Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (182 voti)
Ottobre 2014
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Windows 10, torna il menu Start
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
Tutti gli Arretrati

Guerra dei brevetti, app rimosse e una bambina che non potrà comunicare

Apple rimuove l'unica app che permette a una bambina muta di comunicare prima ancora che il tribunale abbia deciso se violi dei brevetti oppure no.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-06-2012]

SpeakForYourself rimossa appStore

L'autorità assoluta che Apple detiene sull'App Store è per lo meno un'arma a doppio taglio: da un lato consente un controllo minuzioso sui software che ne fanno parte, minimizzando il rischio della presenza di malware; dall'altro consente comportamenti quantomeno dubbi da parte dell'azienda.

È questo per esempio il caso di Speak for Yourself, un'applicazione ideata per consentire a chi non è in grado di parlare di tornare a comunicare recentemente rimossa dall'App Store.

L'app è da poco divenuta improvvisamente nota perché la sua sparizione rischia di mettere in seria difficoltà una bambina di quattro anni che non è in grado di parlare.

Maya è una bambina muta che però grazie all'iPad e a Speak for Yourself ha potuto iniziare a comunicare con i propri genitori; l'app è l'unica che la bambina ha potuto usare in maniera efficace, mentre tutte le alternative sono risultate insoddisfacenti.

«Nel mio post originale» - scrive la madre nel proprio blog - «immaginavo un futuro in cui potevo sentire Maya "parlare" componendo frasi e condividendo i propri pensieri... ora, appena poche settimane dopo, stiamo vivendo quel futuro».

Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (886 voti)
Leggi i commenti (30)

Il problema è che due aziende - Prentke Romich Company e Semantic Compaction Systems - sostengono che Speak for Yourself violi i loro brevetti, e hanno intentato una causa.

Il caso è ancora all'esame del tribunale, ma le due aziende si sono nel frattempo rivolte a Apple chiedendo la rimozione dell'applicazione; i creatori di Speak for Yourself hanno fatto presente che nulla ancora è stato deciso. Ma Apple, che in un primo momento sembrava voler aspettare la conclusione del processo, ha alla fine rimosso l'applicazione.

Per Maya, questo è un problema. Certo, per ora la sua copia è ancora presente sull'iPad, ma la sparizione dall'App Store comporta l'impossibilità di ricevere aggiornamenti, il che può essere problematico se un update di iOS dovesse in qualche modo rompere la compatibilità di Speak for Yourself: un caso tutt'altro che improbabile.

Inoltre la madre teme che Prentke Romich e Semantic Compaction arrivino al punto di chiedere a Apple di cancellare da remoto anche tutte quelle applicazioni regolarmente acquistate, poiché secondo loro si tratta di software creati illegalmente (in teoria, è possibile): in quel caso, anche la copia di Maya sparirebbe.

L'iPad usato dalla bambina opera ora unicamente in modalità offline (ed è protetto da robuste custodie, visto che viene usato da una bambina di quattro anni) ma i genitori preferirebbero non dover trovare trucchi per assicurarsi che l'app tanto preziosa per loro non sparisca all'improvviso.

Per la reintroduzione di Speak for Yourself - per lo meno finché il tribunale non avrà deciso circa la sua liceità - nell'App Store è nata anche una petizione online.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (5)


Zievatron
E poi sono strano io se sostengo che andrebbe legiferato che il software chiuso è legale solo per uso interno mentre se un soft dev'essere distribuito DEVE essere open source. :roll:
24-6-2012 00:50


Gladiator
Quanto ti capisco! In quanto ad Apple non può certo mandare le aziende dove dici tu nemmeno in un caso del genere, creerebbe un precedente che le farebbe perdere di credibilità nei confronti di tutte le realtà che sostengono il suo ecosistema di applicazioni per iOS con conseguenze potenzialmente molto gravi dal punto di vista... Leggi tutto
23-6-2012 15:28

mar.ste
Non so quali brevetti violi ma una cosa simile anche se su carta l'avevamo utilizzata circa 20 anni fa...
19-6-2012 06:13


freemind
Questa cosa è abbastanza triste ed io al posto di apple avrei mandato le due aziende a fare in culo! Qui il problema non è il software proprietario in quanto tale o di apple e dei suoi wallet-garden ma proprio del concetto di brevettibilità del software. Un software non dovrebbe poter essere messo sotto brevetto così come nessuna... Leggi tutto
18-6-2012 16:39


gomez
L'ennesima riprova che qualunque sw proprietario (e peggio i sistemi proprietari blindati come quelli di Apple, in cui non sei padrone neppure di cio' che hai strapagato) e' il *********MALE******** e non va usato. Se il programma (o app, come lo chiama chi sa parlare bene) fosse stato scritto per Android il problema non sarebbe mai... Leggi tutto
18-6-2012 15:54

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics