Pericolosa vulnerabilità del kernel Linux, vecchia di 7 anni

Colpite le maggiori distribuzioni: Red Hat, Fedora, Suse, Debian e Ubuntu.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-03-2017]

Linux-vulnerabile

È stata rilevata (e risolta) una vulnerabilità (CVE-2017-2636) nel kernel Linux che consentiva agli utenti locali di ottenere dei privilegi e causare denial of service.

Il problema riguarda la maggior parte delle note distribuzioni Linux, tra cui Red Hat 6/7, Fedora, SUSE, Debian e Ubuntu.

La vulnerabilità è stata scoperta da Alexander Popov di Positive Technologies: Popov ha scoperto una Race Condition ("situazione di corsa") nel driver n_hdlc che porta a una doppia liberazione della memoria del kernel, che può essere sfruttata per aumentare i privilegi nel sistema operativo. Il bug è stato valutato come pericoloso e gli è stato attribuito un punteggio CVSS v3 di 7.8.

"La vulnerabilità è vecchia ed è quindi diffusa in tutte le workstation e i server Linux", afferma Alexander Popov. "Per caricare automaticamente il modulo difettoso, un hacker ha solo bisogno dei diritti senza privilegi dell'utente. Inoltre, l'exploit non richiede alcun hardware particolare."

Sondaggio
Quanto spam ricevi in media ogni giorno?
Uno o due messaggi
Meno di dieci messaggi
Tra i dieci e i venti messaggi
Tra i venti e i cinquanta messaggi
Tra i cinquanta e i cento messaggi
Tra i cento e i cinquecento messaggi
Oltre cinquecento messaggi

Mostra i risultati (3058 voti)
Leggi i commenti (12)

La falla scoperta è stata introdotta il 22 giugno 2009 ed è stata poi rilevata durante le chiamate di sistema di prova con la syzkaller fuzzer.

Il 28 febbraio 2017, Alexander Popov ha segnalato la vulnerabilità a kernel.org, allegato la patch per risolvere il problema e il prototipo di exploit. Il 7 marzo la vulnerabilità CVE-2017-2636 è stata resa nota e sono stati pubblicati i relativi aggiornamenti di sicurezza. Il bug può essere attenuato con specifiche regole in grado di bloccare il caricamento dei moduli del kernel.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Si tratta di una notizia di un mese fa; falla già corretta abbondantemente. Ce ne eravamo pure dimenticati.
21-3-2017 22:18

la vulnerabilità non era usata prima dal software quindi non esisteva il problema. Nessun hacker poteva accedervi!!! Adesso (ver.4) hanno fatto delle estensioni al kernel per cui viene usata dal software quindi ora diventa un problema ma la soluzione è stata nelle 24h. Quindi si parla di aria fritta! Ciao
21-3-2017 13:10

{Paolo Del Bene}
scaricare un client di IRC (Internet Relay Chat) fra i seguenti: irssi, kvirc, limechat, pidgin, xchat, yaaic una volta scaricato, spacchettato, avviato, digitare la seguente sintassi: /server irc.freenode.net e premere invio attendere la connessione al server irc.freenode.net e successivamente digitare: /nick seguito dal nick che... Leggi tutto
20-3-2017 14:10

{Shiba}
[code:1:2a847bd520]shiba ~ > grep N_HDLC /boot/config-4.9.6-gentoo-r1 # CONFIG_N_HDLC is not set[/code:1:2a847bd520] Whatever :^)
19-3-2017 20:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (4285 voti)
Luglio 2017
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Antibufala: il video delle ''scie chimiche'' giganti
Gli autovelox non possono rilevare i veicoli della corsia opposta
TIM chiude il data center di Bari
Addio, Windows Phone 8.1
Usare il font sbagliato può costare il posto. O mandare in carcere
Nascosto ma non troppo: la minaccia occulta della steganografia
Come riconoscere una foto falsa
Buran: gli Shuttle sovietici ripresi di nascosto
Autovelox, via tutte le segnalazioni e gli avvisi
Cosa devono fare gli utenti al più presto
Tutti gli Arretrati


web metrics