Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
È la solitudine che spinge le persone a usare "più tecnologia".
È l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (772 voti)
Luglio 2015
Debutta Windows 10, che fare?
Le app vampiro che fanno morire la batteria all'insaputa dell'utente
Google Maps ricorda tutti i posti dove sei stato
Mentos e Coca-Cola, lo spiegone scientifico
Windows 10, c'è già la data di morte
Aggiornamento d'emergenza per tutte le versioni di Windows
Antibufala: a settembre un asteroide colpirà la Terra!
Sbloccare un programma che non risponde
A cosa serve realmente la rimozione sicura dei dispositivi?
WikiLeaks pubblica un milione di mail di Hacking Team
Lo spione spiato: Hacking Team si fa fregare 400 giga di dati
I Carabinieri sperimentano la pistola smart
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Tutti gli Arretrati

Il tuo sito su Google Drive con un clic

Un piccolo trucco per pubblicare facilmente il proprio sito sul servizio di hosting offerto da Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-08-2013]

google drive site
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Google Drive, bisogna ammetterlo, ha la sua utilità: permette di conservare e modificare diversi tipi di documenti che sono così accessibili da dovunque via sia una connessione a Internet.

Drive, però, offre anche un'altra possibilità: permette infatti di ospitare un vero e proprio sito web, a patto che questo sia statico; dunque deve essere composto da pagine HTML: non si possono utilizzare tecnologie come PHP o ASP, mentre JavaScript (che viene eseguito dal browser dei visitatori) è permesso.

Google offre alcune istruzioni su come fare per caricare su Drive il proprio sito web: nulla di complicato, ma si tratta pur sempre di seguire alcuni passaggi.

Esiste un modo ancora più semplice che risolve tutto in un solo click.

Tutto ciò che occorre fare è preparare i file che compongono il sito all'interno di un file .zip. Quindi, dal browser si utilizza uno script messo a disposizione da Google (basta fare clic su questo collegamento) che, se si è effettuato il login coi servizi di Google, si occuperà di caricare il file ed eseguire tutto il lavoro (al limite sarà necessario ricordarsi di concedere l'autorizzazione).

A quel punto il sito, accessibile tramite un indirizzo del tipo https://googledrive.com/host/0B716ywBKT84AcHZfMWgtNk5aeXM (si tratta dell'indirizzo di un sito di esempio messo a disposizione direttamente da Google Drive), sarà disponibile.

Sondaggio
Hai un'idea nel cassetto e ti piacerebbe aprire una startup per realizzarla. Che cosa ti frena?
Non ho i soldi per farla partire
Il momento economico non è favorevole
Non ho ancora trovato le persone giuste con cui farlo
E' troppo rischioso per me
Non sono sicuro di riuscire a portarlo a termine
Sarebbe troppo complicato, indipendentemente dai soldi
Non mi sento portato a fare l'imprenditore
E' solo un sogno e in realtà non credo che lo farei
Per un altro motivo e cioè...

Mostra i risultati (937 voti)
Leggi i commenti (4)

Al momento non è possibile adoperare un proprio URL. Per chi desiderasse nascondere quello fornito da Google (che, in effetti, non solo esteticamente è inguardabile ma dal punto di vista mnemonico è inutilizzabile) c'è un trucco che permette di aggirare questa limitazione.

Bisogna creare un file HTML contenente un iframe che rimandi al sito ospitato presso Google Drive e caricare detto file nello spazio fornito da chi fornisce il dominio prescelto (c'è sempre la possibilità di caricare una singola pagina).

In questo modo il sito sarà correttamente visualizzato; l'unico lato negativo è che l'indirizzo mostrato nella barra sarà sempre lo stesso, indipendentemente dalla pagina visualizzata.

Qui sotto, un esempio del codice da utilizzare.

<html> <head> <style> body { margin:0; padding:0; } iframe { position: absolute; height: 100%; width: 100%; } </style> <title>Sito su Google Drive</title> </head> <body> <iframe src=" https://googledrive.com/host/0B716ywBKT84AcHZfMWgtNk5aeXM" frameborder="0"></iframe> </body> </html>

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)


Ma perché complicarsi la vita? Ci sono gia' tantissimi servizi per farsi il proprio sito senza strani trucchi, che offrono joomla, wordpress, mysql, php, ecc. Per esempio Altervista.
17-8-2013 10:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics