Festa della mamma, sono i papà a fare la differenza

Il tasso di occupazione delle mamme con figli decresce ma un buon welfare aziendale può aiutare, partendo dai papà.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-05-2017]

fiori

Da un punto di vista strettamente commerciale, la festa della mamma non conosce crisi: le vetrine allettano, tra le offerte mid seasons, con svariate proposte regalo pensate e, soprattutto, indirizzate "alla mamma". Ma in ambito professionale c'è poco da festeggiare: l'Italia rimane ancora il fanalino di coda dell'Europa quando si parla del binomio mamma - lavoro (per non parlare della carriera).

I dati elaborati da ValoreD - associazione di imprese che promuove la diversità, il talento e la leadership femminile in Italia - restituiscono una fotografia nitida di quanto ci sia ancora da fare per raggiungere i livelli europei. In Italia, il tasso di occupazione delle mamme decresce in base al numero di figli sensibilmente rispetto alla media europea: quelle occupate sono il 58,4% contro una media europea del 72,5% (primo figlio).

Se infatti in Italia il tasso di occupazione tra i 25 e i 49 anni delle donne senza figli è del 62,2%, questo si riduce al 58,4% con la nascita del primo figlio, al 54% con la nascita del secondo, e addirittura al 41,4% per le donne con 3 o più figli mentre in Svezia, ad esempio, le donne che lavorano con più di 2 figli raggiungono il 79,4%. La situazione non cambia quando i bambini crescono, perché se in Finlandia lavora l'89,2% delle mamme con figlio minore in età scolare (6-14 anni), in Italia la media si ferma al 56,4%.

"Questi numeri sono la dimostrazione del fatto che qualcosa non funzioni. Oggi è possibile fare molto per aiutare e sostenere i dipendenti che assumono il doppio ruolo di genitori e lavoratori" - afferma Gianfranco Chimirri, Direttore Risorse Umane di Unilever Italia - "Come? Attraverso un sistema di welfare articolato, mirato e soprattutto dedicato sia alle mamme sia ai papà, che vengono coinvolti in maniera diretta e attiva. È un dato di fatto che la genitorialità preveda il coinvolgimento di entrambi i genitori e puntando sui papà possiamo aiutare tutti, in particolare le donne, a non trascurare il proprio percorso professionale".

Da qui nasce il programma il cui nome dice tutto: Unilever Pregnancy Test, un sistema rivolto ai dipendenti e pensato per le future mamme e papà per aiutarli a pianificare il loro percorso pre, durante e post rientro in ufficio. Consigli, suggerimenti e aiuti concreti sulla gravidanza, l'impatto che essa ha sul proprio lavoro e carriera, e sull'importanza del lavoro di team.

Non solo: orari flessibili, sala allattamento, agile working sono a disposizione di tutti i dipendenti per contribuire a bilanciare un po' meglio vita privata e lavoro, così come viene messa a disposizione l'opportunità di pianificare la propria carriera includendo anche la maternità tra i propri obiettivi a breve e lungo termine.

Sondaggio
Quando fai la spesa, qual è tra questi il profilo in cui ti ritrovi maggiormente?
Vado dritto verso quello che devo comprare e non perdo tempo: guardo solo le caratteristiche del prodotto e quanto costa.
Leggo sempre attentamente le etichette dei prodotti.
Per me gli acquisti sono necessari per una vita piena e appagante.
Per me il prezzo è più importante della marca.
Preferisco essere servito piuttosto che servirmi da solo.

Mostra i risultati (719 voti)
Leggi i commenti (4)

In questo modo, l'azienda si prepara, e prepara il dipendente, ad affrontare le diverse fasi della vita professionale (e non solo) con programmi mirati che prevedono, tra l'altro, mentoring, coaching e training dedicati per aumentare le proprie capacità.

Questo approccio nasce dalla convinzione che il Gender Balance permetta di sviluppare il potenziale di ognuno, esaltando e diversificando i talenti anche al fine di rispondere alle esigenze di una clientela che è certamente mista (in Italia più del 90% dei responsabili d'acquisto dei prodotti è costituito da donne). Insomma, le imprese possono fare la loro parte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Ha poco senso fare un confronto di questo tipo fra Italia e Svezia o Finlandia già si parte da differenze enormi nel tasso di occupazione generale: Italia 55,7%, Svezia 74,9% e Finlandia 68,7% Se poi si va a vedere l differenza fra uomini e donne si ha: Uomini -> Italia 64,7%, Svezia 76,5% e Finlandia 69,5% Donne -> Italia 46,8%,... Leggi tutto
26-5-2017 19:32

Mah, dipenderà dalla zona, ma da quel che ho visto fin'ora, provenendo da una provincia agricola del nord, è che questo lavoro era fatto in prevalenza da maschi, in quanto è un lavoro pesante... ultimamente da stranieri, ci saranno anche donne per carità, non lo voglio mettere in dubbio, e non è nemmeno tutto lavoro nero, per lo più è... Leggi tutto
17-5-2017 18:44

Sula qualità del lavoro non mi esprimo, è un altro tipo di problema. Il fatto è che non credo che in italia le donne siano poco occupate ma solo che gli italiani, da buoni figli di puttana, se ne approfittino appena possono. Ho citato propio colf e lavoro di raccoglitrice in quanto lavori che solitamente coinvolgono molto le donne e... Leggi tutto
17-5-2017 10:50

In teoria no. Dev'essere una magra consolazione fare la colf, o lavorare in nero...e comunque, in certi settori, dove c'è poca professionalità non è che lavorano in nero solo le donne o le mamme, lo sfruttamento non ha sesso, età e nazionalità. Leggi tutto
16-5-2017 16:41

Forse dovresti uscire dall'ottica "madre che preferisce la carriera ai figli" e piuttosto capire che "una madre lavora per mantenere i figli". Figli che vanno a scuola o asilo e che non hanno bisogno di stare con i genitori 24h. E poi una cosa non esclude l'altra. Siamo il fanalino di coda? No...non è un merito.... Leggi tutto
16-5-2017 16:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In quale modo la Rete ti assiste di più per risparmiare?
Trovare gli stessi prodotti disponibili offline, ma a un prezzo inferiore
Accedere a beni introvabili nei negozi solitamente frequentati
Acquistare prodotti altrimenti inaccessibili senza sconti e promozioni online

Mostra i risultati (1668 voti)
Maggio 2017
Il bug di Ntfs che manda in crash Windows
Il malware che si nasconde nei sottotitoli
Usare il Wi-Fi per vedere attraverso i muri
Più di 2.000 dollari per un Bitcoin
Blue Whale, mito di morte pericolosamente gonfiato
Wannacry una settimana dopo: il punto della situazione
1250 modelli di telecamere di sicurezza vulnerabili da remoto
Come rubare le credenziali di Windows usando Chrome
Ma è credibile tutto questo?
Cosa posso fare per difendermi?
Il keylogger nascosto nei portatili di HP
Mozilla scarica Thunderbird
Prende l'iPhone per rispondere e gli esplode in mano
Google svela l'interfaccia di Fuchsia, il successore di Android
Tablet, sempre meno vendite: faranno la fine dei netbook?
Tutti gli Arretrati


web metrics