Economia collaborativa: come nascono le idee?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-06-2017]

collaborare

Spesso si pensa che il lavoro agile, con la sua capacità di rendere autonomo il singolo dipendente o professionista, così che possa operare senza una "base", da qualsiasi luogo, possa comportare una certa alienazione: lo scrittore Colin Nissan, ad esempio, ha pubblicato sul New Yorker un pezzo comico intitolato "Lavoro da casa", in cui presenta uno scenario fatto di giornate intere passate senza mai togliersi il pigiama, scarsa interazione sociale, isolamento, noia.

Per fortuna, nella maggior parte dei casi la realtà è ben diversa: lo smart working è caratterizzato dall'interazione e dal proliferare di luoghi che offrono al lavoratore nomade la possibilità di avere non solo un ufficio, ma di connettersi con una vera e propria comunità innovativa, andando direttamente al cuore pulsante della fucina da cui nascono le idee.

Collaborare, conversare, condividere: questi gli elementi caratterizzanti le imprese di oggi e il nuovo rivoluzionario modo di pensare al lavoro, la cui logica risiede nel valore delle community, capaci di esaltare le competenze del singolo attraverso la partecipazione collettiva. Ma, allora, come nascono le idee al tempo della sharing economy?

Nascono, ad esempio, negli spazi dedicati al coworking, come Copernico. All'interno del workspace di Milano Centrale è germogliata la collaborazione tra Cristian Di Filippo e Emanuele Capra che ha portato alla creazione di Easy2Check. Cristian, consulente in ambito sicurezza sul lavoro ed Emanuele, che si occupa di risk management, organizzazione aziendale e sistemi di gestione, si sono conosciuti in Copernico circa un anno e mezzo fa.

Cristian spiega a Zeus News: "Lavorando in due settori complementari e chiacchierando sulle difficoltà che avevamo nell'aiutare i nostri clienti, ci siamo resi conto della necessità di avere uno strumento innovativo che permettesse di fare valutazioni sulla sicurezza e sul benessere delle persone, a casa o al lavoro, in modo semplice e veloce. Era già faticoso, per le aziende, condurre questo tipo di analisi presso le loro sedi, ma oggi, a causa della diffusione del lavoro smart e del telelavoro, i luoghi e le situazioni da controllare si sono moltiplicati e ed è difficile gestire questa complessità. Grazie alla nostra app, invece, ogni singolo lavoratore potrà fare da solo una valutazione della sicurezza del proprio ambiente di lavoro e l'azienda riceverà subito le informazioni per stabilire possibili azioni di miglioramento."

Sondaggio
Hai un'idea nel cassetto e ti piacerebbe aprire una startup per realizzarla. Che cosa ti frena?
Non ho i soldi per farla partire
Il momento economico non è favorevole
Non ho ancora trovato le persone giuste con cui farlo
E' troppo rischioso per me
Non sono sicuro di riuscire a portarlo a termine
Sarebbe troppo complicato, indipendentemente dai soldi
Non mi sento portato a fare l'imprenditore
E' solo un sogno e in realtà non credo che lo farei
Per un altro motivo e cioè...

Mostra i risultati (1128 voti)
Leggi i commenti (5)

Easy2Check fornisce risultati immediati, suggerimenti pratici per migliorare subito, approfondimenti multimediali e indicazioni sulle soluzioni tecnologiche più efficaci. Il servizio si presta non solo a misurare l'adeguatezza degli "uffici" del professionista agile o dell'impiegato d'azienda (stanza, scrivania, sedia, illuminazione, climatizzazione, etc.), ma anche la sicurezza delle abitazioni di singoli utenti e delle famiglie in caso di incidenti domestici, terremoto o altri eventi naturali, e in futuro includerà "altre aree come la sicurezza stradale, il benessere personale e la conciliazione casa-lavoro, la sicurezza delle attività produttive."

Sempre all'interno del coworking e grazie al network di Copernico, poi, i due imprenditori hanno trovato i talenti necessari a creare un team di qualità per lo sviluppo tecnico dell'applicazione e del portale web. Come quella di Easy2Check, tante altre idee nascono quotidianamente nei coworking di tutto il mondo. In un mercato definito da cambiamenti sempre più rapidi, il bisogno di soluzioni innovative diventa sempre più impellente e i vari settori, da compartimenti stagni, si fanno sempre più interconnessi.

È per questo che le soluzioni collaborative, oggi, hanno un successo mai visto prima. Se si pensa che dall'interazione nei coworking d'oltreoceano sono nati quelli che ormai sono colossi dell'innovazione tecnologica, come Uber, Instagram e Indiegogo, si comprende facilmente l'importanza essenziale di questi "contenitori di potenzialità": in un orizzonte sempre più votato all'integrazione delle competenze, questi luoghi non solo agevolano e stimolano la creatività, ma offrono dei veri ecosistemi di risorse, ispirazioni, progetti, talenti, gettando le basi per la crescita professionale (e personale) di ognuno e la nascita delle comunità innovative del futuro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{brass}
"in un mercato definito da cambiamenti sempre più rapidi" a vantaggio di pochi e col sudore di moltissimi, un giorno ci troveremo morti senza aver vissuto un solo momento della nostra vita tranne, forse, nell'infanzia.
13-6-2017 20:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per cosa soprattutto ti sono utili i social media, sul lavoro?
Per prendermi una pausa dal lavoro
Per comunicare con gli amici e la famiglia mentre sono al lavoro
Per comunicare con i miei contatti professionali
Per trovare informazioni che mi aiutino a risolvere problemi di lavoro
Per costruire o rinforzare relazioni personali con i colleghi o i miei contatti di lavoro
Per scoprire cose sulle persone con cui lavoro
Per porre domande relative al lavoro a persone fuori dalla mia azienda
Per porre domande relative al lavoro a persone dentro la mia azienda

Mostra i risultati (271 voti)
Agosto 2017
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
I sospetti della FDA sull'hamburger vegano
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Il file sharing monouso di Mozilla
Antibufala: ''robot di Facebook'' che parlano fra loro una lingua sconosciuta
Video: perché questo uccellino sta a mezz'aria con le ali ferme?
Fondatore di Tor: il Dark Web non esiste
Luglio 2017
Windows 10, Creators Update per tutti
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Tutti gli Arretrati


web metrics