Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
IBM prevede che cinque tecnologie diventeranno realtà entro il 2016. Quale credi che si realizzerà davvero?
Microgenerazione: tutto ciò che si muove (camminare, andare in bicicletta, persino l'acqua che scorre nei tubi) produrrà energia, e diremo addio alle grandi centrali.
Password genetica: scansione della retina, riconoscimento vocale e i tratti biometrici in generale saranno combinati per creare una password unica e irripetibile.
Lettura del pensiero: come Kinect legge i movimenti, così i dispositivi del futuro leggeranno la volontà degli utenti tramite le onde cerebrali, e ne anticiperanno i desideri.
Addio al digital divide: grazie ai dispositivi mobili, anche le più remote aree del globo saranno connesse a Internet, avranno accesso alle informazioni e potranno migliorare la qualità della propria vita.
Apprezzeremo lo spam: le email spazzatura diventeranno così personalizzate da risultare utili, trasformandosi da seccature in opportunità.

Mostra i risultati (2623 voti)
Settembre 2014
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Come ti buco l'app di Gmail (e non solo)
Il video dell' ''alieno'' sulla Luna
Microsoft accelera e toglie i veli a Windows 9 a settembre
Curriculum vitae per aziende hi-tech
Google offre un milione a chi creerà un piccolo inverter
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
Ripulire l'isola di plastica del Pacifico
Si fotografa nuda nel palazzo del governo
L'estensione per gli ebook di Amazon in versione pirata
Il robot-origami è il primo vero transformer
Napoli lascia il Pinguino e ritorna con Microsoft
Tutti gli Arretrati

I ragazzi di No Urbani

Sono riusciti a mobilitare la Rete italiana contro il decreto Urbani, ottenendo 25.000 firme in pochi giorni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-03-2004]

Sono i ragazzi di No Urbani il fenomeno più vistoso e di successo del Net attivismo italiano.

Senza avere alle spalle nessun partito politico o associazione influente, senza mezzi economici, senza essere conosciuti, sono riusciti a raccogliere, in pochi giorni, 25.000 firme contro il decreto Urbani che criminalizza anche il file-sharing senza fini di lucro per i film.

Si tratta di una mobilitazione spontanea, corale, che hanno avuto il merito di cogliere e promuovere. Per saperne di più ho intervistato uno di loro: Andrea Sanna.

ZN: Chi siete? Cosa fate oltre ad opporvi a Urbani?

Andrea Sanna:"Sono il presidente dell'associazione culturale Plugs (Progetto Linux User Group Sassari), un'associazione che ha come fine la diffusione di Linux e del software libero. Giuseppe Fiori e Paolo Ferrandi sono le vere menti che hanno scritto il documento, io li ho aiutati nella rifinitura e creazione del sito web. Bisogna ringraziare loro."

ZN: Come vi è venuta l'idea della petizione online?

Andrea Sanna:"Bevendo tre birre al bar. Inizialmente abbiamo scritto quel documento per sfogarci e dire la nostra. Poi abbiamo pensato di mettere uno stupido form per permettere, a chi condividesse la cosa, di firmare. Dopo poche ore ho dovuto riscrivere interamente il sito e snellirlo (la mia Adsl 640 non reggeva tutte quelle visite)."

ZN: Quante e-mail avete ricevuto?

Andrea Sanna: "Molte. ricevo in continuazione e-mail di ringraziamento o consigli di qualsiasi tipo. Sono stati anche molti i portali che hanno scritto di noi e hanno esposto il loro banner sul loro sito. Sul sito Key4biz.it è stato proposto anche di creare una vera e propria alleanza partendo dalla nostra idea di raccogliere le firme."

ZN: E adesso cosa ne farete delle firme? Quali iniziative ulteriori avete in mente?

Andrea Sanna:"Le firme non hanno alcun valore legale. Diciamo che servono a noi per contarci e per riuscire a strappare uno stralcio di articolo su qualche quotidiano/rivista. Molti giornali, portali e tv, solo vedendo il numero delle firme, hanno deciso di parlare di noi: Punto-Informatico, Tg Com, La Stampa, Neapolis(Tg3), L'espresso. Per citarne alcuni. A breve, insieme ad altre associazioni ed aiutati dal Sen. Fiorello Cortiana, presenteremo le firme in Senato per dire il nostro secco NO a questo decreto inutile e inapplicabile."

ZN: In genere, c'è sempre più sfiducia verso questo tipo di iniziative, perché, invece, voi siete fiduciosi?

Andrea Sanna: "A nostro giudizio, il decreto non è attuabile: è solo una stupida legge all'italiana. Una di quelle leggi che servono solo per tenere buone le case discografiche, editrici, ecc. Ma che di fatto non verrà mai osservata."

ZN: Siete sardi come Soru: cosa ne pensate, Internet è sarda?

Andrea Sanna: "Definire Internet sarda è sminuire la sua grandiosità. Certo che Soru ha dato molto per la diffusione della Rete. Abbiamo in mente di incontrarci con lui a breve, ma ultimamente è impegnato nella sua candidatura alle regionali."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

secondo me... Leggi tutto
22-4-2004 17:53

Faso
questi ragazzi sono semplicemente grandiosi!!!!!!!
15-4-2004 22:30

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics