Canada, il governo vuole riempire tutti gli aeroporti di microfoni

Il governo registrerà le conversazioni dei passeggeri per sventare le organizzazioni criminali infiltrate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-06-2012]

aeroporti canada microfoni teelcamere

Stanno spuntando come funghi, negli aeroporti canadesi, attrezzature composte da videocamere in alta definizione e microfono in grado di registrare le conversazioni a distanza.

L'installazione di questi apparecchi sarebbe già avvenuta in alcuni scali - anche se non è dato sapere quali - ed è portata avanti dalla Canada Border Services Agency, l'agenzia governativa che si occupa di sorvegliare le frontiere.

I motivi per cui il governo canadese sta portando avanti questa iniziativa non sono stati esplicitati con chiarezza, ma pare sianlo legati a un rapporto del 2008 in cui si annunciava che nei più importanti aeroporti canadesi sono attivi almeno 58 organizzazioni criminali.

I membri di questi gruppi si muovono negli scali contattando il personale per corromperlo o infiltrando tra gli addetti persone di fiducia che li aiutino nel traffico di narcotici o nel contrabbando.

I vari sindacati dei dipendenti degli aeroporti si sono già detti preoccupati per la possibilità che questi sistemi vengano utilizzati per registrare le conversazioni che avvengono sul lavoro, e magari inserite nei fascicoli personali di ognuno.

Al momento, comunque, secondo quanto ha dichiarato una portavoce della CBSA gli impianti microfonici non sono attivi: lo saranno soltanto tra qualche tempo.

Sondaggio
Secondo te gli scanner aeroportuali...
Contribuiscono efficacemente a combattere il terrorismo.
Violano la privacy senza migliorare la sicurezza.

Mostra i risultati (2381 voti)
Leggi i commenti (11)

C'è anche la possibilità che tutta questa attività sia figlia del Customs Act, una legge del 2009 che prevede la creazione, all'interno degli aeroporti, «aree controllate» e conferisce agli agenti in servizio poteri estesi per interrogare e perquisire i passeggeri all'interno di queste aree.

Pare vi sia, infine, un problema "tecnico". Ogni agenzia governativa che apporti modifiche importanti al modo in cui vengono raccolti dati personali (e l'installazione di microfoni e telecamere è decisamente una di queste modifiche) deve presentare all'Ufficio del Commissario per la Privacy un rapporto in cui spiega rischi, benefici, modalità di raccolta dei dati e quant'altro serva a tutelare la riservatezza di cittadini e ospiti.

«Se la CBSA avesse intenzione di introdurre un monitoraggio audio-video, il nostro ufficio avrebbe dovuto ricevere una valutazione completa d'impatto sulla privacy, che avremmo esaminato per fornire raccomandazioni (non vincolanti) su come proteggere la privacy» ha dichiarato la portavoce del Commissario Valerie Lawton.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Ma, allora... Montecitorio è un aeroporto canadese? :-k Se lo sistemano lì dentro il sistema di video-audiosorveglianza? :khappy: Leggi tutto
24-6-2012 11:54

errata corrige, PEDOPORNOSATANTERRORISTI :-D Mauro Leggi tutto
19-6-2012 01:55

Non si parla di terrorismo ma di organizzazioni criminali. Chiediamoci ora dove stanno queste "organizzazioni criminali"! Dove stanno? :-k Negli aeroporti canadesi!! :evvai:
18-6-2012 18:17

Quando scattano queste misure e' segno che il terrorismo ha gia' vinto. Ora chiediamoci dove stanno questi "terroristi"...
18-6-2012 16:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (526 voti)
Luglio 2017
Doctor Who sarà interpretato da una donna: fatevene una ragione e crescete
Gli autovelox non possono rilevare i veicoli della corsia opposta
TIM chiude il data center di Bari
Addio, Windows Phone 8.1
Usare il font sbagliato può costare il posto. O mandare in carcere
Nascosto ma non troppo: la minaccia occulta della steganografia
Come riconoscere una foto falsa
Buran: gli Shuttle sovietici ripresi di nascosto
Autovelox, via tutte le segnalazioni e gli avvisi
Cosa devono fare gli utenti al più presto
Autovelox, 16 cose che è bene sapere
Wikileaks: così la Cia violava Linux
Ransomware, Windows 10 ora mette i dati sotto chiave
Giugno 2017
Il cannone laser che abbatte le zanzare
Petya, oltre al danno la beffa: i dati non si recuperano
Tutti gli Arretrati


web metrics