I detriti spaziali dal 1957 a oggi [VIDEO]

Un filmato ci mostra quanto il problema sia diventato serio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-12-2015]

detriti spaziali
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Di tanto in tanto qualcuno rinnova l'allarme per l'eccessivo numero di "detriti spaziali" che orbitano intorno alla Terra.

Dall'inizio dell'era spaziale il cielo ha iniziato a popolarsi: i satelliti usati per svolgere varie funzioni utili (telecomunicazioni, previsioni meteorologiche, monitoraggio e via di seguito) a mano a mano che si guastano o diventano vecchi vengono semplicemente lasciati lì, non funzionanti, e un modelli nuovo ne prende il posto.

L'affollamento orbitale che ne risulta non è immediatamente percepito, perché invisibile dalla superficie. Eppure, i dati ci dicono che intorno al nostro pianeta ci sono ormai oltre mezzo milioni di detriti, tutti potenzialmente pericolosi.

Una tale densità di oggetti che viaggiano a migliaia di chilometri orari non fa altro che nutrire le probabilità di uno scontro tra oggetti (siano essi "spazzatura" o satelliti tuttora utilizzati) sicuramente disastroso, con una varietà di esiti tutti ugualmente negativi.

Per esempio, nel caso si scontrino due pezzi di spazzatura spaziale, lo scontro darà origine a ulteriori detriti derivanti dalla distruzione degli oggetti in questione. Peggio potrebbe andare se un detrito si scontrasse contro un satellite in uso, danneggiando magari le comunicazioni o il GPS, e decisamente molto peggio se lo scontro avvenisse contro un veicolo come una capsula Soyuz, o una SpaceX Dragon, o la ISS.

Sondaggio
L'aggravarsi del tasso di inquinamento atmosferico fa assumere alle amministrazioni comunali la decisione di bloccare la circolazione delle auto. Cosa ne pensi?
Era ora: si tratta di una misura necessaria e urgente.
I blocchi del traffico sono inutili e peggiorano la vita delle persone.
Sono d'accordo, ma i provvedimenti dovrebbero essere più incisivi (o addirittura permanenti).
Sarei d'accordo solo se prima venissero potenziati i trasporti pubblici.
Non so.

Mostra i risultati (911 voti)

Già nel 2013 lo scienziato della Nasa Donald Kessler affermava: «L'unica soluzione è riportare a terra gli oggetti più grandi», ma da allora le cose non sono molte cambiate e il continuo lancio di materiale nello spazio non fa che peggiorare il problema.

All'inizio di quest'anno, infatti, Kessler aggiungeva: «Siamo arrivati a quella che chiamiamo "densità critica", ossia una situazione in cui nello spazio ci sono oggetti abbastanza grandi da scontrarsi gli uni con gli altri, che sono più veloci a produrre piccoli detriti di quanto lo siamo noi a rimuoverli».

Ma tutto ciò, come dicevamo, è difficile da immaginare per noi che restiamo sulla Terra. Così Stuart Grey, dello University College di Londra, ha creato un breve video che illustra l'evoluzione dei detriti spaziali a partire dal 1957, quando il cielo era sostanzialmente sgombro, fino a oggi. Lo riportiamo qui sotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La ragnatela orbitale per rimuovere i detriti spaziali
Una rete di satelliti per eliminare i rifiuti spaziali
Le tempeste solari ripuliscono il cielo
Satellitone rientrato senza problemi, ma non mancano i burloni
Il telescopio per scrutare i rottami in atmosfera

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{claudio}
Salve....il tutto appare come l'atmosfera magnetica di John Campbell........in definitiva la Terra risulta circondata da un'armatura di oggetti che viaggiano molto oltre la velocità del suono ....tanti proiettili che costituiscono una protezione contro "invasori spaziali" e magari meteore fuori controllo
25-1-2016 03:37

Certo, la mia era un'esagerazione per sottolineare maggiormente la criticità, ma a leggere l'articolo e le considerazioni di Kessler le collisioni non sono più così improbabili... :wink:
5-1-2016 18:21

Ovviamente nel video la dimensione relativa dei detriti rispetto alla terra è molto esagerata. In realtà una collisione è improbabile.
5-1-2016 17:13

A guardare il video - ovviamente la parte finale - risulta quasi incredibile che non siano già avvenute collisioni, francamente prima di infilarmi in una capsula spaziale e farmi lanciare ci penserei due volte proprio per paura di sbattere contro uno di questi oggetti... :roll:
4-1-2016 18:57

L'uomo è proprio un MAIALE. :malol: :bllbllbll: :thanks:
2-1-2016 11:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (503 voti)
Dicembre 2016
Aggiornate Firefox e Tor
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Novembre 2016
Il display coi pixel di grafene
Android, malware in Google Play scaricato un milione di volte
Secondo Apple la malattia del touch è colpa degli utenti
Gli smartphone low-cost con backdoor incorporata
Tim ci riprova con l'operatore mobile low cost
La GdF sequestra 152 siti di streaming: l'elenco completo
BSA "beccata" a usare software pirata
La stampante che intercetta i cellulari
Il tetto solare invisibile
Ottobre 2016
Come dirottare qualsiasi drone in volo
Antibufala: trovata la soluzione al Triangolo delle Bermude
Il Pc con Linux e Wi-Fi, micro anche nel prezzo: 4 euro
Hackerato l'iPhone 6S protetto da password e impronta digitale
Tutti gli Arretrati


web metrics