Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


''Lunedì nero'' per Internet

La piantiamo con questi isterismi? Lunedì Internet non collasserà.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-07-2012]

repubblica

"Internet oscurato da un virus - lunedì il rischio Apocalisse". Il rischio imbecillità, invece Repubblica ce lo offre subito, con titoli assurdi e spudoratamente falsi come questo.

Non ci sarà nessuna Apocalisse o oscuramento globale di Internet lunedì. Molto, molto più banalmente, quei pochi che hanno il computer ancora infettato dal malware DNS Changer non potranno più accedere a siti Internet da lunedì. Tutti gli altri continueranno a navigare come sempre. Fine della storia.

Se vi interessano i dettagli tecnici, ho scritto un articolo apposito per la Radiotelevisione Svizzera che spiega anche come verificare se per caso siete infetti da DNS Changer. Le probabilità che lo siate sono minime. Secondo i dati più recenti, in Italia ci sono circa 26.000 computer (Windows o Mac) tuttora infetti da questo malware; in Svizzera sono meno di milleseicento. In totale, gli infetti nel mondo sono circa 300.000. Fate comunque il test; male non fa.

Per dirla tutta, chi è così inetto da essere ancora infettato da DNS Changer (un malware di cinque anni fa, riconosciuto da tutti i principali antivirus) merita di essere scollegato. Purtroppo non si può fare la stessa cosa con i giornalisti e titolisti che scrivono bubbole catastrofiste e causano panico senza motivo.

Aggiornamento 2012/07/08

Repubblica ha cambiato il titolo. Due volte. Prima ha scritto "Internet oscurato da un virus Lunedì rischio di black out". Poi ha ricorretto in "Lunedì, se il vostro PC è infetto non potrà collegarsi a Internet". Una bella differenza rispetto al "rischio Apocalisse" iniziale. Ecco gli screenshot:

repubblica2
repubblica3

Il testo dell'articolo, però, non è stato sistemato a dovere. Stefano Zanero (@raistolo su Twitter), docente di computer security e informatica forense al Politecnico di Milano, ha mandato a Repubblica una strigliata epica che ripubblico qui con il suo permesso:

Subject: Articolo imbarazzante su tecnologia
Date: Sat, 07 Jul 2012 10:59:16 +0200
From: Stefano Zanero [indirizzo omesso per netiquette]
Organization: DEI - Politecnico di Milano
To: desk_repubblica.it@repubblica.it

Carissimi,

come spesso accade, l'articolo all'URL contiene numerose, imbarazzanti imprecisioni, a cominciare dal titolo: "Internet" non sara' oscurato da nulla. E non ci sara' nessuna apocalisse.

Lunedi' i computer non saranno "a rischio infezione" (l'infezione ormai e' stroncata). Gli unici computer a rischio saranno quelli infettati mesi e mesi fa e da allora mai curati.

E no, non saranno "sbattuti fuori dal web", e tantomeno dall'FBI. Dite proprio bene: "Sembra la trama di un cyberthriller", e il vostro articolo lo e', perche' non riflette nemmeno lontanamente la realta'.

Non e' nemmeno vero che il malware "scatterà appena i pc o i tablet tenteranno di collegarsi al web, agendo sull'indirizzo Dns, quello cioè che ci consente di indirizzarci per le autostrade del web".

Il malware e' gia' "scattato", e ha gia' agito sull'impostazione DNS dei computer infettati. In buona sostanza, ha "sostituito" l'elenco telefonico che ognuno dei computer infettati consulta per navigare in rete.

Sondaggio
Come ti comporti quando ricevi una "bufala" via email?
A costo di cancellare anche avvisi potenzialmente veri, straccio tutto appena arriva.
Li leggo e inoltro solo quelli che ritengo potenzialmente veri, ma all'atto pratico non me ne curo.
Inoltro quelli veri e ne seguo le indicazioni.
Ma quali bufale? Ho appena vinto 1.000.000 di euro rispondendo a una email.
Io stesso ho messo in circolazione qualche bufala.

Mostra i risultati (2301 voti)
Leggi i commenti (23)

Quando l'FBI ha abbattuto la gang che lo ha scritto, non e' stata "costretta così a 'ricostruire' il mondo Internet dei computer infetti". Ha semplicemente messo in rete, al posto del server DNS in questione, una batteria di server normali (ovvero, delle copie dell'elenco telefonico giusto).

Quello che succedera' lunedi' e' che questo sistema-tampone verra' spento. Quindi, senza panico e terrore, semplicemente quei computer non ancora rimessi a posto avranno delle difficolta' a navigare e dovranno rimettere l'impostazione del server DNS corretto, quello del loro provider. Tempo di una telefonata di 15 secondi a un tecnico.

Per cui e' sbagliato dire "Da questo momento in poi, insomma, i nostri computer non saranno più protetti: ma visto che i siti pirata sono già stati bloccati, la conseguenza sarà il blocco totale di Internet. Non riusciremo più a collegarci. Black Out. Buio completo."

Come si coglie dal resto dell'articolo, si tratta ormai di una minaccia residuale. Sono ben altri i problemi seri e correnti di sicurezza che meriterebbero una trattazione. Ma forse, vista la qualita' di questo articolo (e altri precedenti), meglio che non li trattiate.

Non commentero', perche' sarebbe tempo perso, sul fatto che chiamare gli autori di malware "hacker" sia sbagliato. Se volete, chiamatemi e ve lo spiego, ma sono certo che ci vorra' un lungo corso di rieducazione al corretto uso dei termini.

--
Cordiali saluti,
Stefano Zanero
Docente di "Computer Security" e "Informatica Forense"
Politecnico di Milano - Dip. Elettronica e Informazione

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 10 di 22)


freemind
Roberto, la parola d'ordine è spaventare, punto e basta. Ogni tanto faccio l'esempio di New York che secondo stime di anni fa ogni secondo morivano 100 pedoni a causa di un'auto. Peccato che con quelle stime la popolazione si sarebbe dovuta estinguere in pochi anni...
11-7-2012 12:15

Roberto1960
Farei un passo più in là nell'analisi, anche a costo di apparire eccessivamente dietrologo o "complottista". Io ritengo che il cosidetto "sensazionalismo" dei nostri media non sia semplicemente un difetto, bensì una vera e propria STRATEGIA. Strategia mistificatoria di massa, a mia opinione. Perché la... Leggi tutto
11-7-2012 12:07


anabasi
Naturalmente sarebbe sbagliato da un caso singolo generalizzare e dare un giudizio negativo all'intera redazione. Ma se mi accorgo (prendendo a prestito la tua efficace descrizione) che la scelta giornalistica dei titoloni è un orientamento generale del giornale, preferisco rivolgermi altrove. Per quanto mi riguarda, un titolo non deve... Leggi tutto
10-7-2012 23:29

tesivo
come appunto dicevo son d'accordo con quel che dici, ma ritengo che solo il lettore critico arriverebbe a non leggere più il giornale...che poi sarebbe scorretto che per l'articolo di un giornalista l'intero giornale non venisse più letto...basterebbe fermarsi a non leggere più gli articoli del giornalista in questione. Da parte mia... Leggi tutto
10-7-2012 14:13


Zorro
E una questione di cultura nel senso più lato e generale del termine; il giornalismo di impianto anglosassone si basa su un assunto fondamentale: il lettore deve poter distinguere i fatti riportati dalle opinioni di chi scrive, le conseguenze sul linguaggio giornalistico di quella cultura sono importanti. Nella cultura... Leggi tutto
10-7-2012 12:52


anabasi
Innanzi tutto, tesivo, benvenuto nell'Olimpo Informatico. Questo è uno dei difetti di coloro che preparano i titoli: creare il sensazionalismo a tutti i costi, per attirare il lettore. Con la conseguenza di irritarlo, costringendolo a leggere un articolo che non mantiene le promesse, e invogliandolo a non leggere più quel giornale.
10-7-2012 12:50


linguist
Certo che questa Claudia Fusani, autrice del pezzo degno di un premio Pulitzer, ne sa davvero tanto di informatica! Secondo i suoi assunti, io che uso il PGP per la posta elettronica sarei Osama bin Laden redivivo. :malol: Peccato che alla facoltà che le ha dato una laurea non regalassero anche un encefalo funzionante a tal punto da... Leggi tutto
10-7-2012 12:09

tesivo
Come al solito si è bravi solo a criticare...forse non era il campo di competenza di quel giornalista, ma il fatto che hanno cambiato il titolo indica che compreso l'errore hanno provveduto. Ritengo inoltre che proprio questi "allarmismi" hanno contribuito a mettere maggiormente al corrente la gente. E' vero Repubblica è... Leggi tutto
10-7-2012 11:59


Blind Guardian
Eh fosse Repubblica il problema... vi regalo un paio di titoli del corriere dell'ultima settimana "Tutti gli ospedali a rischio chiusura!" "Blatte a Napoli rischio tifo ed epatite!" Poi almeno nel testo dell'articolo smentivano categoricamente, ma questo basta a far capire la serietà di questa gentaccia che merita... Leggi tutto
10-7-2012 10:24


Zeus
Effettivamente fa ridere assai... anzi piangere...
9-7-2012 23:08

Leggi gli altri 12 commenti nel forum Bufale e indagini Antibufala
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (1679 voti)
Aprile 2014
Otto trucchi per risparmiare carburante
UPS, vietato svoltare a sinistra!
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Dal 1 aprile si pagano le commissioni sulla benzina
Tutti gli Arretrati

web metrics