file torrent e a file distribuiti tramite la rete eDonkey (usata anche da eMule): «in tal modo» - spiega la Guardia di Finanza - «gli utenti registrati su detto sito sono in grado di scambiare tra loro copie integrali o parziali dei file stessi, il tutto con finalità di lucro rappresentato dagli introiti derivanti dalle inserzioni pubblicitarie a pagamento inserite sul sito».

Sul questo particolare, il fine di lucro, ci permettiamo di dissentire in quanto notoriamente i banner sul sito avevano l'unico scopo di ripagare le spese di hosting. La community agiva esclusivamente su base volontaria.

Sondaggio
Saresti favorevole a una "tassa sull'ADSL" per poter scaricare film e musica liberamente?
No
Non lo so.

Mostra i risultati (12650 voti)
Leggi i commenti (20)

La caratteristica più interessante di questo nuovo intervento della GdF sta però nel fatto che per la prima volta i responsabili sono stati considerati responsabili diretti del reato, sebbene il sito in sé non ospitasse alcun file né consentisse il download diretto.

In altre parole, il fatto di fornire un semplice servizio di indicizzazione dei file sembra non bastare più a proteggere i siti che tra il materiale indicizzato ospitano opere protette dal diritto d'autore; fino a oggi, il paragone con Google - che indicizza tutto quello che trova, senza distinguere tra materiale libero e materiale protetto - sembravano costituire una strategia di difesa valida. A quanto pare le cose sono cambiate.

Inoltre, il blocco si accompagna alla previsione di una multa per quei provider che non si attiveranno per impedire l'accesso a DDUniverse: la cifra può arrivare sino a 250.000 euro. In questo modo anche per gli ISP si prospetta dunque una qualche forma di responsabilità.

Tuttavia, anche in questo caso il blocco si sta già dimostrando inefficace: sull'account Twitter dei DDUniverse i gestori del sito spiegano come aggirarlo, per esempio usando OpenDNS o i DNS di Google.

Come se ciò non bastasse, è già attivo un indirizzo alternativo - DDAlternate - che consente agli utenti di continuare a raggiungere il sito. I gestori comunque ricordano che "è solo un indirizzo temporaneo. Molte features sono disattivate". Altro modo per accedere al sito ufficiale è l'utilizzo di un proxy.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Dieci alternative per connettersi a DDUniverse.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Partono i ricorsi per i siti di file sharing bloccati
ItalianShare, sei milioni e mezzo di multa

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

{luigi}
e una vera cattiveria
22-3-2017 10:42

{giancarlo}
non credo che sia la cosa migliore a chidere dd ho digitato dns i solidi ai me non si apre
17-10-2013 16:57

Basta usare i DNS di Google e tutto diventa raggiungibile. Raggiungibile anche dal GdF...tempo al tempo ;)
3-1-2013 19:36

Se leggi l'articolo per bene, al fondo trovi un'alternativa... :wink:
11-8-2012 16:57

Scusate ma io non riesco ad accedere in nessun modo...mi potete aiutare? :)
10-8-2012 03:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1440 voti)
Maggio 2017
Blue Whale, mito di morte pericolosamente gonfiato
Wannacry una settimana dopo: il punto della situazione
1250 modelli di telecamere di sicurezza vulnerabili da remoto
Come rubare le credenziali di Windows usando Chrome
Ma è credibile tutto questo?
Cosa posso fare per difendermi?
Il keylogger nascosto nei portatili di HP
Mozilla scarica Thunderbird
Prende l'iPhone per rispondere e gli esplode in mano
Google svela l'interfaccia di Fuchsia, il successore di Android
Tablet, sempre meno vendite: faranno la fine dei netbook?
Il viaggio nel tempo è matematicamente possibile
Arriva Windows 10 S, il sistema operativo per studenti
Regno Unito, 10 anni di galera ai pirati
Microsoft: non installate il Creators Update
Tutti gli Arretrati


web metrics