Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (804 voti)
Ottobre 2014
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Nuovi iPad e iMac, aggiornati OSX e iOS
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Windows 10, torna il menu Start
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
L'iPhone 6 si piega in tasca
Tutti gli Arretrati

Lampadine a basso consumo, arrivano le nuove etichette

Da settembre cambiano le confezioni: debutta la nuova scala che indica la classe energetica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-08-2013]

M lampadine nuove etichette
Foto via Fotolia

Chi acquista lampadine a partire dal primo settembre dovrà fare un po' di attenzione: da quel giorno, infatti, arriveranno sugli scaffali le confezioni con le nuove etichette energetiche.

Recependo le indicazioni dell'Unione Europea, i produttori di lampadine hanno modificato le condizioni e sostituito la vecchia scala che indicava la classe energetica con quella nuova: se prima si andava da A (la lampadina più efficiente) a G (quella meno efficiente), ora si va da A++ a E.

Inoltre, sulle etichette dovranno obbligatoriamente esserci anche il nome del produttore o il suo marchio e il consumo ponderato di energia, espresso in kWh ogni 1000 ore di funziomento. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale tra queste è l'invenzione più significativa nella storia dell'umanità?
la scrittura
la metallurgia
la ruota
l'esplosivo
le armi da fuoco
la macchina a vapore
l'elettricità
il treno
l'automobile
l'aeroplano
il telefono
la radio
il televisore
il computer

Mostra i risultati (6924 voti)
Leggi i commenti (21)
Quest'ultima indicazione ha lo scopo di far capire meglio agli acquirenti quanto poi, una volta installate, le lampadine consumeranno e di conseguenza fare una stima dei consumi calcolati in bolletta.

La nuova etichetta sarà applicata anche sulle lampadine che precedentemente potevano farne a meno, quali le alogene a bassa tensione e le lampadine direzionali.

Non saranno modificate, ovviamente, le etichette delle lampadine già in vendita al momento dell'entrata in vigore della normativa: ci sarà quindi un periodo di convivenza tra le vecchie e le nuove indicazioni.

Ogni informazione utile per decidere l'acquisto delle lampadine più adatta è, infine, pubblicata sul sito Lampadina Giusta, gestito dall'Associazione Nazionale Produttori Illuminazione.

etichetta completa
La nuova etichetta in versione completa.
etichetta semplificata
La nuova etichetta nelle due versioni semplificate. (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
La lampadina a LED di Philips perde il bulbo e diventa piatta
Lampadina di emergenza a energia solare: ricarica anche il cellulare
Da Miele la prima asciugatrice a energia solare in classe A+++
Da Philips la lampada LED più efficiente
Bottiglie di plastica al posto delle lampadine
Il LED che illumina come una lampadina a incandescenza
Addio alle lampadine da 75 Watt
I semafori a led non sciolgono la neve
L'Europa dice addio alle vecchie lampadine
M'illumino di meno, la giornata del risparmio energetico
La lampada OLED
La nuova frontiera delle lampadine

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)



Zievatron
E' comunque un assurdo spreco di spazio dell'etichetta inserirvi tutte le categorie, più che mai categorie che non usa nessun produttore. E' un trucco psicologico sleale usare i + invece che delle lettere, manco fosse finito l'alfabeto. Sarebbe più efficiente e più giusto mettere tutte le indicazioni, quindi anche lumen, durata e... Leggi tutto
3-9-2013 19:05


ant_villani
Come dice correttamente l'ospite prima di me, nel caso del NEON è vero, difatti nella maggior parte dei casi in queste lampade si usano le plafoniere con la parte interna rivestita in modo che la luce emessa dalla spira verso l'alto sia riflessa verso il basso. Questo dovrebbe essere vero anche per le lampade a basso consumo, anche se... Leggi tutto
2-9-2013 14:24

{utente anonimo}
le lampade led e neon (ccfd)hanno solitamente una resa 7-10 volte superiore a quela dina classica lampadina al tungsteno Quindi passare dal calcolo del consumo al in W alla luminosità è piuttosto semplice altro discorso è l'effettiva luminosità mi spiego, una lampada al neon con tante spire che si... Leggi tutto
1-9-2013 16:15

MaXXX eternal tiare
Solo da alcuni anni la maggiorparte degli elettrodomestici ecc sono quasi sempre solo a o a+ prima c'erano tanti classe b e c.
1-9-2013 02:24

Leggi gli altri 2 commenti nel forum Scienze e nuove tecnologie
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics