La startup che impianta microchip nei dipendenti

Con un gesto della mano si aprono le porte, si fanno acquisti e si timbra il cartellino.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-04-2017]

chip01

L'Epicenter è una "incubatrice di startup": ha sede a Stoccolma, e si propone come cuore dell'innovazione svedese.

Non è strano che quindi proprio lì si sia deciso di sostituire dispositivi antiquati come chiavi, tessere e carte di credito con un ben più moderno microchip impiantato direttamente nel corpo dei dipendenti delle varie aziende operanti nel Centro.

Il chip si installa con un'iniezione, generalmente quasi indolore, fatta tra il pollice e l'indice. Una volta che esso è in posizione, grazie alla tecnologia NFC è sufficiente un gesto della mano per aprire le porte, azionare una stampante, acquistare un caffè dalla macchinetta, timbrare il cartellino e molto altro ancora.

L'idea è diventata subito popolare e in molti sono accorsi con entusiasmo a farsi impiantare il chip.

«Io credo che il vantaggio maggiore sia la comodità» spiega Patrick Mesterton, CEO di Epicenter. «In pratica, sostituisce un sacco di cose che bisognava portarsi dietro, dalle carte di credito alle chiavi».

Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1159 voti)
Leggi i commenti (22)

Mesterton stesso afferma tuttavia che egli stesso era inizialmente dubbioso, soprattutto per quanto riguarda le implicazioni per la privacy: il chip conserva diverse informazioni personali.

Dai dati al suo interno si può per esempio capire quando un dipendente arriva e quando lascia il posto di lavoro, o che cosa compra, o persino quante volte si alza per andare alla toilette. E non è possibile sbarazzarsene o, quantomeno, non tanto facilmente quanto abbandonare lo smartphone o una tessera.

«Naturalmente mettere qualcosa all'interno del corpo è un grosso passo. Ma d'altra parte, da tempo le persone impiantano cose all'interno del proprio corpo, come i pacemaker per controllare il cuore» ragiona Mesterton, sorvolando sul fatto che un pacemaker si mette per restare in vita, mentre il chip è adottato - per ammissione di Mesterton stesso - semplicemente per «comodità».

Dal gennaio 2015, mese in cui i primi chip vennero impiantati, fino a oggi, 150 dei 2.000 dipendenti che lavorano per le oltre 100 aziende che hanno sede all'Epicenter si sono fatti inserire il chip.

I 150, come ci si aspetta, non sono particolarmente preoccupati per i possibili usi impropri dei dati conservati nel microchip.

chip
Jowan Osterlund con uno dei chip (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

«La gente mi chiede: "Tu ce l'hai il chip?". E io rispondo: "Sì; perché no?". E loro si agitano per le questioni sulla privacy e quello che tutto questo comporta e via di seguito. Per me si tratta solo del fatto che mi piace provare cose nuove» racconta Fredric Kaijser, Chief Experience Officer dell'Epicenter.

«Il prossimo passo dell'elettronica è entrare nel corpo» sostiene Jowan Osterlund, autodefinitosi body hacker e incaricato di praticare le iniezioni.

Dello stesso parere è Sandra Haglog, venticinquenne dipendente di una delle aziende dell'Epicenter, che racconta ridendo: «Voglio far parte del futuro».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
8 previsioni per il 2020 e oltre del ''futurologo'' di Google
L'uomo col chippone sottopelle
Homo cyborg, tra realtà e fantascienza
Cyberpunk e hacker

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Penso che abbiano preventivato tutto questo e che alla fine questo chip serva a ben poco. Aprire le porte, ma non quelle importanti, per l'appunto, quella del cesso va bene, ma non quella che contiene i progetti importanti. Come non aprirà un ipotetica porta di entrata alle 2 di notte per rubare informazioni. Poi già mi immagino le... Leggi tutto
19-4-2017 09:45

Beh una cosa l'hanno inventata: il modo per convincere 150 deficienti su 2000 dipendenti a farselo impiantare e non mi sembra poca roba... E allora io sono contento di restare nel passato. =) Leggi tutto
16-4-2017 11:04

In realtà questi signori non hanno inventato nulla, hanno utilizzato un sistema di controllo accessi integrandolo ad altri servizi (macchinetta del caffè, sistema di pagamento, ecc.); solo che anziché usare una scheda/medaglietta/altro oggetto da portarsi appresso hanno utilizzato un tag RFID come quelli che si usano per gli animali
14-4-2017 15:18

Supponiamo che il dipendente XX, che lavora negli uffici direzionali, si faccia inserire il microchip, con il quale si diverte a aprire porte, fare acquisti eccetera. Dopo un po' di tempo il signor XX si fa assumere dalla principale concorrente e che fa? Si porta dietro,il suo microchip con magari informazioni riservate o deve farselo... Leggi tutto
14-4-2017 14:13

Bastava un ciondolo, un anello, un bracciale, un cazzillo da portarsi appresso magari attaccato all'orologio, ... una cosa qualsiasi. Chi ha pensato una stupidaggine simile ? E chi è così scemo da accettarla ? Invece di farsi fare il buco sulla mano potrebbero usare quello hanno nel cervello (anche !)
14-4-2017 12:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In che modo salvi informazioni importanti affinché nessuno le possa vedere sul tuo computer?
Salvo tutti i dati più importanti in una cartella protetta da password
Nessuno accede al mio computer
Il mio dispositivo è protetto da una password
I dati più importanti sono protetti da crittografia
Proteggo i miei dati quando presto il computer a un'altra persona
Elimino tutti i dati che non voglio che nessuno veda
Non ho dati importanti da proteggere

Mostra i risultati (1045 voti)
Aprile 2017
I viaggi in aereo di oggi sono più lenti. Perché?
Il motore di ricerca BitTorrent personale e inaffondabile
L'attacco phishing impossibile da rilevare
WikiLeaks: Ecco come fa la CIA a violare Windows
La startup che impianta microchip nei dipendenti
''Perché mai dovrebbero rubarmi o clonarmi il profilo Facebook?''
Falla nei chip Wi-Fi, milioni di smartphone vulnerabili
Ubuntu abbandona Unity
Windows 10, il Creators Update è già disponibile
Marzo 2017
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Wikileaks rivela il ''cacciavite sonico'' della CIA per colpire i Mac
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Tutti gli Arretrati


web metrics