Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (3069 voti)
Ottobre 2014
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Nuovi iPad e iMac, aggiornati OSX e iOS
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Windows 10, torna il menu Start
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
L'iPhone 6 si piega in tasca
Tutti gli Arretrati

Firmato il contratto delle telecom

Le organizzazioni sindacali e Confindustria siglano il contratto delle telecomunicazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2013]

Cgil, Cisl e Uil siglano con la Asstel e Confindustria il nuovo contratto nazionale delle imprese di telecomunicazioni per il triennio 2012-2014, valido per grandi aziende come Telecom Italia, Vodafone, Wind, H3G, Fastweb e Almaviva.

Il contratto prevede a regime un aumento di 135 euro lordi per il 5° livello, considerato il livello medio del settore: 45 euro dal 1° aprile 2013, 25 euro dal 1°ottobre 2013, 13,30 euro dall'aprile 2014, 14,35 euro dall'ottobre 2014. A copertura del 2012 saranno corrisposti 400 euro di una tantum forfettaria di arretrati.

Ora il contratto sarà sottoposto all'approvazione delle assemblee dei lavoratori e se non ci saranno problemi gli aumenti saranno corrisposti nel mese di aprile.

Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (1560 voti)
Leggi i commenti (7)

Sono stati stabiliti anche alcuni criteri per gli appalti nei call center a garanzia dell'occupazione.

Farà molto probabilmente discutere la nuova facoltà concessa alle aziende in caso di difficoltà economiche nei call center: dopo consultazione con il sindacato potranno applicare una forma di part-time con una riduzione al massimo del 30% dell'orario di lavoro, utilizzando anche il monte ore dei permessi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Telecom Italia, telelavoro per il 10% in meno di salario

Commenti all'articolo (2)

.giovanni.
queste sono gli aumenti corretti 45,00 25,00 30,00 35,00
4-2-2013 10:57

{controcomunicando}
non capisco "...Ora il contratto sarà sottoposto all'approvazione delle assemblee dei lavoratori e se non ci saranno problemi ...", perchè nella seconda pagina del contratto fa bella evidenza: ""INOLTRE LE PARTI SI RICONOSCONO E CONDIVIDONO QUANTO ESPRESSO DALLE PREMESSE DELL'ACCORDO INTERCONFEDERALE DEL 28 GIUGNO... Leggi tutto
2-2-2013 13:12

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics