Lampadine a basso consumo, arrivano le nuove etichette

Da settembre cambiano le confezioni: debutta la nuova scala che indica la classe energetica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-08-2013]

M lampadine nuove etichette
Foto via Fotolia

Chi acquista lampadine a partire dal primo settembre dovrà fare un po' di attenzione: da quel giorno, infatti, arriveranno sugli scaffali le confezioni con le nuove etichette energetiche.

Recependo le indicazioni dell'Unione Europea, i produttori di lampadine hanno modificato le condizioni e sostituito la vecchia scala che indicava la classe energetica con quella nuova: se prima si andava da A (la lampadina più efficiente) a G (quella meno efficiente), ora si va da A++ a E.

Inoltre, sulle etichette dovranno obbligatoriamente esserci anche il nome del produttore o il suo marchio e il consumo ponderato di energia, espresso in kWh ogni 1000 ore di funziomento. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale tra queste è l'invenzione più significativa nella storia dell'umanità?
la scrittura
la metallurgia
la ruota
l'esplosivo
le armi da fuoco
la macchina a vapore
l'elettricità
il treno
l'automobile
l'aeroplano
il telefono
la radio
il televisore
il computer

Mostra i risultati (7329 voti)
Leggi i commenti (21)
Quest'ultima indicazione ha lo scopo di far capire meglio agli acquirenti quanto poi, una volta installate, le lampadine consumeranno e di conseguenza fare una stima dei consumi calcolati in bolletta.

La nuova etichetta sarà applicata anche sulle lampadine che precedentemente potevano farne a meno, quali le alogene a bassa tensione e le lampadine direzionali.

Non saranno modificate, ovviamente, le etichette delle lampadine già in vendita al momento dell'entrata in vigore della normativa: ci sarà quindi un periodo di convivenza tra le vecchie e le nuove indicazioni.

Ogni informazione utile per decidere l'acquisto delle lampadine più adatta è, infine, pubblicata sul sito Lampadina Giusta, gestito dall'Associazione Nazionale Produttori Illuminazione.

etichetta completa
La nuova etichetta in versione completa.
etichetta semplificata
La nuova etichetta nelle due versioni semplificate. (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La lampadina a LED di Philips perde il bulbo e diventa piatta
Lampadina di emergenza a energia solare: ricarica anche il cellulare
Da Miele la prima asciugatrice a energia solare in classe A+++
Da Philips la lampada LED più efficiente
Bottiglie di plastica al posto delle lampadine
Il LED che illumina come una lampadina a incandescenza
Addio alle lampadine da 75 Watt
I semafori a led non sciolgono la neve
L'Europa dice addio alle vecchie lampadine
M'illumino di meno, la giornata del risparmio energetico
La lampada OLED
La nuova frontiera delle lampadine

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)


E' comunque un assurdo spreco di spazio dell'etichetta inserirvi tutte le categorie, più che mai categorie che non usa nessun produttore. E' un trucco psicologico sleale usare i + invece che delle lettere, manco fosse finito l'alfabeto. Sarebbe più efficiente e più giusto mettere tutte le indicazioni, quindi anche lumen, durata e... Leggi tutto
3-9-2013 19:05

Come dice correttamente l'ospite prima di me, nel caso del NEON è vero, difatti nella maggior parte dei casi in queste lampade si usano le plafoniere con la parte interna rivestita in modo che la luce emessa dalla spira verso l'alto sia riflessa verso il basso. Questo dovrebbe essere vero anche per le lampade a basso consumo, anche se... Leggi tutto
2-9-2013 14:24

{utente anonimo}
le lampade led e neon (ccfd)hanno solitamente una resa 7-10 volte superiore a quela dina classica lampadina al tungsteno Quindi passare dal calcolo del consumo al in W alla luminosità è piuttosto semplice altro discorso è l'effettiva luminosità mi spiego, una lampada al neon con tante spire che si... Leggi tutto
1-9-2013 16:15

Solo da alcuni anni la maggiorparte degli elettrodomestici ecc sono quasi sempre solo a o a+ prima c'erano tanti classe b e c.
1-9-2013 02:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1240 voti)
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
Il laptop anti-spioni di HP
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google
Bug di Linux, a rischio un miliardo e mezzo di smartphone Android
Tutte le Volkswagen vendute dopo il 1995 si possono aprire con Arduino
10.000 titoli Amiga giocabili gratuitamente nel browser
Sì, le chiavette USB lasciate in giro come esca funzionano
Cambiare le password troppo spesso fa male alla sicurezza
I 10 siti torrent più popolari
Andate in vacanza? Usare una VPN per proteggervi può portarvi in carcere
Luglio 2016
Lo smartphone da 50 dollari di Amazon
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Tutti gli Arretrati


web metrics