Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (859 voti)
Maggio 2015
Navigazione più privata e sicura con Freedome
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Tutti gli Arretrati

RIAA: il peer to peer incide poco sulla pirateria

In un documento interno dell'azienda si evince che i ''pirati'' preferiscono scambiarsi hard disk e chiavette.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-07-2012]

Le associazioni che difendono gli interessi delle major musicali sono molto distratte: prima la IFPI si lascia sfuggire in Rete un documento in cui elenca preoccupazioni e strategia in tema di pirateria, poi la RIAA cede alla stessa debolezza.

A finire in Internet - per essere poi pubblicata da TorrentFreak - è una presentazione realizzata dall'associazione dei discografici americani per sostenere una proposta di legge che introduca negli USA la "dottrina dei sei schiaffi", una normativa modellata sulla legge francese che però concede agli utenti cinque o sei errori prima che scatti la punizione. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (5787 voti)
Leggi i commenti (10)
I dati citati dalla presentazione - raccolti ed elaborati da The NPD Group - dipingono uno scenario molto interessante ma segnato come Confidenziale: analizzandolo anche soltanto brevemente, si capisce perché la RIAA non vuole che venga diffuso.

Il 65% di tutta la musica acquisita dagli utenti americani - spiega la RIAA - proviene da fonti illegali: appena il 35% è ottenuto tramite il download a pagamento o l'acquisto di CD.

In pratica, la maggior parte dei brani musicali viene scambiata senza che alle case discografiche arrivi un soldo, in apparenza confermando il panorama che la RIAA va descrivendo da tempo.

Una differenza importante rispetto ai proclami dell'associazione dei discografici balza subito all'occhio: mentre la RIAA grida senza sosta che la pirateria online sta affossando il mercato musicale, i dati di NPD mostrano come il peer to peer rappresenti soltanto il 15% di tutti i file musicali scambiati; gli utenti preferiscono per lo più passarsi drive fisici, estrarre la musica dai CD altrui o (ma in percentuale minima) utilizzare i digital locker.

riaa peer to peer pirateria
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

La realtà, dunque, è che dallo scambio di musicassette degli anni '80 si è passati allo scambio di chiavette USB e hard disk portatili, ma la modalità in fondo è rimasta la stessa: Internet incide sulla pirateria in misura decisamente minoritaria.

Se anche i tentativi di lobbying per avere leggi sempre più restrittive contro la pirateria online avessero effetto immediato, ancora oltre la metà della musica sarebbe scambiata in maniera illegale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Crisi, licenzia anche la RIAA

Commenti all'articolo (2)


theyellow
trovo che il paragone con il civico e residenza sia ottimo, complimenti
30-7-2012 12:58

{ice}
internet è un diritto fondamentale inoltre gli stessi governi presuppongono che i cittadini abbiano un accesso a internet per svolgere pratiche obbligatorie, tra le quali le preatiche fiscali IMHO togliere internet a chi la usa per scaricare file coperti da copyright sarebbbe come togliere civico e residenza a chi si facesse... Leggi tutto
30-7-2012 11:14


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics