Con Twitter non prendi l'influenza

Studiando i tweet di chi accusa i sintomi è possibile predire il rischio di ammalarsi ed evitare il contagio. [Video]



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-08-2012]

twitter influenza
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Adam Sadilek, dell'Università di Rochester (nello Stato di New York), ha sviluppato un algoritmo in grado di predire il rischio di contrarre l'influenza sfruttando dati estrapolati da Twitter.

L'idea alla base è semplice da capire (e, in fondo, non troppo diversa da quella alla base di Google Flu Trends): i compulsivi comunicatori della piattaforma di microblogging vi scrivono tutto quello che capita loro, compreso lo stato di salute.

Sadilek e colleghi hanno deciso quindi di dare in pasto a un software appositamente realizzato 4,4 milioni di tweet scritti in un mese da utenti residenti nell'area di New York e corredati delle informazioni ottenute dal GPS; compito del programma è stato vagliare i messaggi e trovare quelli i cui autori accusavano sintomi influenzali.

Gli scienziati hanno così raccolto informazioni su oltre 630.000 utenti e sviluppato una mappa (presentata nel video che riportiamo più sotto) che riporta la presenza di sintomi influenzali nell'area considerata nel corso di una giornata.

Sondaggio
Perché Twitter ha tanto successo?
Il limite di 140 caratteri obbliga a esprimersi con brevità e concisione.
Si possono condividere link interessanti velocemente e a un gran numero di persone.
L'integrazione con il cellulare consente di inviare e ricevere i tweet via Sms.
Consente di rimanere aggiornati su un determinato argomento in tempo reale
La motivazione è un'altra, ve la esplicito nei commenti qui sotto.

Mostra i risultati (897 voti)
Leggi i commenti (2)

Studiando le frequentazioni degli utenti, i ricercatori sono anche riusciti a predire quando le persone sane si sarebbero ammalate, con 8 giorni di anticipo e un'accuratezza del 90%.

Certamente vi sono alcuni limiti: per esempio, non tutti riportano accuratamente i sintomi, e ciò falsa in parte i risultati; inoltre, non è solo la frequentazione di persone malate che porta a sviluppare l'influenza.

Tuttavia, Sadilek ha affermato che sta già lavorando alla soluzione di questi problemi, e svolgendo il lavoro ha scoperto anche che chi frequenta regolarmente una palestra ha una probabilità leggermente più bassa di ammalarsi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La BCE: Twitter può predire l'andamento della Borsa

Commenti all'articolo (1)

Il risultato è strabiliante ed entusiasmante, sono i possibili ulteriori utilizzi del mezzo che preoccupano... :roll:
13-8-2012 18:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1139 voti)
Settembre 2016
Come vedere tutto quello che avete mai cercato in Google
Hissgate, il fastidioso fischio dell'iPhone 7
Rubati sei milioni di username e password conservati in chiaro
iPhone 7, le cose realmente da sapere
Android nei guai: falle critiche e app infette
Truffatori online rubano 40 milioni di euro a un'azienda tedesca
Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi
UE: stop alle tariffe di roaming, ma col trucco
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google
Tutti gli Arretrati


web metrics