Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (1504 voti)
Settembre 2015
Da LinkedIn 9 consigli per chi inizia un nuovo lavoro
Da oggi Chrome e Amazon bloccano Flash negli spot
La bici che ha mandato in crisi l'auto di Google
Agosto 2015
Windows 10 Mobile è troppo grasso
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Tutti gli Arretrati

Occhiali a realtà aumentata per ipovedenti

Analizzano l'ambiente circostante ed evidenziano gli ostacoli, permettendo a chi li indossa di muoversi con sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-06-2012]

occhiali realtà aumentata ipovedenti

Mentre Google lavora al Project Glass - gli occhiali a realtà aumentata - all'Università Carlo III di Madrid stanno seguendo un progetto per certi versi analogo, ma destinato a chi ha difficoltà di visione.

Per ora si tratta soltanto di un prototipo, ma già funzionante: si tratta di un paio di occhiali particolari - dotati di due telecamere e collegati a un piccolo computer - che, sfruttando un software apposito, analizzano l'ambiente circostante ed evidenziano gli ostacoli in cui può incorrere chi li indossa.

Tali ostacoli vengono poi colorati in maniera diversa a seconda della distanza, e in questo modo chi soffre di problemi alla vista può muoversi ugualmente con sicurezza, recuperando il campo visivo di una persona sana.

L'obiettivo finale è produrre occhiali che non diano alcun fastidio quando indossati e la cui elettronica sia abbastanza piccola da poter essere tenuta tranquillamente in tasca.

Sondaggio
Secondo te, in quale di questi campi la realtà aumentata potrebbe portare più innovazione?
Medicina
Beni culturali
Videogiochi
Entertainment
Architettura
Altro (specificare nei commenti)
Realtà de che?

Mostra i risultati (2147 voti)
Leggi i commenti (19)

Nel frattempo, il prototipo sta venendo testato dall'Istituto di Oftalmologia Applicata dell'Università di Valladolid, in modo da poter raccogliere nuovi dati e migliorare il prodotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Ikea porta la realtà aumentata nel tuo appartamento

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

E questo per me è un grande vanto, grazie.
26-6-2012 09:57

@Blind (nomen omen): lo faccio per dare il cattivo esempio.. ma tu hai superato il maestro.. :wink:
25-6-2012 17:40

Se fossi non vedente non potresti leggere il mio commento... comunque mi spiace rovinare le vostre fantasie ma i disabili come chiunque altro si impigriscono e si abituano alle tecnologie. E questo fa sì che non sviluppino capacità che sarebbero molto utili. Tutti noi potremmo essere eccellenti corridori o essere snelli e in buona salute... Leggi tutto
25-6-2012 17:12

Io punterei all'allenamento del cervello prima di postare.. :what: Leggi tutto
25-6-2012 16:50

"Impigrire il non vedente"? Se fossi un non vedente ti prenderei a mazzate ;)
25-6-2012 10:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics