La svendita di The Well

Nata nel 1985, una delle più antiche comunità online deve cedere il passo all'avanzata dei social network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-07-2012]

XL the well vendita
Foto via Fotolia

The Well è una realtà che può vantare di essere una delle più antiche comunità virtuali tuttora in attività.

È stata fondata nel 1985 da Steward Brand e Larry Brilliant e il nome - The Well, che sta per Whole Earth 'Lectronic Link - rimanda a un'altro progetto di Brand, quel Whole Earth Catalog che da noi è forse conosciuto più che altro per essere stato citato da Steve Jobs nel famoso discorso del 2005 a Stanford, e per essere all'origine del motto Stay hungry, stay foolish.

The Well è nata come BBS e poi, con l'avvento del web, si è trasferita. È una comunità particolare: per potervi accedere occorre versare una quota d'iscrizione annuale tra i 100 e i 150 dollari, e molti contenuti sono riservati ai soli iscritti.

Ora Salon Media Group, che ne detiene la proprietà, ha annunciato l'intenzione di volerla mettere in vendita: nonostante gli anni di onorato servizio, The Well soffre pesantemente la concorrenza.

Salon spiega sinteticamente dove stia il problema: «Con l'emergere, nel corso degli anni, di altre comunità online e dei social network, il numero di iscritti a The Well è sceso a 2.693, il che non offre buone prospettiva finanziarie».

Oltre ai servizi offerti dalla comunità - forum, indirizzi email, pagine web - sarebbe in vendita anche il dominio well.com.

Sondaggio
Hai mai incontrato persone conosciute online?
Non è mai capitato, ma vorrei.
Non è mai capitato e non ne ho intenzione.
E' capitato, ma continuiamo a tenerci in contatto prevalentemente attraverso Internet.
E' capitato e ora la relazione è prevalentemente telefonica o dal vivo.
E' capitato, ma la delusione è stata tale che non ci sentiamo più.

Mostra i risultati (2290 voti)
Leggi i commenti (60)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

OT interessante! \:D/ Cosa leggi ora in bagno..? :chin:
5-7-2012 12:03

Quanti bei ricordi Postalmarket e il mio bagno di casa... :D :D :D Quasi quasi mi manca... :P
4-7-2012 08:31

Beh anche "Postalmarket" in Italia ha chiuso.. :ipno:
3-7-2012 11:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (873 voti)
Dicembre 2016
Aggiornate Firefox e Tor
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Novembre 2016
Il display coi pixel di grafene
Android, malware in Google Play scaricato un milione di volte
Secondo Apple la malattia del touch è colpa degli utenti
Gli smartphone low-cost con backdoor incorporata
Tim ci riprova con l'operatore mobile low cost
La GdF sequestra 152 siti di streaming: l'elenco completo
BSA "beccata" a usare software pirata
La stampante che intercetta i cellulari
Il tetto solare invisibile
Ottobre 2016
Come dirottare qualsiasi drone in volo
Antibufala: trovata la soluzione al Triangolo delle Bermude
Il Pc con Linux e Wi-Fi, micro anche nel prezzo: 4 euro
Hackerato l'iPhone 6S protetto da password e impronta digitale
Tutti gli Arretrati


web metrics